L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Millionaire, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Millionaire Poster ItaliaRegia: Danny Boyle
Cast: Anil Kapoor, Dev Patel, Mia Drake, Saurabh Shukla, Rajendranath Zutshi, Freida Pinto, Sunil Kumar Agrawal
Durata: 120 minuti
Anno: 2008

The Millionaire racconta di un ragazzo che concorre a Chi Vuol Essere Milionario? e a mano a mano che fornisce le risposte ne viene raccontata la storia personale e di come sia finito in trasmissione, attraverso dei flashback.
La forza del film è la forza stessa del quiz televisivo, che è così popolare perchè inserisce nella drammaturgia tipica del quiz show (risponderà o no alla domanda? e io ce la farei al suo posto?) le singole storie dei concorrenti.
Nel programma si affronta un concorrente per volta e con calma, all’incedere delle domande, se ne approfondisce la storia. Rispondendo ad alcuni quesiti (da dove viene il concorrente? quanti anni ha? che aspirazioni ha? ha una fidanzata?) se ne lasciano appositamente altri insoluti, si lasciano dei buchi che lo spettatore colma da sè (perchè sa queste cose? che vita fa? come è arrivato qui? cosa farà davvero con i soldi vinti? chi risponde all’aiuto a casa? in che rapporti sono?) e proprio da tali buchi l’immaginazione dello spettatore viaggia costruendosi la figura drammaturgica che più gli piace, costruendosi un ideale eroe che combatte per il premio, scegliendo in questo modo se appassionarsi a quel concorrente o meno (ma come al cinema tutti alla fine si identificano con chi è in crisi). E’ in fondo una dinamica tipica di ogni quiz, solo portata alle estreme conseguenze dal confronto diretto e prolungato tra conduttore e concorrente.

The Millionaire si inserisce in questa dinamica e compie il lavoro dello spettatore, colma quei buchi con un racconto vero, cinematografico, autenticamente drammaturgico. Danny Boyle gira un clamoroso dietro le quinte di una puntata ideale di Chi Vuol Essere Milionario? raccontando la più clamorosa delle storie possibili.

Il regista inglese ha il chiaro obiettivo di non fare mai due film dello stesso genere. Lui dice che ritiene che per ogni cineasta il primo film sia il migliore perchè tutto è nuovo e fresco e per questo tenta di ricreare ogni volta quello stato di ingenuità, ma la verità probabilmente è che le sue ossessioni non riguardano tanto un modo di filmare quanto dei personaggi da far agire in diversi contesti.

Che siano tossici, astronauti o uomini in fuga poco importa alla fine i protagonisti dei film di Danny Boyle sono sempre uomini nel senso più vero della parola e per confermarlo si macchiano sempre di almeno un’azione riprovevole, senza tuttavia sentire eccessivi sensi di colpa.
The Millionaire in un certo senso non fa eccezione, anche qui il protagonista ha una colpa (più lieve del solito) e cerca però di porvi rimedio in una cavalcata verso il grande finale romanticamente melodrammatico.

Non tragga in inganno questa prima breve e stanca sinossi The Millionaire è un film ambientato in india, che racconta una storia di indiani, con attori indiani, logico che quindi guardi molto al mercato dell’India e che si debba in un certo senso adattare allo stile di Bollywood. C’è appunto una caricatura di sentimenti basilari come l’amore eterno che non solo è inusuale per Boyle ma lo è per tutto il cinema europeo. Eppure il regista è talmente abile da non far sì che tutto questo appesantisca il film.

Guardando all’India con la mano destra e all’Inghilterra con la sinistra riesce a confezionare un film dal delicatissimo equilibrio che vive di estremi. Durissimo a tratti e morbidissimo in altri. Consolatorio da un certo punto di vista e feroce da un altro.
Ma la contrapposizione più forte e più riuscita forse è quella a tre che vede da una parte il cinema americano (lo showdown finale, il mito del successo, la dinamica delle prove da superare ecc. ecc.), da un’altra quello indiano dei sentimenti basilari tirati al massimo e su tutti il cinema europeo di Danny Boyle serrato, violento quando deve, spietato con i personaggi e ruffiano con le musiche ma dannatamente ben diretto.
Tutto questo miscuglio ben orchestrato viene al pettine al momento della domandona finale. Il modo in cui è risolta la scena (pur ovviamente venendo la sceneggiatura da un libro) è degno della miglior causa.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Batwoman – Ecco il nuovo costume di Javicia Leslie 27 Ottobre 2020 - 0:51

Ecco le prime due immagini ufficiali del costume di Batwoman, indossato nella seconda stagione dalla nuova protagonista Javicia Leslie

Concrete Cowboy: Netflix acquista il western urbano con Idris Elba 26 Ottobre 2020 - 21:30

Il film è anche interpretato da Caleb McLaughlin di Stranger Things e diretto dall'esordiente Ricky Staub

Il film su Bob Dylan con Timothée Chalamet messo in pausa 26 Ottobre 2020 - 21:00

Per colpa del Covid: il film è ambientato in spazi troppo ristretti e con troppe comparse

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).