L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ben Stiller e Chris Rock a Roma per Madagascar 2: “I poveri non vanno dallo psichiatra!”

Di Gabriele Niola

Madagascar Escape 2 Africa Immagini dal Film 6Sarà il jet lag, saranno gli impegni promozionali, sarà la fatica della conferenza stampa ma Ben Stiller e Chris Rock non sono gli energici e frizzanti comici che ti aspetti, se ne stanno lì e buttano qualche battuta ogni tanto ma non sembrano dotati di quella carica esplosiva che aveva per esempio caratterizzato l’incontro con il vecchio leone Pacino…

E a proposito di leoni una delle battute più carine è stata quella di Ale del duo Ale & Franz (doppiatori italiani che hanno preso il posto dei comici americani)che riguardo le similitudini con il suo personaggio in Madagascar 2 ha dichiarato di “essersi fatto crescere la coda“.

La particolarità di questo nuovo episodio di Madagascar, che Katzenberg spiega subito non essere un vero sequel poichè “la storia è stata pensata dall’inizio per tre capitoli“, è che i personaggi non devono più lottare per mangiare, in Africa i bisogni primari sono tutti soddisfatti e dunque emergono i problemi psicologici. “E’ il lusso della nevrosi. I poveri non vanno dallo psicanalista!” dice Chris Rock.
Emerge così la voglia di unicità di Marty, il conflitto interiore di Alex per il proprio ruolo di leone e l’amore tra la giraffa e l’ippopotamo. Amore “interraziale” che è una dimostrazione di grande apertura: “E’ bello che giraffe e ippopotai si amino” scherza Chris Rock.

Ma quanto di Stiller e Rock c’è nei personaggi? “Sempre di più” dicono gli attori, stavolta infatti hanno dato la voce prima che l’animazione fosse definitiva, essendo quindi liberi di sperimentare e improvvisare molte cose, tanto poi erano gli animatori a selezionare cosa sembrava migliore. In più, diversamente dal solito, non hanno recitato da soli nello studio di registrazione ma in coppia, per migliorare l’affiatamento.

E’ un lavoro duro quello di dare la voce ad un personaggio modellato su un altro attore. Chi dà la voce in originale può discutere con gli animatori, sperimentare e tentare molte cose con il vantaggio di avvicinare a sè il persnaggio. Mentre chi invece dà la voce in un’altra lingua deve adattarsi a quel personaggio modellato su qualcun altro, tradurne la peculiarità mantenendo anche parte della propria comicità. E’ come essere ingabbiati“.
A spiegare con tale efficacia la difficoltà del doppiaggio di un cartone in una lingua che non è quella originale non è stato nè Ale nè Franz ma proprio Ben Stiller che ha voluto così dimostrare la grande stima nei riguardi dei colleghi italiani che di contro hanno chiesto di poter “mettere tutto quello che ha detto su YouTube subito!“.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.