L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ex, la recensione

Di Gabriele Niola

Ex Poster ItaliaRegia: Fausto Brizzi
Cast: Alessandro Gassman, Claudia Gerini, Silvio Orlando, Cristiana Capotondi, Flavio Insinna, Nancy Brilli, Elena Sofia Ricci, Gianmarco Tognazzi, Enrico Montesano, Vincenzo Salemme, Claudio Bisio, Fabio De Luigi
Durata: 120 minuti
Anno: 2009

Brizzi & Martani (con l’aggiunta stavolta di Massimiliano Bruno) dopo il giovanilismo militante sembrano essere tornati dalle parti dei cinepanettoni, che è poi la cosa che più li ha formati (lavorativamente parlando) nel mondo del cinema.
Dopo gli exploit più personali con i due Notte Prima Degli Esami e l’esperimento (fallito ma meritevole un tentativo) di Cemento Armato ora Ex è la corretta trasposizione sanvalentinica dell’evento natalizio. Un film da consumare al volo che presenti esattamente ciò che gli spettatori si attendono e vogliono consumare. Niente di più, niente di meno.

Anche gli attori sono per certi versi quelli degli ultimi cinepanettoni (con Fabio De Luigi e Claudio Bisio in prima linea ma anche piccoli cammeo di gente come Enzo Salvi) e l’aria che si respira, quella delle gag una in fila all’altra grazie ad un filo di trama, sembra provenire proprio da quell’idea di consumo cinematografico, quello per intenderci che secondo dati, statistiche e valutazioni sugli incassi non dovrebbe appartenere al pubblico delle sale (anche al più becero) ma a quello eccezionale di Natale.
Se davvero Ex riuscirà a portare al cinema ancora una volta il pubblico che solitamente non ci va (e Brizzi già l’ha fatto in passato) anche senza parlare necessariamente di giovanilismo sarà una conquista commerciale.

Per il resto altro non ho visto. Tutto sembra incentrato sul mostrare storie diverse ma unite dal fatto che in un modo o nell’altro i personaggi si conoscono, anche solo in maniera labile. Con coincidenze almodovariche (o anche arriaghiche) i personaggi si incontrano e incrociano di continuo. Ma da tutto questo, da tutto questo voler dipingere un piccolo mondo contaminato, non emerge senso. E’ una trovata di messa in scena solo a parole.

In omaggio a san Valentino l’amore trionferà con una stucchevole insistenza e inesorabile buonismo, fingendo di mettere in scena la malignità piccolo borghese solo per salvarla senza esitazione o dubbio alla fine vantandosi spudoratamente in certi punti del suo non inventare nulla. Nel 2009 un prete italiano moderno e “fico” che parla al crocefisso conconfidenza? Le canzoni usate come piccoli inserti romantici? Ma non c’è stato Magnolia? Non si era detto che dopo quel momento di canto corale non si sarebbe potuti tornare indietro??

Si, lo so che in giro c’è chi ne parla bene. Capita anche questo. E se state cercando una di quelle recensioni o se volete segnalarla potete fare tutto qui.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Crudelia – La gente ha bisogno di un cattivo in cui credere nel nuovo spot 8 Maggio 2021 - 14:00

Il nuovo spot esteso di Crudelia include molte scene inedite, e afferma che "La gente ha bisogno di un cattivo in cui credere".

Mission: Impossible 7 – Tom Cruise sulle cover di Empire 8 Maggio 2021 - 13:00

Tom Cruise in motocicletta sulle copertine di Empire dedicate a Mission: Impossible 7. La star parlerà della sua crociata per salvare i cinema.

La casa di carta 5: Alvaro Morte ha terminato le riprese, il suo addio al Professore 8 Maggio 2021 - 12:00

Sono terminate le riprese della quinta (e ultima) stagione di La casa di carta. Alvaro Morte, meglio noto come il “Professore”, ha dato l’addio al suo personaggio su Instagram.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.