L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Madagascar 2, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Madagascar 2 - Via dallisola locandinaRegia: Eric Darnell, Tom McGrath
Cast: Ben Stiller, David Schwimmer, Sacha Noam Baron Cohen, Chris Rock, Jada Pinkett Smith
Anno: 2008

La cosa che preferisco di tutta quest’idea di fondo che sta prendendo forma alla base della trilogia di Madagascar è il fatto che gli animali in questione finiscano prima in una giungla (cioè a contatto con la natura) e poi addirittura in Africa, nella loro terra madre della quale sentono e fortemente il richiamo, ma poi non facciano che pensare a tornare nello zoo. Una prospettiva in totale antitesi con la retorica animalista che dà una lettura al film veramente interessante. Peccato che sia l’unica cosa.

Perchè la Dreamworks ha scelto una strada e sempre di più sta radicando questa scelta probabilmente con l’idea di differenziarsi dai concorrenti (è molto poco chiara per gli spettatori la differenza tra Pixar e Dreamworks, cioè quali film siano dell’uno e quali dell’altro) puntando tutto sulla comicità, e non dico appositamente “commedia”, parlo proprio di comicità.

Già in Shrek questa tendenza era molto chiara, con il procedere della serie la trama e l’interesse nei risvolti tra i personaggi era sempre minore mentre sempre più importanti si facevano le gag, fino al terzo ridicolo film in cui c’è a stento un filo logico che unisce le (molte divertenti) gag quasi in stile Saturday Night Live.

Il seguito di Madagascar sembra ricalcare quest’impronta solo con un po’ di esperienza in più, la storia infatti non è totalmente azzerata ma solo semplificata. Si tratta del classico confronto paterno e del contrasto tra ciò che si dovrebbe essere e ciò che si è, tra le aspettative familiari e le pulsioni individuali. Tutti temi molti noti al pubblico, facilmente riconoscibili e trattati in fretta perchè poi il cuore di tutto sono i pinguini e le scimmie, gli ippopotami “negri” e le gag delle zebre.

Certo come al solito poi il risultato è molto divertente e anche in una maniera “adulta”, cioè che prende di mira concetti, idee e fatti di cui può avere esperienza solo un adulto (come la parte sulla partenza in aereo e sul controllo anti-forbicine che ridicolizza le ossessioni di sicurezza statunitensi) senza però dimenticare la comicità più immediata per un pubblico più infantile. Insomma quell’incastro tra diversi piani di lettura comici che non è semplice e riesce bene alla Dreamworks. Ma le storie stanno da un’altra parte.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Loki – Uno spot con gli elogi della critica e il video con il cast e gli autori 13 Giugno 2021 - 19:00

Il nuovo spot di Loki include gli elogi della critica, ma c'è anche un video con il cast e gli autori che parlano della serie Marvel.

Jujutsu Kaisen 0 the Movie: Nei cinema giapponesi dal 24 dicembre, nuova visual 13 Giugno 2021 - 18:52

Jujutsu Kaisen 0 the Movie verrà distribuito da Toho nei cinema giapponesi dal 24 dicembre, una nuova visual e prime informazioni sul videogioco RPG mobile Jujutsu Kaisen: Phantom Parade

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth e Chris Pratt in una nuova foto 13 Giugno 2021 - 18:00

Chris Hemsworth pubblica una foto con Chris Pratt per fare gli auguri a... Chris Evans. I due attori indossano i loro costumi di scena sul set di Thor: Love and Thunder.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.