Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2008/11/aus1.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Australia: una pellicola esagerata e a caccia di Oscar?

Australia: una pellicola esagerata e a caccia di Oscar?

Di peter

Mancano meno di due mesi all’arrivo nelle nostre sale di Australia, ma le recensioni oltreoceano continuano sempre a dire la stessa cosa. Il film è piaciuto, ma la maggior parte della critica ha sottolineato come il film di Baz Luhrmann non sia all’altezza del precedente Moulin Rouge!

Oggi vi mostriamo parte della recensione di Jeffrey M. Anderson di Cinematical, che sostiene che Australia è un prodotto con un solo scopo: vincere l’Oscar!

Ecco quello che il giornalista scrive:

“Con il suo precedente film, il regista Baz Luhrmann è riuscito quasi ad assaporare l’Oscar al miglior film, così come altri premi. Moulin Rouge! (2001) vinse due Oscar per i costumi e per la scenografia, ma quell’anno tutta la gloria fu ottenuta da altre cose. Adesso avrà di sicuro preso appunti; Il signore degli Anelli: La Compagnia dell’Anello ha fatto il pieno delle categorie tecniche, vincendo quattro Oscar e Black Hawk Down ne vinse altri due. Due drammi basati sulla malattia, A Beautiful Mind e Iris vinsero le categorie più importanti. L’anno successivo Luhrmann deve aver visto la cerimonia, nel momento in cui lo spavaldo Chicago vinceva come migliore Film e Roman Polanski come migliore regista per il suo dramma dell’Olocausto, Il pianista.

Quindi Luhrmann si è preparato per il suo quarto film, Australia. Forse il progetto era inizialmente concepito come un pop-western di 90 minuti incentrato su come guidare una mandria e salvare un ranch. Questa parte del film è, nel suo intero, luminosa, scorrevole ed eccitante… nonché divertentissima. Ma forse il regista ha in seguito deciso che quello non era abbastanza, o almeno non abbastanza per qualcuno che vuole vincere l’Oscar per la migliore regia. Quindi quei 90 minuti si fermano e si trasformano in un gigantesco dramma sullo sfondo della 2° Guerra Mondiale, arricchito da tanto grigio, bombe che vengono sganciate e cori di angeli. Tutto continua per un’altra interminabile ora. Ma questo sarà abbastanza per abbindolare l’Academy?”.
Sarà vero o meno?? Non ci resta che attendere il 16 gennaio 2009, il giorno in cui la 20th Century Fox distribuirà Australia, e giudicare noi!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Giancarlo Esposito ha rifiutato un ruolo in Loki 15 Agosto 2022 - 18:00

Giancarlo Esposito ha detto di aver rifiutato un ruolo in un progetto televisivo già uscito su Disney+, nello specifico Loki.

Con Day Shift, Netflix ha fatto un altro passo falso – La Recensione 15 Agosto 2022 - 17:17

La commedia horror con protagonista Jamie Foxx è un progetto debole, insipido e che non regala alcuna emozione particolare.

Modigliani: Johnny Depp torna dietro la macchina da presa dopo 25 anni 15 Agosto 2022 - 17:12

Modigliani basato sull'opera teatrale di Dennis McIntyre, è prodotto da Al Pacino e Barry Navidi

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.