Quarantine, la recensione in anteprima

Quarantine, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Quarantine Poster USARegia: John Erick Dowdle
Cast: Johnathon Schaech, Jennifer Carpenter, Columbus Short, Jay Hernandez
Durata: 89 minuti
Anno: 2009

Quarantena può essere definito solo come: interessante. Interessante per tantissimi motivi, molti dei quali esulano dal godimento stesso dell’opera.

E’ interessante perchè conferma in quale maniera gli americani, che si rifiutano di doppiare i propri film, preferiscono rifarli da capo, mettendo in campo tutte nuove compentenze intorno a concept e script che rimangono per l’80% identici a quelli di partenza.

E’ interessante perchè pur essendo Quarantena quasi identico a REC a livello di sceneggiatura, opera dei cambiamenti fondamentali a livello di messa in scena.
REC riprende tutto simulando quanto più possibile il tipo di inquadrature televisive o comunque amatoriali per cercare di “immergere”, Quarantena finge solamente di fare la stessa cosa in realtà bara e pesantemente. Le inquadrature e le scelte che vengono fatte su “come riprendere cosa” sono in realtà puramente cinematografiche. Lo vediamo dalle luci come sono disposte, dalla composizione che spesso è misuratissima, dai giochi di sfocato, dalle mille strategie di linguaggio filmico. Si può dire che l’unico legame tra i due modi di riprendere sia la dichiarata “instabilità” della ripresa a mano.

E’ interessante perchè nonostante si rifaccia a qualcosa di non americano porta comunque avanti il discorso tutto hollywoodiano sull’incorporare lo stile con macchina a mano all’interno degli standard dello studio system. Un discorso molto delicato per un’industria fondata sui prodotti commerciali che ha integrato con grandissimo ritardo una soluzione “autoriale” come quella dell’handycam.
Sono arrivati prima i film di guerra, poi l’azione metropolitana, poi le serie TV, i blockbuster e gli horror. Ora la messa in scena con macchina a mano è uno standard e si sta evolvendo sempre di più. Quarantena la mette ad un altro livello anche rispetto al recente Cloverfield, cercando di operare il passaggio dal naturalismo “dogmatico” ad una più tradizionale messa in scena controllata all’americana.

E’ interessante perchè dalle piccole differenze tra come si genera la paura in REC e come in Quarantine si capisce quale sia lo specifico del terrore all’americana. Parlo degli infetti che grugniscono come zombie, parlo del maggiore spargimento di sangue e dei minori riferimenti satanico/cattolici, parlo del ruolo molto più presente e maligno delle forze dell’ordine e infine di una tensione che viene resa utilizzando di più tutti gli strumenti del linguaggio filmico.

In questo allora Quarantena risulta molto più autoriale e raffinato di REC. Tuttavia, a parte questi spunti non di grande rilievo per tutti, rimane un mistero perchè lo spettatore italiano dovrebbe andare a rivedere un film identico ad un altro uscito un anno fa.

Vuoi una recensione che soddisfi di più il tuo senso tutto particolare per l’horror? Vuoi sentire parlare di quanti schizzi di sangue si vedano? Se una risposta c’è la trovi qua.

LEGGI ANCHE

Gli studios ignorano le richieste sui protocolli sull’aborto dei creatori 11 Agosto 2022 - 18:03

Disney, Netflix, AppleTV+, NBCUniversal, Amazon, Warner Bros, Discovery e AMC Networks hanno risposto alla richiesta di rettificare il piano di sicurezza sull'aborto di più di mille creatori di Hollywood.

Cenerentola: il trailer del musical Amazon con Camila Cabello 3 Agosto 2021 - 20:20

La rilettura della classica fiaba arriverà su Amazon Prime Video il 3 settembre

Anche Zendaya reciterà nel Dune di Denis Villeneuve 30 Gennaio 2019 - 22:44

La giovane attrice lanciata da Spider-Man: Homecoming raggiungerà un cast davvero stellare!

Contest Scanner – Gioca e Vinci con L’estate addosso, Pets e Alla ricerca di Dory 11 Settembre 2016 - 17:00

Ecco i migliori concorsi / contest / giveaway legati al mondo del cinema e della televisione comparsi nel web negli ultimi giorni...

Super Mario Bros., storia del più celebre idraulico del mondo (che all’inizio non era un idraulico) 29 Marzo 2023 - 9:41

Le umili origini da carpentiere tappabuchi, poi la conquista del mondo. La storia di Mario Mario, e di come è diventato un'icona.

The Mandalorian, stagione 3 episodio 4: il grande ritorno di Jar Jar Binks (più o meno) 23 Marzo 2023 - 8:44

Jar Jar Binks in The Mandalorian?!? Eh. E dovete pure dirgli grazie.

Hello Tomorrow! è, a ora, un gran peccato (no spoiler) 17 Marzo 2023 - 14:39

Ma più che altro, arrivederci. Una serie di Apple TV+ che mi sarebbe piaciuto tanto farmi piacere. E invece.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI