L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Doomsday, la recensione in anteprima

Doomsday, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Doomsday Poster USARegia: Neil Marshall
Cast: Rhona Mitra, Bob Hoskins, Malcom John McDowell, Adrian Lester, Alexander Siddig
Durata: 105 minuti
Anno: 2008

Quando 28 Giorni Dopo incontra Fuga Da New York che incontra Mad Max che incontra L’Armata Delle Tenebre. Più o meno così si può definire questo “gioiello” del trash involontario moderno, colmo fino all’orlo di tutto ma pieno di nulla. Se lo si va a vedere con amore del kitsch e spirito scanzonato si rischia anche di divertirsi, nonstante (e purtroppo) il film si prenda molto sul serio.

Doomsday inizia come un film “di epidemia” dove un misterioso virus fa strage di britannici. I malati sono subito confinati nella Scozia (da lì è partito tutto) recintando tutta la regione e isolandola dal resto del mondo. Nessuno sa nulla di cosa accada lì dentro, presumibilmente sono tutti morti. Ma dopo 25 anni il virus si manifesta di nuovo a Londra (anche se a nessuno sembra interessare perchè) e dalle foto della zona recintata si scorgono forme di vita. La cura è evidentemente lì e a prenderla viene mandata una task force capitanata da una donna scampata per miracolo al disastro di 25 anni prima.

Le occasioni di comicità involontaria piovono a dirotto mentre il film procede (nell’ordine) dal genere catastrofico/fantascientifico a quello guerrigliero fino a quello medievale (con un improbabile foresta di Sherwood inquinata) passando per il post atomico. Neanche a dirlo una simile libertà di stile non è supportata da idee, volontà di stupire o anche solo conoscenza cinematografica, quanto più (per quel che si capisce) dalla voglia di stupire inserendo di tutto ma l’effetto alla fine è esattamente il contrario.

Non stupiscono più i ribelli che fanno graffiti ovunque, si spostano in moto truccate come quelle di Ken il guerriero o camion disastrati come quelli di Strade di Fuoco e girano vestiti e truccati come dei punk (in certi punti le immagini sembrano quelle di un comunissimo rave). Non stupisce più il regresso dell’umanità abbandonata a se stessa ed è francamente grottesco che tale regresso si trasformi in un perfetto e dettagliatissimo ritorno all’età medievale (con tanto di armature, costumi in tono probabilmente cuciti per l’occasione e vetrate istoriate).

Non stupisce nemmeno l’eccesso di gore con cui è condita la pellicola. Insomma nulla di ciò che dovrebbe essere memorabile e scioccante in Doomsday lo è davvero, ma se non altro il film ha il pregio (non voluto) di mettersi in mostra senza ritegno scatenando il riso incontrollato.

Già da antologia del cult la presenza di Zed nella sala della tortura (si, proprio lui, Zed di Pulp Fiction) e l’utilizzo di manette pelose rosa per legare i prigionieri prima di squoiarli.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Emancipation – Will Smith e Antoine Fuqua lasciano la Georgia a causa della nuova legge elettorale 12 Aprile 2021 - 21:48

La produzione di Emancipation lascia la Georgia, in risposta alla nuova legge elettorale. La dichiarazione congiunta di Will Smith e del regista Antoine Fuqua

Governance – Il prezzo del potere: su Prime Video il film con Massimo Popolizio e Vinicio Marchioni 12 Aprile 2021 - 21:30

Arriva su Amazon Prime Video Governance – Il prezzo del potere, il film di Michael Zampino, che vede nel cast Massimo Popolizio e Vinicio Marchioni. Ecco tutto quello che dovete sapere, la trama, il cast, il trailer.

Shazam! Fury of the Gods: anche Lucy Liu nel cast del film DC 12 Aprile 2021 - 20:45

L'attrice sarà Kalypso, sorella dell'Hespera interpretata da Helen Mirren

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.