L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Redbelt, la recensione

Di Gabriele Niola

Regia: David Mamet
Cast: Chiwetel Ejiofor, Emily Mortimer, Joe Mantegna, Tim Allen, Rodrigo Santoro, Alice Braga, David Paymer, Ricky Jay, Max Martini
Durata: 99 minuti
Anno: 2008

Sceneggiatore di lungo corso e più occasionalmente regista Mamet intende raccontare dello scontro tra i saldi principi legati alla filosofia del Jiu Jitsu e la gretta realtà fatta di tradimenti, caduta degli ideali e corruzione.
Per farlo crea un personaggio a metà tra ascetismo e eroe americano, un uomo ancora una volta solo (che nel film diventerà ancora più solo) che con la sua palestra insegna a combattere a chi si iscrive ma soprattutto agli esponenti delle forze dell’ordine, per aiutarli a sopravvivere sia con le arti marziali che con la loro filosofia.

Durante il film tutto precipita, i principi del Jiu Jitsu (e più in generale quelli di un onore portato alle estreme conseguenze) sembrano inadeguati alla vita reale, chi li applica viene ripetutamente punito dalla sorte e in modi diversi. Eppure il protagonista persevera fino in fondo arrivando ad un finale inaspettatamente sbrigativo.

Redbelt poteva essere una riflessione complessa e meno noiosa di Ghost Dog su come sia possibile una vita moderna impregnata in un codice d’onore millenario, invece sembra più uno spot al Jiu Jitsu e ai suoi principi.
Poteva essere un bel modo di ritrarre tutto un altro tipo America (il poliziotto coinvolto nella trama non somiglia nè allo stereotipo del poliziotto violento nè tantomeno a quello di quello premuroso cui siamo abituati) e invece finisce per contrapporre buoni virtuosi a cattivi ricchi e avidi.
Poteva essere un’ottima storia con un intreccio ad orologeria in grado di scatenare l’emotività nel finale e invece risolve tutto con una banalità e una rapidità quasi che fa sembrare che abbiano finito i soldi per la pellicola tutto d’un colpo.

E’ una vera occasione persa Redbelt, girato con non troppa abilità (specialmente per i pochi ma importanti combattimenti che sono confusissimi) ma incentrato bene sul dilemma interiore del protagonista in grado di portare addosso il dolore proprio e di tutto un mondo che crede in determinati valori e li vede traditi ogni giorno anche a suo discapito.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Disney+ prepara uno speciale Halloween sui Muppets 7 Maggio 2021 - 19:00

Si chiamerà Muppets Haunted Mansion e vedrà diverse star in ruoli cameo

The Suicide Squad avrà più di una scena dopo i titoli di coda 7 Maggio 2021 - 18:15

The Suicide Squad avrà una scena dopo i titoli di coda? La risposta è SÌ, anzi a dirla tutta ci sarà più di una scena…

Dopo Jupiter’s Legacy, le prossime uscite firmate Millarworld 7 Maggio 2021 - 17:30

Jupiter’s Legacy, la serie tratta dalle graphic novel di Mark Millar e Frank Quitely, è da oggi disponibile su Netflix, ma quali sono le prossime uscite firmate Millarworld?

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.