L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Baby Love, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Regia: Vincent Garenq
Cast: Lambert Wilson, Pilar López de Ayala, Pascal Elbé
Durata: 90 minuti
Anno: 2008

Una volta erano le commedie sull’integrazione razziale oggi sono le commedie sull’integrazione sessuale.
I gay, l’esigenza di riconoscere lo stato di famiglia anche agli omosessuali, le difficoltà per avere un bambino e tutto il mondo degli omosessuali accettati o meno dalla società e dalle proprie famiglie (problema che i neri non avevano) sono i temi al centro di molte commedie di costume moderne, commedie che, come spesso capita in questi casi, poi non valgono molto.

A salvare Baby Love forse c’è la sua provenienza. Il cinema francese contemporaneo ha infatti una qualità media impressionante e pur non essendo granchè il film di Vincent Garenq si lascia guardare, ogni tanto strappa qualche risata e in un certo senso può scaldare un po’ il cuore a chi (senza che ci sia nulla di male) si aspetta poco e magari vuole poco.

Inoltre, come tutte le commedie di integrazione, Baby Love sta lì pronto per scatenare domande, interrogativi e polemiche su quanto sia effettivamente a favore dei gay e quanto no, quanto quella visione della problematica sia pregnante, quanto sia veritiera e quanto “opportuna”.
In realtà come ogni film dovrebbe essere solo una storia con dei personaggi che, in quanto individui, non sono rappresentativi di nulla se non di se stessi, ma il cinema e la voglia di commentare del pubblico sono più forti di ogni logica e forse una delle forze trainanti del piacere dell’andare in sala. In questo senso allora il film trova una logica forte.

Altra cosa suriosa è come, con la solita ispirazione hollywoodiana per quanto concerne ambienti, fotografia, ritmo e un certo montaggio, Baby Love dimentica (forse anche appositamente) di essere francese, configurandosi come un film totalmente apolide che è solamente ambientato in Francia.
E’ il massimo del prodotto commerciale esportabile, buono per tutti e senza particolari che lo ancorino ad una certa cultura (che non sia quella europea), forse l’unico modo veramente virtuoso di fare un cinema senza pretese e che sappia fare cassetta (se poi la fa) non dimenticando di intrattenere con un minimo di qualità.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cannes ha tre piani di riserva per l’edizione 2021 28 Ottobre 2020 - 19:15

L'organizzazione ha già fissato tre periodi nell'estate 2021 in cui il festival potrà svolgersi in caso di rinvio

Il processo ai Chicago 7: Netflix punta all’Oscar e propone TUTTO il cast come Migliore Attore non Protagonista 28 Ottobre 2020 - 18:51

Netflix prosegue la sua corsa verso gli Oscar e ha deciso di proporre TUTTO il cast de Il processo ai Chicago 7 come Migliore Attore non Protagonista.

The White Tiger: Priyanka Chopra Jonas nel trailer del film Netflix sulle caste indiane 28 Ottobre 2020 - 18:30

Diretto da Ramin Bahrani, il film è tratto dal romanzo La tigre bianca di Aravind Adiga

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).