L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Da Narnia a Roma: ecco Castellitto, Favino e Adamson

Di peter

Abbiamo incontrato il regista e i due attori italiani nella capitale in occasione della presentazione di Le cronache di Narnia: Il Principe Caspian, pellicola in uscita sui nostri schermi dal 14 agosto 2008.

Andrew Adamson – Regista

Signor Adamson, potrebbe parlarci della differenza tra gli Shrek che lei ha diretto e i primi due capitoli di Narnia? Come mai, sceglie sempre storie incentrate sul potere della fantasia?
E’ curioso perché i vari Shrek e i due film tratti da Le Cronache di Narnia sono esattamente l’opposto e nello stesso tempo hanno dei punti in comune. Quanto il primo è anarchico, il secondo invece ti racconta una storia piena di fantasia, fede e morale. E’ la fantasia raccontata da due punti di vista opposti. Due film che però riescono ad intrattenere la gente e a farla anche riflettere. Per me il fantasy è un genere che porta la verità emotiva sullo schermo mascherandola da grande spettacolo.

A proposito di Fantasy, dunque… Dopo i fiaschi al botteghino di pellicole come La bussola d’oro o Stardust, pensa che il genere sia in crisi?
Penso che ora la situazione sia molto difficile e delicata per i grandi film di Studio in generale. Non importa se sono fantasy o pellicole d’azione o d’altro genere. Tra gli Studios c’è una competizione pazzesca. Basta notare quanti film realizzati ad alto budget escono negli Usa ogni fine settimana. Una situazione che mette tanta tensione tra i produttori!

Sergio Castellitto (Miraz) e Pierfrancesco Favino (Tenente Glodzelle)

Cosa pensate di questi vostri personaggi cattivi? Quali sono state le vostre ispirazioni per i ruoli?
Pierfrancesco Favino:
Come ben sapete, un ruolo da cattivo per un attore è bellissimo. Sono divertenti, piacevoli. Penso che interpretare un cattivo sia una risorsa per un essere umano. Uno dei miei cattivi preferiti è Spencer Tracy in Dr. Jekyll and Mr. Hyde di Victor Fleming. In quel caso lo stesso uomo offre due lati della stessa medaglia: il cattivo e l’eroe. Per capire fino in fondo chi sono davvero i cattivi, la cosa più importante è slegare la cattiveria dalla morale.

Sergio Castellitto: Il cattivo ha sempre le sue ragioni. Il mio cattivo preferito al cinema è Charles Laughton. Adoro la sua l’ironia, la spietatezza, l’intelligenza, l’acutezza che ha sempre messo nei cattivi che ha interpretato e che hanno fatto la differenza.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

After: la saga si espande, in arrivo un prequel e un sequel 20 Aprile 2021 - 16:00

La saga After, ispirata alle pagine di Anna Todd, si è rivelata una grande successo. Un terzo capitolo è pronto per arrivare nelle sale nel corso del 2021 ma i progetti per il franchise sono decisamente ambiziosi.

Edgar Ramírez protagonista della serie Florida Man per Netflix 20 Aprile 2021 - 15:15

Un ex poliziotto in cerca della ragazza di un ganster, un viaggio angosciante tra Brivido caldo e Out of Sight

Il cosmonauta – Anche Paul Dano e Kunal Nayyar nel film Netflix 20 Aprile 2021 - 14:30

Paul Dano e Kunal Nayyar sono entrati nel cast di Spaceman, film Netflix con Adam Sandler e Carey Mulligan tratto da Il cosmonauta di Jaroslav Kalfar.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.