L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Venezia: tutti i matti di Pupi!

Di peter

Il papà di Giovanna è il secondo film italiano in Concorso alla 65° Edizione della Mostra del Cinema di Venezia. La pellicola, diretta da Pupi Avati,  è un dramma ambientato negli anni del fascismo a Bologna. Seguiamo la storia di Michele (Silvio Orlando), un padre alle prese con Giovanna, una figlia piena di problemi (Alba Rochwacher). Le loro vite cambiano quando la ragazza uccide per gelosia la sua migliore amica. Nel cast anche Francesca Neri (è la moglie di Michele), Serena Grandi ed Ezio Greggio nel ruolo di un poliziotto amico del protagonista.

La pellicola arriverà nei cinema dal 12 settembre distribuita da Medusa. Abbiamo incontrato il regista ed il suo cast.

Pupi Avati – Regista

Avati, come mai una storia così inquietante?
Se il film è inquietante è perché lo sono anche io. Posso dire che in questo film ho riversato tutto quello che so e che ho imparato sulla paternità. La vita mi ha risparmiato una tragedia così terrificante come quella che ha subito Michele, ma io sono padre di tre figlie. Questo mi ha permesso di capire che difficoltà si possono incontrare a crescere i figli. Quindi c’è moltissimo di me in questo padre.

La pellicola è ambientata nel 1938 ma potrebbe perfettamente essere un fatto di cronaca preso dai nostri giorni…
Mi sono molto interrogato sui tanti fatti di cronaca che leggiamo sui giornali in questi anni. La mia domanda era: cosa succede in quelle case, in quelle famiglie, una volta che i riflettori delle telecamere si sono spenti e i giornalisti se ne sono andati? Quali dinamiche scattano? Come si affronta il dolore che nasce da simili tragedie? Nel film c’è l’intenzione di offrire una riflessione sulla famiglia, il luogo dove sembra si debba risolvere la vita di tutti noi, l’istituzione chiamata a coprire i vuoti della vita civile in Italia. Oggi però ci si occupa solo di morbosi dettagli di cronaca chiudendo la porta a tutto ciò che accade dopo. Il film esplora invece quello che di solito rimane nell’ombra.

Alba Rohrwacher – Giovanna

Alba, com’è andata sul set di Avati? Si tratta di un ruolo davvero difficile, ci può parlare del lavoro svolto insieme a Silvio Orlando?
Pupi sapeva esattamente come voleva che rendessi Giovanna, ce l’aveva tutta dentro la sua testa e mi diceva cosa dovevo fare. Mi bastava solo ascoltare Silvio Orlando per riuscire a rendere emotivamente quello che Pupi voleva. Sul set mi sono sentita molto fortunata e protetta da questo straordinario gruppo di attori.

Silvio Orlando – Michele

Si tratta della prima volta per lei sul set di Avati. Come si è trovato

Vi dirò… è uno dei lavori più semplici che abbia mai realizzato, perché nasce da un copione solido. Si tratta della mia prima volta con Pupi Avati, ma vi confesso che mi sono sentito come se avessi già frequentato il suo cinema. Come Moretti, Avati ama avere il controllo totale sul set e nulla gli sfugge. Forse è ancora più maniacale: sono stato praticamente vittima di un sequestro, ma raramente mi sono divertito così. E poi il rapporto con Alba Rohrwacher è stato davvero speciale. Io non ho figli ma in un attimo siamo diventati veramente padre e figlia e il tutto ha funzionato benissimo.

Ezio Greggio – Sergio Ghia

Signor Greggio, ci racconti in dettaglio questa sua prima esperienza in un ruolo drammatico…
Come sapete benissimo tutti, io vengo dalla commedia e dalla tv. Quindi è un onore e un piacere per me avere avuto la possibilità di interpretare questo ruolo drammatico. Sono un attore e questo vuol dire che devo saper essere versatile: se mi si offre una storia di questa intensità, l’unica cosa che posso fare è impegnarmi al massimo e sperare di essere riuscito nell’impresa. Mi sono tolto i miei abiti da comico e mi sono calato nel ruolo. Aiutato tantissimo dal copione e soprattutto da questo cast eccezionale, perché avere a che fare con dei professionisti di questo calibro rende tutto più semplice. Se Pupi Avati mi rivuole ancora, io torno subito a lavorare con lui. È stata lui la ragione per la quale ho voluto interpretare il film.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Green Knight – I character poster del film di David Lowery 7 Maggio 2021 - 8:45

Sono disponibili cinque character poster di The Green Knight, l'attesissimo fantasy di David Lowery targato A24 e basato su una storia dei miti arturiani.

Cenerentola: il film Sony con Camila Cabello andrà su Prime Video 6 Maggio 2021 - 21:30

Amazon Studios sta per stringere un accordo con Sony e distribuirà il film su Prime in tutto il mondo, tranne che in Cina

Gangs of London: annunciati i registi della stagione 2 6 Maggio 2021 - 21:00

La serie Sky creata da Gareth Evans (The Raid) tornerà con nuovi episodi, e ora sappiamo chi li dirigerà

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.