L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Kurtzman e Orci: «Star Trek aveva bisogno di un po’ di Rock n’ Roll!»

Di

orci_kurtzman

La rivista inglese SciFiNow Magazine ha intervistato gli sceneggiatori di Star Trek (e Transformers, e Fringe) Roberto Orci e Alex Kurtzman, i quali se ne sono usciti con un sacco di retroscena molto interessanti sull’ultima creatura di J.J. Abrams. Innanzitutto, Star Trek XI è il primo episodio cinematografico della saga ad essere rilasciato in estate, anziché a Natale, ponendo ancora una volta Trek a confronto con la franchise rivale Star Wars, abbonata invece alle uscite estive.

Roberto Orci: Ovviamente eravamo convinti per il Natale, perché è la sua nicchia. Ma crediamo che possa sostenere un’uscita estiva. Una delle cose che abbiamo detto all’inizio è che Star Wars e Star Trek saranno sempre oggetto di comparazione da parte del pubblico. Ma perché Star Wars è sempre in grado di avere la meglio, anche se entrambi sono ambientati nello spazio e hanno dei personaggi simili? Penso che sia perché Star Wars ha una dose maggiore di rock n’ roll rispetto a Star Trek.

Alex Kurtzman: Quindi abbiamo pensato che l’ingrediente mancante, in questo caso, fosse un po’ di rock n’ roll. E se siamo riusciti a fornirlo, penso che incontrerà le aspettative del pubblico estivo. Star Trek era essenzialmente una battaglia di sottomarini, anche se nello spazio. Star Wars era volare nella fossa della Morte Nera a mach 70.000 per sparare un piccolo proiettile in una strettoia. L’esperienza per lo spettatore è differente: credo che questa abbia una certa velocità in più. Secondo me, non c’era ragione che le due cose si escludessero a vicenda. Ovviamente devi essere molto fedele allo spirito di Star Trek nel senso che non puoi violare il canone, ma ciò non significa che non si possa anche avere l’altro elemento.

Sull’opportunità di avere Leonard Nimoy nella parte di Spock anziano, Kurtzman ha commentato:

E’ nel film perché ci voleva essere, e questo è stato il più grande complimento possibile per tutti noi e in un certo senso la nostra bussola… Perché aveva detto che non l’avrebbe più fatto assolutamente, e di certo non aveva bisogno dei soldi. Se l’ha fatto, è perché ci crede davvero e pensa realmente che il film stia andando nella giusta direzione. Per noi è stato come un barometro.

(Fonte: TrekMovie)

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love, Death + Robots – Volume 2: il nuovo red band trailer della serie Netflix 10 Maggio 2021 - 21:00

La serie antologica animata di David Fincher e Tim Miller tornerà con otto nuovi episodi il 14 maggio

Videogames News: Il Futuro di Google Stadia, I Problemi di Returnal, Xbox in Perdita 10 Maggio 2021 - 20:35

Ecco come ogni settimana la nostra rubrica riguardante tutte le più interessanti notizie in arrivo dal mondo dei videogiochi!

Solos: Dal 25 giugno su Prime Video la serie antologica Amazon Original 10 Maggio 2021 - 20:15

In Italia arriverà il 25 giugno su Prime Video: Solos la serie antologica Amazon Original creata da David Weil, con Anne Hathaway e Helen Mirren

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).