L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Home, la recensione

Di Gabriele Niola

Home Poster ItaliaRegia: Ursula Meier
Cast: Isabelle Huppert, Olivier Gourmet, Adélaïde Leroux, Madeleine Budd
Durata: 95 minuti
Anno: 2008

Comincia subito spingendo il pedale sul grottesco il film di Ursula Meier, una famiglia che per una serie di ragioni che non vengono spiegate (e che non saranno spiegate nemmeno più avanti) abita ormai da 10 anni una casa che sorge adiacente ad un’autostrada mai finita. Ci vengono mostrati allegri, affettuosi e spensierati, in pieno equilibrio, almeno fino a che lo stato di punto in bianco decide di completare i lavori e far diventare quel tratto una parte funzionante della rete autostradale nazionale.

Un elemento muta e cambia lo scenario della vita di una famiglia apparentemente tranquilla, ma non ne rivela i contrasti interni sopiti e inespressi bensì li conduce molto gradualmente alla pazzia ognuno per conto proprio.
Non c’è molto altro in Home se non questo lento incedere verso una totale deriva mentale data dal vivere in prossimità di un’autostrada con tutti i pericoli, i fastidi e l’inquinamento acustico e ambientale che comporta.

La pazzia del lento chiudersi in se stessi, dell’isolarsi dal mondo che diventa insostenibile non è poi funzionale ad altro. I personaggi impazziscono e poi? E poi niente. Impazziscono. Un po’ poco.
Al di fuori di alcune idee e alcuni momenti autenticamente claustrofobici Home annoia anche un po’ incapace di elevare i propri personaggi a figure interessanti.
La figlia ribelle che scappa, quella più introversa e cervellotica che si rifugia nei numeri, il più piccolo che non sa come reagire e la madre che è la prima a dare di matto. Non c’è sintesi.

Alla fine è un grido di ribellione contro l’inquinamento? Contro il vivere moderno? Contro la massa che uccide chi si differenzia? Contro lo stato assente che poi si palesa senza curarsi degli effetti?
In ogni caso arriva molto poco.

La vera sorpresa è un Olivier Gourmet talmente bravo da mettere in ombra Isabelle Huppert.

Se non hai trovato conforto ai tuoi pensieri qui e nemmeno un serio stimolo che scardini le tue sicurezze troverai tutte le valide alternative qui.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La casa di carta 5: Alvaro Morte ha terminato le riprese, il suo addio al Professore 8 Maggio 2021 - 12:00

Sono terminate le riprese della quinta (e ultima) stagione di La casa di carta. Alvaro Morte, meglio noto come il “Professore”, ha dato l’addio al suo personaggio su Instagram.

Lily James e Sebastian Stan sono Pam and Tommy nelle prime foto della serie 8 Maggio 2021 - 11:00

Lily James è irriconoscibile nel ruolo di Pamela Anderson: ecco le prime immagini di Pam and Tommy, miniserie in cui Sebastian Stan interpreterà Tommy Lee.

Box Office Italia: Nomadland sempre primo 8 Maggio 2021 - 9:43

Nomadland, il lungometraggio Searchlight Pictures vincitore di tre Premi Oscar come Miglior film, continua a dimostrarsi il favorito del pubblico. Seguono Rifkin's Festival e Minari.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.