Venezia 65: fate largo a Charlize Theron!

Venezia 65: fate largo a Charlize Theron!

Di peter

Terzo giorno a Venezia… ed il clima di disappunto per l’assenza di grandi star svanisce in un attimo quando Charlize Theron fa il suo ingresso al Casinò del Lido. L’attrice accompagna il regista Guillermo Arriaga ed il resto del cast per presentare The Burning Plain (La pianura che brucia), drammone struggente, interpretato insieme a Kim Basinger. Una pellicola recitata sublimemente e raccontata alla solita maniera di Arriaga (qui al suo debutto come regista), già sceneggiatore di Amores Perros, 21 Grammi, Babel e Le tre sepolture. Una struttura a puzzle in cui i personaggi incrociano i loro cammini col procedere del film.

Signora Theron, ancora una volta si confronta con un personaggio duro e molto difficile: una donna danneggiata e sofferente. Come mai è così attratta da questo genere di ruoli?Perché è proprio quello che siamo nella realtà. Tutti abbiamo dei difetti, tutti commettiamo degli errori perché questa è la vita. Certo, poi quello che vedete sullo schermo è molto estremo, ma è proprio questo aspetto che fa entrare in empatia lo spettatore con il personaggio. Ti commuovi quando vedi quello che accade e, in alcuni casi capita una sola volta, mentre per altre vicende capita 15 volte. In The Burning Plain le emozioni sono continue.

Ci parli del lavoro svolto insieme a Kim Basinger, con cui lei lavora per la prima volta…
E’ stupefacente. Vi confesso che abbiamo discusso molto su quale attrice affidare il ruolo di Gina, c’era un elenco di grandi attrici in lista e mai abbiamo fatto scelta più felice. Kim ha una forza adesso, alla sua età, incredibile che si mescola con una bellezza e una vulnerabilità che possedeva anche a vent’anni, e che ancora emozionano terribilmente. In alcune scene, in particolare in quella che trema, è veramente da brivido. Si è con lei dentro lo schermo”.

Lei anche produttrice di The Burning Plain. Come mai ha deciso di vestire anche questo ruolo?
Perché è un aspetto del mio lavoro – continua la Theron – che mi piace molto e che non è molto differente dal recitare. Tra l’altro ho già prodotto Monsters e penso anche di farlo in futuro. Dipende sempre con chi lavori. Per The Burning Plain posso solo dire che mi sento onorata di essere stata coinvolta come attrice e come produttrice. Produrre un film come questo vuole dire fare un lavoro creativo, come quello della recitazione. E poi mi interessa capire come funziona l’industria cinematografica, come sopravvive. L’aspetto economico è importante anche se non diventi ricco di sicuro con un film come questo. Qui l’obiettivo era realizzare una bella pellicola e credo proprio che ci siamo riusciti.

Vi ricordiamo che The Burning Plain arriverà nelle nostre sale dal 14 novembre distribuito dalla Medusa.

 

LEGGI ANCHE

Gli studios ignorano le richieste sui protocolli sull’aborto dei creatori 11 Agosto 2022 - 18:03

Disney, Netflix, AppleTV+, NBCUniversal, Amazon, Warner Bros, Discovery e AMC Networks hanno risposto alla richiesta di rettificare il piano di sicurezza sull'aborto di più di mille creatori di Hollywood.

Cenerentola: il trailer del musical Amazon con Camila Cabello 3 Agosto 2021 - 20:20

La rilettura della classica fiaba arriverà su Amazon Prime Video il 3 settembre

Anche Zendaya reciterà nel Dune di Denis Villeneuve 30 Gennaio 2019 - 22:44

La giovane attrice lanciata da Spider-Man: Homecoming raggiungerà un cast davvero stellare!

Contest Scanner – Gioca e Vinci con L’estate addosso, Pets e Alla ricerca di Dory 11 Settembre 2016 - 17:00

Ecco i migliori concorsi / contest / giveaway legati al mondo del cinema e della televisione comparsi nel web negli ultimi giorni...

Black Panther: 15 momenti pazzeschi nella sua storia a fumetti 9 Novembre 2022 - 12:41

Per l'uscita in sala di Wakanda Forever, ricordiamo perché, se vuole, il Black Panther a fumetti è in grado di prendere a calci pure Superman.

Ant-Man and the Wasp: Quantumania, il trailer spiegato a mia nonna 25 Ottobre 2022 - 14:45

Kang, il regno quantico e un altro bel casino cosmico causato da giovani che non sanno tenere le mani a posto, pare.

Boris 4, la recensione (senza spoiler) dei primi due episodi 24 Ottobre 2022 - 20:00

"L'algoritmo non deve neanche troppo rompere il c*zzo"

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI