L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

L’Ospite Inatteso, la recensione

Di Gabriele Niola

Lospite inatteso Poster Italia 02Regia: Thomas McCarthy
Cast: Richard Jenkins, Haaz Sleiman, Danai Jekesai Gurira
Durata: 104 minuti
Anno: 2008

Continua e anzi cresce l’amore che il cinema hollywoodiano prova per le opere indipendenti, piccole e all’europea quei film cioè dove l’attenzione non è tanto rivolta all’azione quanto ai personaggi e alle relazioni che intrattengono.

Dal Sundance Film Festival stanno sconfinando anche in altre aree del sistema-cinema statunitense pellicole “piccole” nel senso di brevi e che mettono in scena storie particolari e non particolarmente emblematiche con l’obiettivo di svelare sentimenti senza bisogno di intrecci forti.

L’Ospite Inatteso in particolar modo mette in relazione un professore universitario dalla vita monotona e grigia con la vitalità europea di due immigrati clandestini che per una storia di truffe si trovano ad abitare la casa che il professore non usa più ma che non ha effettivamente mai affittato. Tra i tre scatta un’amicizia dalla quale ovviamente sarà il professore grigio ad imparare più di tutti.

Più che in altri film quest’opera di Tom McCarthy si basa tutta sull’attore protagonista. A lui, alle sue espressioni, i suoi piccoli gesti e la sua capacità di comunicare con molto poco è spesso lasciata la soluzione delle scene, cioè il compito di comunicare.
McCarthy dunque non usa molto la sceneggiatura come non usa molto l’illuminazione o la colonna sonora. Usa invece Richard Jenkins (attore solitamente non protagonista che si è fatto notare in un’infintà di pellicole non ultima Burn After Reading) che, nonostante non sia il protagonista assoluto, riassume in sè tutto il significato di un’opera che non può dirsi pienamente completa anche se indubbiamente sa come conquistare lo spettatore.

Si perchè cambiano i paradigmi, cambiano i budget e i modelli i riferimento ma il cinema americano non dimentica la sua vocazione industriale e anche in questa nuova veste indipendente (o finta tale) agisce secondo strutture fisse e maschere tipiche.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Justice League – Joss Whedon non era stato scelto da Snyder per le riprese aggiuntive 29 Ottobre 2020 - 22:51

Per la prima volta Ray Fisher spiega in dettaglio come è nata la sua battaglia contro Joss Whedon e alcuni dirigenti della Warner, colpevoli di aver creare un ambiente tossico e razzista durante le riprese aggiuntive di Justice League

Mads Mikkelsen e Armie Hammer nella spy-story The Billion Dollar Spy 29 Ottobre 2020 - 21:30

Amma Asante dirigerà il film, basato sulla storia vera di un'amicizia che contribuì a porre fine alla Guerra Fredda

Jessica Chastain contro Anne Hathaway nel remake di Doppio sospetto 29 Ottobre 2020 - 20:45

Olivier Masset-Depasse, regista dell'originale, dirigerà le due attrici nel remake americano Mother's Instinct

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).