Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2008/09/jackie-chan.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Jackie Chan, il corpo della rivoluzione

Jackie Chan, il corpo della rivoluzione

Di Gabriele Niola

Che dire su Jackie Chan che non sia stato già detto? Che raccontare che non sia stato già raccontato? Cosa lodare che non sia stato già lodato?

Secondo solo a Bruce Lee quanto ad importanza nel mondo delle arti marziali al cinema Jackie Chan ha rispetto al maestro dei maestri un indubbio primato: i suoi film sono migliori. Certo si tratta di un confronto impari, Bruce Lee ne ha fatti 4 (completi) e Jackie circa una novantina (tra i quali si contano due di quelli con Bruce Lee protagonista in qualità di controfigura). Eppure se si devono guardare i film per i quali i due artisti marziali verranno ricordati è il secondo a godere di una filmografia più godibile.

Questo accade perchè Bruce Lee ha vissuto in un’altra era del cinema e non era tanto padrone dei film a cui prendeva parte. Jackie Chan invece ha vissuto l’era del boom economico della Cina (che si è tradotto anche in un boom cinematografico) e soprattutto ha vissuto il boom delle arti marziali nato proprio dai film di Bruce Lee, cosa che gli ha consentito di sperimentare di più avendo la mano più libera di chiunque altro prima di lui.

Assieme a Sammo Hung Jackie Chan ha cambiato definitivamente il concetto di arte marziale al cinema secondo una direzione che inconsapevolmente già Bruce Lee aveva intrapreso, quella della preminenza del corpo sul film.
Le arti marziali acquisendo personalità (o meglio corporalità) si svincolano così da un genere preciso (il che non vuol dire che lo abbandonino) e diventano materia in grado di finire nel cinema d’azione come in quello comico, in quello drammatico come nel western (si ha fatto anche questo in uno dei momenti più tristi della sua deriva hollywoodiana).

Ma il punto è che mutando in questa maniera, dovendosi adattare a continui nuovi scenari le arti marziali rendono ancora più evidenti le loro caratteristiche fondamentali, ciò che le rende tali. Ovvero la centralità del movimento e la presenza del corpo.

Per capire questo basta proprio guardare un film di Jackie Chan, guardare le sue evoluzioni incredibili e notare come tutto il film ruoti su quei momenti anche se non portano avanti la trama, notare come il godimento stesso dell’azione sfrenata non è dovuto neanche alle coreografie (comunque elaborate) ma alla straordinaria fisicità di Jackie Chan. Ecco il concetto di corpo!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Box Office Giappone: One Piece Film Red è ufficialmente il film di maggior successo del franchise 19 Agosto 2022 - 0:07

Dopo 13 giorni One Piece Film Red ha superato ¥8 miliardi al Box Office Giapponese, ha venduto 5,7 milioni di biglietti, superando così i 5.67 milioni di One Piece Film Z (2012).

Finalmente l’alba: anche Joe Keery di Stranger Things nel film di Costanzo 18 Agosto 2022 - 21:30

Keery affiancherà Willem Dafoe e Lily James nel film di Saverio Costanzo, le cui riprese si svolgeranno in Italia

American Gigolo: nuovo trailer per la serie con Jon Bernthal 18 Agosto 2022 - 20:45

La serie, ispirata al film di Paul Schrader con Richard Gere, debutterà in USA il 9 settembre, e ora ne possiamo vedere il secondo trailer

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?