L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Firstshowing intervista Zack Snyder

Di

Noi ci siamo dovuti accontentare di incontrarlo virtualmente durante il Q&A nell’ambiente virtuale di PlayStation Home ed anche se divertente non è certo stato come per FirstShowing da cui viene questa lunga intervista.

Ecco alcuni highlights tratti dall’intervista, rigorosamente senza spoiler…

Cosa tenere e cosa tagliare: “C’erano cose nel graphic novel che sapevo avrei dovuto avere nel film: il funerale del Comico, Manhattan su marte, l’interrogatorio di Rorschach […], e il resto, le cose che circondavano quelle idee, dovevano come supportare quei concetti. Tutto quello che abbiamo lasciato fuori, o inventato, è stato per spingere avanti la storia e far funzionare queste cose”;

Su computer graphic e riprese dal vivo: “Non c’è così tanta CGI in Watchmen, almeno non più di quanta ce ne sia nei film oggi. […] Bisogna lasciare che il confine [tra set reali e al computer] vacilli; non c’è differenza per me, oggi. La gente chiede ‘è un film fatto con lo schermo verde e la CGI, oppure un film girato su set reali’, e io dico ‘è la stessa cosa’”;

Come equilibrare stile e storia: “Per me è la stessa cosa. Lo stile è intuitivo, non sto ad analizzarlo, è solo il modo in cui voglio girare. […] Più cerchi di studiare una ripresa in modo che diventi una “ficata”, più è facile sbagliare. Pensi solo a quello e non alla storia”;

Sull’aver realizzato un’opera fedele ma allo stesso tempo personale: “Credo che sia perché adoro il libro e quindi per me è una cosa personale. […] Ecco perché quando passa attraverso me, esce dall’altra parte cambiata… ma non diversa”;

Sui costumi: “Dave [Gibbons] non ha mai inteso che fossero supereroi sfigati. Se li avessi vestiti con dello spandex… il film sarebbe stato tagliato fuori all’istante”;

Sul pubblico: “Credo che il migliore pubblico per il film sia chi non ha letto il graphic novel, perché la loro esperienza è reale, stanno davvero guardando il film e cercando di capire ‘cosa succederà adesso?’. La gente mi chiede ‘dovrei prima leggere il fumetto o vedere il film’ e io rispondo ‘vedi il film prima e poi leggi il fumetto’;

Su un’ipotetica versione cinematografica de Il ritorno del cavaliere oscuro, graphic novel di Frank Miller che ritrae un Batman anziano: “Credo che la cosa fantastica de Il ritorno del cavaliere oscuro sia che, come Watchmen, è un’esperienza totale. La sfida per me sarebbe mantenere l’aspetto dei media, quella è la tecnica da sviluppare per farlo funzionare. Ma la cosa a cui sarei veramente interessato sarebbe il modo in cui la narrazione di Frank segue l’azione”.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Prodigal Son: la serie cancellata dopo due stagioni 11 Maggio 2021 - 12:00

Prodigal Son non avrà una terza stagione. Gli ascolti non hanno premiato lo show, che si è confermato il meno apprezzato tra i drama di Fox.

The Premonition: Phil Lord e Chris Miller dirigeranno un film sui primi giorni del Covid 11 Maggio 2021 - 11:15

Dal libro di Michael Lewis, autore di Moneyball e La grande scommessa, la storia di un gruppo di persone che tentò di avvertire gli USA del pericolo Covid

Army of the Dead – Il reclutamento della squadra e la tigre zombie nelle nuove clip 11 Maggio 2021 - 10:30

Sono disponibili cinque clip di Army of the Dead che mostrano il reclutamento di alcuni membri della squadra e il primo incontro con la tigre zombie.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).