L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Lost è tornato: ecco la nostra recensione!

Di Cristiano

Se non ve ne siete accorti, Lost è tornato. Mercoledì, sulla ABC, è partita la quinta stagione di quello che è certamente uno dei più amati serial televisivi di sempre. Chiaccherato, discusso, scaricato: il successo di Lost non è legato solo agli ascolti, perchè in realtà ci troviamo di fronte ad un vero e proprio fenomeno di costume.

Con un doppio episodio si è aperta la penultima stagione di Lost e tutto quello che – fino a questo momento – gli autori avevano solo lasciato intendere, ora è finalmente venuto fuori, palese e incontestabile: Lost ha una logica temporale e spaziale tutta sua, si, ma questa volta ci viene parlato chiaramente – attraverso le voci dei personaggi (portavoce della crew dietro la serie) – di viaggi nel tempo.

Il primo episodio – Because You Left – è l’emblema di tutto quello che Lost è sempre stato: un viaggio sulle montagne russe. Tra flashback e flash-forward c’è veramente di che perdersi, ma – e probabilmente questo è il più grande merito della serie – perdere il filo è praticamente impossibile. Un pò perchè Lost ti tiene con gli occhi incollati allo schermo fino all’ultimo minuto, un pò perchè gli autori sono talmente bravi a giocare con le sceneggiature, da darci quello che dobbiamo avere e niente di più. Lo stretto necessario, che soddisfa e (al momento) ci basta.

Because You Left si apre con una scena di vita quotidiana, un pò a la Man Of Sciene, Man Of Faith (2.01). Scopriamo di essere negli anni ’70 e il misterioso uomo è Marvin Candle, quel dottore della Dharma Initiative che tanto abbiamo visto durante il corso delle stagioni. Nel corso della puntata, gli Isolani continueranno ad andare avanti e indietro nel tempo, e noi con loro. Nel frattempo, seguendo anche le (dis)avventure dei superstiti, che hanno lasciato l’isola alla fine della scorsa stagione.

Locke finisce quasi per venire ucciso da Ethan; Sawyer, Juliet e gli altri combattono contro le dinamiche del tempo, cercando di venirne a capo, mentre Faraday – conscio di quello che sta succedendo – si rivolge al Desmond del passato alla ricerca di aiuto, che pare essere l’unico in grade di combattere le regole del tempo, lasciandoci intendere che è “speciale”.

Sulla terraferma, Ben e Jack si mettono alla ricerca degli altri Oceanic 5 allo scopo di riportarli sull’isola (senza dimenticare il cadavere di Locke), ovviamente incontrando non pochi ostacoli.

Il secondo episodio, The Lie, è molto meno caotico, ma ugualmente rivelatorio: Ben e Jack continuano le ricerche degli altri superstiti, ma non tutto va come il previsto. Sayid e Hurley sono in fuga, quest’ultimo è accusato di aver commesso diversi delitti (il cui artefice è invece Sayid che – alla fine della scorsa stagione – aveva tratto in salvo Hurley dall’istituto psichiatrico in cui era rinchiuso). Sayid viene attaccato e addormentato e l’unico modo che Hurley ha per salvarlo è mandarlo da Jack. Intanto, lui, che si nasconde a casa dei suoi genitori riceve una visita di Ben che, nel tentativo di convincerlo a tornare sull’isola, lo porta a fare il contrario e consegnarsi alla polizia. Nel frattempo anche Kate è in fuga: qualcuno sa che Aaron non è suo figlio e riceve una visita da due presunti avvocati che chiedono un campione di sangue di entrambi per confrontarli. La Austen, durante la corsa, riceve però una chiamata di Sun che è a Los Angeles “per affari” (e che prima si era incontrata con Widmore, dando inizio ad una probabile collaborazione tra i due). Sull’isola, i nostri Losties vengono attaccati da una serie di frecce infuocate: un deja-vu?

E a dimostrazione che di Lost stiamo parlando, ecco il mega cliffhanger che chiude il secondo episodio: in quella che sembra una vecchia chiesa, ritroviamo la signora Hawkings alle prese con Ben: se non riporterà tutti sull’isola entro settanta ora, “Che Dio ci aiuti”.

Se l’inizio promette bene, aspettatevi una stagione esplosiva. E perdete ogni speranza di mettervi comodi: il viaggio continua, e le montagne russe Lostiane quest’anno sembrano ancora più adrenaliniche.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cannes 2021: Marx può aspettare Fuori Concorso, Palma d’Oro d’Onore a Marco Bellocchio 22 Giugno 2021 - 17:47

Marco Bellocchio riceverà la Palma d’Oro d’Onore alla 74a edizione del Festival di Cannes. Il regista italiano presenterà come Evento Speciale Fuori Concorso il documentario Marx può aspettare

Un amore da fine del mondo: Songbird e le love story apocalittiche 22 Giugno 2021 - 17:34

Il thriller apocalittico prodotto da Michael Bay, in arrivo il 30 giugno, si inserisce in una consolidata tradizione che racconta l'amore alla fine della civiltà umana...

The Suicide Squad: Missione Suicida – Ecco il nuovo trailer! 22 Giugno 2021 - 17:33

Come promesso, il nuovo trailer di The Suicide Squad ha fatto il suo debutto nel web.

Ewoks, (maledetti) Ewoks ovunque 22 Giugno 2021 - 9:56

La storia degli Ewoks di Star Wars, quei maledetti orsacchiotti tanto amati da George Lucas, che sono sbarcati in massa - con film e serie animata - su Disney+.

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)