L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Disaster Movie, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Disaster Movie Poster ItaliaRegia: Jason Friedberg, Aaron Seltzer
Cast: Carmen Electra, Vanessa Minnillo
Durata: 90 minuti
Anno: 2008

La verità è che certi film non andrebbero recensiti, come non si recensiscono certi libri. Che senso ha fare la recensione del libro di barzellette di Totti? E che senso ha parlare sul serio di Disaster Movie o di qualsiasi film di Jason Friedberg e Aaron Seltzer? Il loro pubblico non è quello del cinema, non può esserlo, non sono fatti per loro questi film, che senso ha allora recensirli e dire che non fanno ridere e che sono stupidi e girati male? Sono cose che già sappiamo e che ci aspettiamo.

Ma se i nostri cinepanettoni tentano un’operazione puramente economica che lascia soddisfatto un target molto preciso, viene da chiedersi chi rimanga soddisfatto da tali film. Si tratta di una serie di instant movies che invecchiano nell’arco di una settimana e inseriscono in una sequenza che non ha coerenza riferimenti vaghi all’attualità popolare. Mettono in scena persone mascherate in modo da ricordare figure note e gli tirano delle torte in faccia o gli fanno sbattere la testa nei casi più nobili, oppure nei casi più frequenti li fanno ruttare.

Ma chi può cogliere così tanti riferimenti? Solo in Disaster Movie ci saranno circa una 50ina di richiami diversi tra cinema, televisione e musica. Chi ha visto tanti film tra gli spettatori di Disaster Movie?
Il punto è proprio che in fondo non è necessario averli visti perchè non c’è una reale parodia solo un riferimento ad immagini note. Tutte le scene che riguardano i film richiamano a sequenze dei trailer non a sequenze o parti del film, non tirano in ballo la psicologia dei personaggi ma solo quello che gli si vede fare. Solo l’immagine e lo stereotipo inserito nell’opinione collettiva. In alcuni casi sono scimmiottati anche film che all’epoca della scrittura (!!) e della lavorazione del film non erano nemmeno usciti come Love Guru, Hancock o Zohan. A testimonianza che davvero non è necessario averli visti, basta il trailer tanto ci interessa solo che una persona vestita da Hancock faccia un rutto. E se la scrittura originale non basta c’è sempre l’adattamento italiano a peggiorare ciò che sembra già stare sul fondo del barile con i soliti dialetti e le piccole aggiunte per nulla divertenti.

Friedberg e Seltzer spargono nei cinema del mondo (si ho detto “mondo”) ben due di queste porcate immonde ogni anno, li girano a budget ridottissimo e senza nessuna cura. Ma non si tratta di mancanza di professionalità, è proprio che non gli interessa avere location particolari o scene girate con accuratezza. Non serve.

E la cosa peggiore, il sospetto più amaro che viene avendo la sciagurata sfortuna di essere rinchiusi in un qualsiasi luogo davanti a Disaster Movie, è che nessuno che lavora nell’industria del cinema possa trovare effettivamente divertenti queste cose. Viene il sospetto che simili sceneggiature (!!) siano scritte ad arte per essere così idiote, che si tratti di un’operazione studiata per consolare un pubblico che è il più basso tra quello raccimolabile in televisione (la provenienza televisiva la si intuisce dalla tipologia dei riferimenti), fornendo un’alternativa cinematografica (o in DVD) anche per loro. Un film nel quale è ripetutamente presa in giro e disprezzata con poco umorismo e molto livore la persona vestita come la protagonista di Juno perchè parla in maniera “eccessivamente artificiosa”. Un film per consolare chi si sente escluso da un cinema minimamente migliore o che quantomeno ci prova ad esserlo. Per chi non vuole nemmeno provarci ad allargare lo sguardo.

Io a vedere un altro film di questa serie non ci torno. Perchè certi film non andrebbero recensiti. Non serve davvero.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Angel – Lo spin-off di Buffy è su Star e dovete recuperarlo subito! 8 Maggio 2021 - 20:00

Angel è da oggi parte del catalogo di Star su Disney+: una perfetta occasione per recuperare un cult!

Infinite: lo sci-fi thriller di Fuqua con Wahlberg salta i cinema e passa a Paramount+ 8 Maggio 2021 - 18:07

Un altro titolo fantascientifico salterà le sale: Infinite lo scifi thriller di Fuqua con Mark Wahlberg passa a Paramount+

The Space Cinema cerca nuove risorse per tutti i multisala del circuito 8 Maggio 2021 - 17:00

In vista della ripartenza del settore, dopo la chiusura di questi mesi, l’azienda ha aperto da poco nuove posizioni per coloro che vogliono lavorare all’interno dei multisala The Space Cinema.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.