L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Mezzanotte a Barcellona di Woody Allen stupisce negli Usa

Di Federico

Vicky Cristina Barcelona Poster

Woody Allen è sempre stato tanto amato e idolatrato in Europa quanto poco considerato dal pubblico americano.

Un vero e proprio paradosso per il celebre cineasta, newyorkese e vero e proprio cantore della Grande Mela, praticamente mai abbandonata fino alle esperienze londinesi e spagnole di questi ultimi anni. Venerato dalla critica europea, che l’ha ricoperto di premi, invitandolo praticamente sempre ai vari Festival nazionali, Allen ha sempre avuto enormi difficoltà a sbancare i botteghini americani, fino all’arrivo di Mezzanotte a Barcellona, che sta risollevando le sorti commerciali del regista negli States.

Candidato a 21 Oscar, 3 dei quali vinti, ai quali si vanno ad aggiungere 9 Bafta, un Orso d’Oro a Berlino, 5 David di Donatello, 2 Cèsar, un Festival di Cannes, un Leone d’Oro alla Carriera a Venezia, un Golden Globes e 4 Writers Guild of America, Woody Allen negli Usa ha incassato ‘solo, 440 milioni di dollari con ben 35 film a disposizione.

A conti fatti una media per film di appena 12 milioni e mezzo di dollari, per uno dei registi più amati e celebri della storia del cinema. Ad oggi, il film di Allen che ha incassato di più negli Usa è Hannah e le sue Sorelle, con poco più di 40 milioni di dollari, seguito da Manhattan, trionfatore agli Oscar, con poco meno di 40 milioni di dollari.

Da allora, era il 1986, nessun film di Woody è mai riuscito a superare i 23 milioni di dollari, incassati 3 anni da fa Match Point. Malissimo l’ultimo Cassandra’s Dream, con meno di un milione di dollari incassati, interessante Scoop, con 10 milioni di dollari, mentre deludentissimi Melinda e Melinda e Anything Else, con 4 milioni di dollari a testa.

Fino all’arrivo di Mezzanotte a Barcellona, capace ad oggi d’incassare negli Usa 14 milioni di dollari in 18 giorni di programmazione. Riuscirà il film a toccare quota 20 milioni, ridando fiato alle tasche sempre mezze vuote dei produttori del buon Woody? Vero è che l’Europa risolleva sempre il tutto, ma riuscire ad incassare qualcosa anche in patria non sarebbe proprio una cattiva idea…

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ci sarà un revival di Nash Bridges, sarà un film e questo sarà il cast… 7 Maggio 2021 - 21:15

Ecco gli attori che affiancheranno Don Johnson e Cheech Marin nel film che potrebbe anche lanciare una nuova serie

Belle: Un dietro le quinte di cinque minuti del film di Mamoru Hosoda 7 Maggio 2021 - 21:08

Primo appuntamento con una serie di dietro le quinte dedicati al film Belle di Mamoru Hosoda. Annunciati quattro doppiatori tra cui Shōta Sometani. A fine mese si concluderanno le audizioni a livello mondiale per una piccola parte vocale nel film

Il regista di Tyler Rake dirigerà Idris Elba in Stay Frosty 7 Maggio 2021 - 20:30

Sarà un film nella vena degli action natalizi anni '80 come Arma letale e Die Hard

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.