Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2008/11/locandinapg2-201x300.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
21 grammi (2003)

21 grammi (2003)

Di Roberto

21 grammi (21 Grams, Usa 2003 – Drammatico; 125′) di Alejandro González Iñárritu con Sean Penn, Benicio Del Toro, Naomi Watts, Charlotte Gainsbourg, Clea DuVall, Danny Huston, Marc Musso, David Chattam, Melissa Leo.

Jack Jordan, ex delinquente oggi invasato religioso, investe e uccide il marito e le due figlie di Cristina Peck; il cuore del morto, donato, salva la vita al terminale Paul Rivers, la cui moglie vuole a tutti i costi un suo figlio. Ma Paul, volendo scoprire da chi ha ricevuto una nuova vita, conosce Cristina e se ne innamora, ricambiato: e di comune accordo decidono di eliminare Jack, il quale, nel frattempo, si è costituito e ha perso il suo credo.

Al secondo film-mosaico, girato a Hollywood, i meccanismi dello stile di Iñárritu sembrano già incepparsi: la casualità imprevedibile della vita e le riflessioni attorno a essa esplicitate dalla sofferta sceneggiatura di Guillermo Arriaga (è stata riscritta più di trenta volte e come Amores Perros ruota attorno a un incidente stradale) sono servite dal solito montaggio frammentato che spezza la linearità e la cronologia della storia, ma stavolta non solo è poco necessario e vezzoso ma forse addirittura nocivo, mentre anche la fotografia sgranata e ferruginosa e le riprese instabili effettuate con camera a mano, pur restituendo il nervosismo esistenziale dei personaggi e delle vicende, non contribuiscono a creare un reale pathos. Certo, il talento visivo e la bravura nel manipolare temi da tragedia greca sono innegabili e ancora riescono a supportare il tutto, garantendo momenti di assoluto coinvolgimento emotivo e tocchi lancinanti: ma dietro alla confezione sottilmente ricattatoria (si senta il discorso finale di Paul in voice over), c’è già un alto tasso di maniera e la passione del regista non è sempre così credibile. Aiutato da attori straordinari (e straordinariamente diretti, bisogna dirlo, tanto da risultare finanche antipatici per la troppa bravura) e da una colonna sonora non così dozzinale come potrebbe apparire, il film riesce anche ad addentrarsi dentro psicologie tormentate (fin troppo, ma c’è da dire che l’eccessivo concatenarsi di drammi non è quasi mai fastidioso o presupponente) ma, infine, non approda ad alcunché di istintivo, di originale, di realmente penetrante e si accontenta di cullarsi in una messinscena che vorrebbe rendere tutto definitivo e irripetibile. I suggestivi ventuno grammi del titolo sono quelli che perderemmo nel momento del trapasso, ovvero il peso dell’anima (come recita un sottotitolo optional).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Box Office Giappone: One Piece Film Red è ufficialmente il film di maggior successo del franchise 19 Agosto 2022 - 0:07

Dopo 13 giorni One Piece Film Red ha superato ¥8 miliardi al Box Office Giapponese, ha venduto 5,7 milioni di biglietti, superando così i 5.67 milioni di One Piece Film Z (2012).

Finalmente l’alba: anche Joe Keery di Stranger Things nel film di Costanzo 18 Agosto 2022 - 21:30

Keery affiancherà Willem Dafoe e Lily James nel film di Saverio Costanzo, le cui riprese si svolgeranno in Italia

American Gigolo: nuovo trailer per la serie con Jon Bernthal 18 Agosto 2022 - 20:45

La serie, ispirata al film di Paul Schrader con Richard Gere, debutterà in USA il 9 settembre, e ora ne possiamo vedere il secondo trailer

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?