L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Aspettando il sole, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Aspettando il sole Poster ItaliaRegia: Ago Panini
Cast: Raoul Bova, Gabriel Garko, Claudia Gerini, Vanessa Incontrada, Gennaro Raiz Della Volpe, Rolando Ravello, Sergio Albelli, Giuseppe Cederna, Massimo De Lorenzo, Corrado Fortuna, Claudio Santamaria, Alberto Bebo Storti, Alessandro Tiberi, Thomas Trabacchi, Michele Venitucci
Durata: 96 minuti
Anno: 2008

E’ strano come alle volte un film girato non benissimo, scritto abbastanza male, recitato peggio e musicato banalmente riesca poi lo stesso a sortire un certo effetto.
Ambientato in un non-luogo isolato e disperato, un hotel dalla collocazione sicuramente provinciale o periferica ma non meglio precisata, Aspettando il Sole incrocia molte storie diverse (ad ognuna corrisponde una diversa stanza dell’hotel più la reception) raccontandole in parallelo per rendere conto di un’umanità disperata che non riesce a trovare senso in quello che fa, ma che lo stesso lo fa.
Ladri che confessano ingenuamente, amanti che parlano di uccidere e poi uccidono, maniaci dell’ordine pronti a loro volta ad uccidere, teppisti svogliati, mariti violenti e attori di un porno dai sentimenti nobili.

Il succo di Aspettando il Sole dovrebbe essere tutto nel rapporto tra realtà e finzione o meglio tra realtà e suo racconto mediato. A contrappuntare tutte le scene c’è sempre in ogni stanza un televisore acceso, un registratore, un telefono o comunque un medium in grado appunto di mediare i racconti, di replicarli, raddoppiarli e fare così un commento su ciò che accade.
Si vedono molti film (cioè i protagonisti guardano film) che anticipano alle volte ciò che accadrà in quella stanza (clamoroso il caso di Claudia Gerini e Detour), alle volte invece si tratta di interventi dei media nelle vite dei protagonisti (Gabriel Garko e la televendita), alle volte infine il racconto si fa mentre la storia procede (con le menzogne telefoniche di Raoul Bova) oppure viene esplicitato a parole (la vita sognata dagli attori porno).

Nonostante però tanto impegno la realizzazione è scarsa e più che avere autentiche riflessioni spesso ci si trova di fronte a banali riproposizioni di idee già viste e sentite (la pornoattrice di buoncuore, l’uomo preciso e quindi maniaco, la coltivazione selvaggia e maniacale di elementi distruttivi come le termiti e l’idea stessa del titolo che comprime tutto in una nottata identificando con l’alba la metafora liberatoria).

Eppure l’ambiente straniante, la messa in scena che guarda ad una certa corrente surreale moderna francese e l’idea di portare sempre tutto alle estreme conseguenze in un certo senso perverso finiscono per convincere.
Non è un bel film Aspettando il Sole, eppure indubitabilmente lascia stupiti.

Questo film è pronto per diventare un cult di nicchia? Vuoi far partire il culto o vuoi fermarlo finchè siamo in tempo? Puoi fare tutto scrivendo qui.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Green Knight – I character poster del film di David Lowery 7 Maggio 2021 - 8:45

Sono disponibili cinque character poster di The Green Knight, l'attesissimo fantasy di David Lowery targato A24 e basato su una storia dei miti arturiani.

Cenerentola: il film Sony con Camila Cabello andrà su Prime Video 6 Maggio 2021 - 21:30

Amazon Studios sta per stringere un accordo con Sony e distribuirà il film su Prime in tutto il mondo, tranne che in Cina

Gangs of London: annunciati i registi della stagione 2 6 Maggio 2021 - 21:00

La serie Sky creata da Gareth Evans (The Raid) tornerà con nuovi episodi, e ora sappiamo chi li dirigerà

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.