Condividi su

18 novembre 2008 • 17:49 • Scritto da Gabriele Niola

Bolt, la recensione in anteprima

Il nuovo lungometraggio d'animazione della Disney è un balzo indietro nell'evoluzione del genere e riporta l'animazione ad almeno 20 anni fa
Post Image
9

Bolt Poster USA 2Regia: Chris Williams
Cast: Miley Ray Cyrus, John Travolta, Nick Swardson, Malcom John McDowell, Diedrich Bader, Chloe Grace Moretz, Greg Germann, Ronn Moss
Durata: 82 minuti
Anno: 2008

La Disney fa la Disney, questo l’abbiamo capito e Bolt conferma la tendenza.
Il nuovo film in CG di quelli che una volta erano i re incontrastati dell’animazione è un prodotto fuori dal tempo al quale non siamo più abituati. Non si tratta dei nuovi cartoni in CG in cui i genitori ridono con i figli e gli adolescenti ridono per conto loro ma uno di quelli vecchi stampo in cui i genitori ridono per l’innocenza del mondo che viene proposto ai loro bambini e che gli adolescenti disertano.

Lo spunto di partenza del cane attore che anche nella vita vera crede di avere i poteri che il suo personaggio ha nella serie infatti si esaurisce subito e il film rientra sui binari più classici del racconto di formazione, un evergreen riproposto in più fogge e più forme dalla Disney nel corso dei decenni.
Bolt è in sostanza la fiera del già visto e soprattutto della messa in scena superata, per quanto ben realizzato e abbastanza divertente il flim vive solo sul vecchio principio disneyano del divertimento nell’antropomorfizzazione delle bestie, mentre i cartoni moderni a tali bestie antropomorfe danno un’anima.

Tutta l’evoluzione dei cartoni digitali verso contenuti più adulti che possano andare bene ad una pluralità di pubblici viene dunque spazzata via con un colpo solo e se qualcuno si facesse venire dei dubbi al riguardo l’arrivo della classica canzone (cantanta in italiano nella versione italiana) non lascia scampo e ci riporta al 1990.

Viene da chiedersi come dei bambini “nativi Pixar” possano prendere un simile cartone che propone loro contenuti più acquietanti rispetto all’irriverente Dreamworks e meno originali degli innovativi Pixar.
Forse una grande parte non noterà la differenza fino a che c’è da ridere (e obiettivamente ce n’è) ma poi come lo può prendere il “nuovo pubblico dell’animazione”, quello degli adolescenti nella fascia 18-35?

Condividi su

9 commenti a “Bolt, la recensione in anteprima

  1. Ecco, ora sono davvero incazzato 😉 Sarà per il lavoro che faccio, sarà per come lo affronto, ma io mi considero ancora un bambino che guarda ic artoni animati, gioca ai videogames, legge i fumetti (vorrebbe, perché ci sono i bambini veri cui badare adesso, però vabbé…) e te, così, in una recensione qualsiasi estendi l’adolescenza ben oltre qualsiasi età canonica eppure, con quel 35, mi escludi così, come se niente fosse??? Quanti anni hai? Se di adolescenza prolungata si deve trattare allora che venga estesa fino ai 39 e aggiornata aggiungendo un anno in più ogni anno a maggio!

  2. è inutile. c’è stato un giorno preciso in cui sei passato di categoria e sei finito in quella dei genitori.
    vedila come i passaggi di categoria del motomondiale, come Valentino rossi che passa dalla 250 al MotoGp

  3. Qualcuno sa x caso come si kiama la canzone in italiano della versione italiana di Bolt?

    Grazie 😀

  4. Ciao! La canzone italiana di Bolt si intitola “La mia nuova vita” (titolo originale “Barkin’ at the moon”) ed è interpretata da Lorena Brancucci…grazie al sito di Antonio Genna!
    …e come bambina quasi quarantenne direi che il genere mi piace!!!
    Ci porto mio figlio…non male come scusa…
    ^__________^

  5. …ops, errata corrige: la canzone di cui sopra è interpretata da Gabriella Scalise; la Brancucci ha scritto il testo… Eh, l’età ^^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *