L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Abrams: «Star Trek deve uscire dall’ombra di Star Wars»

Di

trekvswars

Da secoli prosegue uno scontro che ha avuto ripercussioni non indifferenti sul nostro pianeta: non stiamo parlando della lotta tra Bene e Male, ma di quella tra i fan di Star Wars e Star Trek! Dal canto suo, come se già i trekkies non lo avessero abbastanza nel mirino per non essere un mega-fanatico della serie, il regista J.J. Abrams ha voluto chiarificare una volte per tutte la sua opinione sulla franchise rivale, arrivando a dire che “la sfida con Star Trek, per quanto esista da prima di Star Wars, è che siamo chiaramente all’ombra di ciò che ha realizzato George Lucas”.

Il regista di Star Trek pensa che gli ultimi tre Guerre stellari abbiano “già percorso molte strade in termini di design, location, personaggi, alieni, astronavi”, al punto da rendere impossibile un confronto sullo stesso piano. “La chiave per me non è tentare di superarli, perché sarebbe impossibile vincere”, continua; “la chiave con Star Trek era fare l’opposto: essere il più possibile fedeli ai personaggi, essere il più possibile reali, toccanti ed esaltanti, senza venire distratti dallo spettro di tutto ciò che è stato raggiunto con Star Wars”.

I fan di Guerre stellari ricorderanno la scena del bar di Mos Eisley, che rendeva perfettamente l’idea di quanto sconfinato fosse l’universo immaginato da Lucas, introducendo una Babele di razze aliene dai look estremamente variegati. Abrams afferma che qualcosa di simile si vedrà anche nel suo film, anche se “non volevo che ogni scena avesse quattro nuovi personaggi multicolore. Quella è una cosa che è stata fatta troppo bene in Star Wars, con creature dal design incredibile. La domanda è come fare a introdurre in maniera sottile l’idea che ci siano diverse specie, e a farlo in modo diverso rispetto alla serie tv, dove avevi generalmente un tizio con la maschera seduto su una sedia. […] Quello era decisamente un aspetto che mi ha fatto pensare ‘Mio Dio, hanno già fatto tutto’. E la sfida è farlo in modo che sembri reale e significativo e non come se stessi rubando le idee agli altri”.

Se volete potete leggere il resto dell’intervista, in inglese, qui.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Far East Film Festival 23: 60 film in arrivo tra cui Endgame e Wheel of Fortune and Fantasy 6 Maggio 2021 - 18:53

Saranno sessanta i film della line-up della 23ma edizione del Far East Film Festival, tra cui il cinese Endgame e in concorso il giapponese Wheel of Fortune and Fantasy

Gabriele Muccino lascia la giuria dei David Di Donatello 6 Maggio 2021 - 18:32

Prosegue la battaglia di Gabriele Muccino contro i David di Donatello!

Nintendo – Chris Meledandri diventa direttore esterno, altri progetti animati in arrivo 6 Maggio 2021 - 17:43

Il presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa rivela che la compagnia è interessata in altri progetti animati, mentre a fine giugno gli azionisti voteranno per l'entrata di Chris Meledandri, CEO di Illumination, nel consiglio di amministrazione

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.