L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Mar Nero, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Mar Nero Poster ItaliaRegia: Federico Bondi
Cast: Ilaria Occhini, Dorotheea Petre, Corso Salani
Durata: 95 minuti
Anno: 2009

Cinema italiano e Romania, gli immigrati come nuova frontiera del sociale o nuovo segmento nel quale scavare per trovare e capire la società moderna e la Romania come nuovo centro delle novità cinematografiche.

Il sottoproletariato è l’unica classe ancora capace di vivere una dimensione realmente panica della vita, sosteneva Pasolini e la stessa cosa sembra sostenere l’anziana e dura signora toscana che si lascia conquistare dalla sua giovane badante rumena: “I loro baci sono sottolineati” dice ad un certo punto al figlio e sua moglie rimproverandogli di non essere capaci di simili slanci.
E lei stessa, acciaccata e debole, accompagnerà la ragazza di nuovo in Romania (che le ricorda l’Italia della sua giovinezza) per aiutarla a recuperare il rapporto con il suo fidanzato.

Nel complesso Mar Nero è un film di situazioni e sentimenti, quel genere che produciamo in abbondanza e spesso senza particolari guizzi. Ma non è questo il caso. Se di tutta la produzione che l’Italia fa in tal senso dovessimo tenere un solo film quest’anno dovrebbe essere Mar Nero.
A dirigere c’è l’esordiente Federico Bondi, bravissimo nel non essere mai protagonista pur dando una chiara impronta al film. Gioca molto con i fuoricampo, gestisce in maniera intelligente cosa mostrare e cosa suggerire senza mai azzardare giudizi o prese di posizione. Per quello che si è visto il suo non sembra un cinema immerso nel sociale, non sembra voler parlare dei rumeni per mettere in luce la loro vita e il modo in cui si inseriscono nel tessuto italiano (come invece faceva Munzi), sembra voler parlare di loro perchè in questo momento quel segmento è il più interessante.

Ma ciò che meraviglia più di tutto è come il film affianchi le diverse sequenze autoconclusive che costituiscono il racconto con grande fluidità e nonostante il conto delle battute tra le due protagoniste sia molto sbilanciato a favore di Ilaria Occhini, lo stesso il ritratto della giovane badante è il più convincente, quello che illumina il film di quella luce di cui godono tutto.

Non siamo così arroganti da costringerti ad un parere solo. Tutte le altre recensioni e quelle che vorrai segnalare sono qui.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Papà, non mettermi in imbarazzo: Netflix cancella la sit-com di Jamie Foxx 19 Giugno 2021 - 13:00

La serie, co-creata da Foxx e Jim Patterson, non tornerà per una seconda stagione sulla piattaforma streaming

Luca arriva su Disney+, ecco le interviste ai doppiatori italiani 19 Giugno 2021 - 12:00

Luca, il film Pixar ambientato in Italia scritto e diretto da Enrico Casarosa, è ora disponibile su Disney+. Per l’occasione vi presentiamo le interviste ai doppiatori italiani.

Black Widow – Natasha contro Taskmaster nel nuovo poster 19 Giugno 2021 - 11:00

A poche settimane dall'uscita, Natasha Romanoff attacca Taskmaster nel poster di Black Widow realizzato da Adam Stothard.

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)

Luca, la recensione (senza spoiler) del nuovo film Pixar 16 Giugno 2021 - 18:00

Luca e la vacanza di Pixar in Italia: un'estate al mare, in compagnia di amici, nemici e di una grande speranza per tutti.