L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Wanted, l’allenamento di James McAvoy

Di

Wanted Immagini Film e Set 14

7° appuntamento in arrivo dal pressbook di Wanted, con l’allenamento di James McAvoy, pronto a trasformarsi da normalissimo ragazzo in spietato killer…

Nel descrivere il modo in cui i membri della Confraternita vivono la loro vita, non si può non sottolineare l’importanza della loro prestanza fisica. I loro corpi fanno parte dell’arsenale. Nonostante la Confraternita di assassini non sia composta da esseri sovrumani, essi possiedono poteri specifici, che non possono essere ottenuti o sviluppati semplicemente frequentando una palestra.
I membri della Confraternita sono stati sottoposti a un grande allenamento fisico, in particolare McAvoy e Jolie. McAvoy ha dovuto lavorare molto per trasformare il suo corpo non allenato, in un fisico sinuoso, levigato e muscoloso in tempo record.
Il personal trainer GLENN CHAPMAN, reclutato per allenare l’attore che interpreta Wesley, spiega: “La maggiore difficoltà nel caso di McAvoy è stato prendere peso. L’attore pesava circa 62 kg quando ha iniziato il suo training a Londra, due mesi prima delle riprese, e siamo riusciti a portarlo fino a 74 kg, quando si trovava a Praga. Il periodo che avevamo a disposizione per l’allenamento era piuttosto limitato, e lui doveva acquistare volume, quindi abbiamo combinato diversi tipi di training, fra cui i pesi e la corsa a diverse velocità”.

Anche dopo aver accettato l’incarico, McAvoy era abbastanza inconsapevole del lavoro fisico che lo attendeva e confessa: “Odiavo andare in palestra, prima di iniziare questi allenamenti. Infatti sono cambiato molto, a volte l’allenatore mi ha spinto talmente che mi ritrovavo in ginocchio pregando di ammalarmi per non continuare. Mi ha costretto a mangiare cose orribili, nelle ore più improbabili dela giornata, ma sembra che abbia funzionato. Wes è diventato esattamente come doveva essere!”.
Il corpo di McAvoy è cambiato drasticamente in breve tempo. Nonostante il programma di allenamento fosse intenso e rigoroso, lo scopo non era certo quello di rendere il fisico di Wesley eccessivo. Dice McAvoy: “Wesley doveva comunque restare un personaggio il cui cambiamento risulta credibile”.
Una volta giunti a Praga, il personal training di McAvoy è cambiato per adattarsi al programma delle riprese. Combattimenti e kickboxing sono stati evitati perché l’attore doveva concentrarsi sull’apprendimento delle scene di combattimento previste per il film. Osserva McAvoy: “Le dimensioni non sono sempre direttamente proporzionali alla forza. Volume e muscoli non sono tanto importanti: ciò che conta è quanto si riesce a saltare, o a sollevarsi con la forza delle proprie gambe. Non appena abbiamo iniziato a girare e quindi ho rallentato il ritmo degli allenamenti, i miei muscoli sono subito diminuiti, e lo notavo anche dai costumi, che alla fine del film mi stavano un po’ larghi”.

Secondo McAvoy, che è presente quasi in ogni scena del film, WANTED si è rivelato il film più faticoso, dal punto di vista fisico, in cui abbia mai lavorato. Ciononostante l’attore ha voluto eseguire da solo tutti i suoi stunt. I coordinatori degli stunt hanno riscontrato una grande forza di volontà da parte di McAvoy, che a sua volta afferma che il pubblico certamente si aspettava che fosse lui a compiere i vari capitomboli.
Fra le numerose manovre da lui eseguite, una, in particolare, lo ha entusiasmato: “La mia azione preferita è stata saltare sul treno, cosa che ho fatto completamente da solo. Ovviamente avevo una controfigura, che faceva le cose più pericolose… ma saltare al di là del ponte è stato un momento elettrizzante!”.
Il suo allenatore lo ha assistito durante tutta l’azione del film. “C’è una scena in cui il mio personaggio, Fox, picchia Wesley”, dice Angelina Jolie. “La squadra degli stunt continuava a dirmi che James ha le qualità di uno stuntman quando si tratta di prendere pugni e di lanciarsi contro la porta —e avevano ragione. E’ fantastico lavorare con lui. E’ sempre divertente fare una scena in cui si salta e si prende a pugni la gente, ma non bisogna colpire troppo violentemente, sopratutto se indossi le borchie. Può essere strano o persino pericoloso, ma la cosa certa è che McAvoy è bravissimo”.

Sfortunatamente per Wesley, Fox non è l’unica a dargliele di santa ragione …infatti Wes è anche il bersaglio di Riparatore (interpretato dall’attore inglese MARC WARREN) e di Macellaio (DATO BAKHTADZE).
Bakhtadze ha trascorso due settimane di training molto duro per affrontare la scena in cui lotta con il coltello contro McAvoy. Dice Bakhtadze: “Sono arrivato a Praga circa due settimane prima dell’inizio delle riprese e il coordinatore dei combattimenti non aveva molto tempo per riuscire a trasformarmi in una macchina da guerra! La squadra degli stunt mi ha aiutato a capire come combattere, non solo con l’arma, ma con l’emozione. Non si tratta di come far volteggiare o dondolare il coltello. La cosa che conta è l’impulso che motiva quel movimento”.
Aggiunge il produttore Marc Platt: “Gli attori del film si sono divertiti a fare gli stunt, specialmente McAvoy e Jolie. Si sono allenati molto, in particolare McAvoy, perché il suo personaggio subisce una totale trasformazione. Tutti si renderanno conto del duro lavoro al quale si è sottoposto insieme al suo allenatore, per diventare un eroe in carne e ossa”.
La maggior parte degli stunts sono stati girati alla velocità di 150 fotogrammi al secondo, in super-slow motion. Il ché vuol dire che sia gli attori e che gli stunt non potevano nascondere granché alle cineprese. Infatti Bekmambetov e il direttore della fotografia Amundsen non avrebbero mai potuto evitare di riprendere un pugno sferrato male o una caduta mal riuscita, con questa tecnica! Questo è il motivo per cui sono state fatte tante prove, fino a quando ogni piccola sfumatura non fosse perfetta.

Una delle sequenze più memorabili di WANTED è l’inseguimento in cui Fox raggiunge Wesley in una Viper rossa e si lancia per la città per sfuggire a Cross che si trova a bordo di un furgone. Al volante della Viper c’era la Jolie nel ruolo di Fox. Il coordinatore degli stunt MIC RODGERS spiega come ha dovuto effettuare le riprese (con la Jolie sospesa a mezz’aria a 30 miglia all’ora): “Abbiamo attrezzato l’auto in modo tale da consentire ad Angelina di restare appesa al suo fianco durante la corsa. L’attrice era totalmente ‘imbracata’, e costantemente monitorata. La cinepresa si trovava sul retro della Viper, su una piattaforma, e noi la seguivamo con un’altra camera mobile. Angelina-Fox si scontra frontalmente con un’auto che proviene dalla direzione opposta, e viene scaraventata sul lato del guidatore della Viper. Ma subito dopo, trova la forza per crivellare di colpi il camion di Cross”.
Per alcuni attori, però, non è stata tanto la fisicità dei loro ruoli a caratterizzare i loro personaggi, quanto le loro armi. Il supervisore delle armi RICHARD HOOPER ha avuto il compito di introdurre fucili e pistole agli attori che avrebbero dovuto utilizzarli. Racconta: “Abbiamo cercato prima di tutto di far familiarizzare gli attori con le armi che usano nel film. Li abbiamo allenati in due modi: nel modo più consueto e nel modo del tutto particolare che caratterizza gli adepti della Confraternita, i quali riescono a centrare il bersaglio curvando i proiettili intorno alla gente e agli edifici; questa tecnica ha inoltre la funzione di non uccidere mai nessun altro, per sbaglio. Ogni membro della Confraternita ha un suo modo unico di sparare. Tutti gli attori hanno prestato attenzione alle istruzioni e all’uso più sicuro delle armi da fuoco”.

Thomas Kretschmann dice: “L’addestramento con le armi è stato abbastanza duro per me. Sono arrivato tardi nel film e temevo di non avere abbastanza tempo per allenarmi. Non avevo alcuna idea di come fare a diventare uno dei più grandi assassini del mondo in una sola settimana. Mi sembrava di aver bisogno di almeno sei mesi per prepararmi. Ho fatto del mio meglio e sarò certamente ancora più agitato quando uscirà il film”.
McAvoy è stato uno dei primi attori che Hooper ha dovuto addestrare: “Wesley all’inizio non sa assolutamente nulla di fucili e pistole, quindi abbiamo dovuto rappresentare un personaggio un po’ goffo e inesperto. Durante le varie fasi dell’allenamento, migliora sempre più, per diventare infine il n. 1 degli assassini”.
Per il ruolo di Armaiolo, Common ha studiato l’intero arsenale delle armi. Spiega l’attore: “Ho dovuto imparare tante cose diverse sulle pistole, che non conoscevo affatto. La gente pensa sempre che le armi siano ‘cattive’ ma ovviamente è il modo in cui vengono utilizzate che fa la differenza. Per Armaiolo il fucile è una forma d’arte, nonché uno strumento per eseguire il volere del Telaio”.

Le armi impiegate in WANTED sono una combinazione di antico e moderno, e questa è l’idea su cui si basa il design del film, che ha anche la funzione di dare alla storia un fondamento di solidità. La Confraternita ingloba secoli di tradizioni, codici e armi. Ci sono circa 200 tipi di armi usati in WANTED. Questa antica organizzazione conserva infatti armi che risalgono a diversi periodi, continuando a modificarle invece di sostituirle.
Hooper osserva: “Bekmambetov ha una visione curiosa di questo gruppo di personaggi e gli piace pensare in modo anticonformista. Quindi anche il modo in cui i suoi personaggi usano le armi riflette questa visione”.
Aggiunge Myhre: “I fucili moderni non mi interessano affatto ma Bekmambetov, che ha delle idee fantastiche, ha iniziato a considerare i fucili a pietra focaia, quindi abbiamo pensato a un’arma semiautomatica. Abbiamo creato uno stile visivo e l’abbiamo usato non solo per modificare le vecchie armi, ma anche per abbellire i fucili contemporanei, inserendo incisioni sulle loro canne”.

Quando il dipartimento artistico ha iniziato a sviluppare le belle incisioni sui fucili, si è pensato di far proseguire il disegno dell’arma da fuoco anche sulla mano, come un tatuaggio, in modo che l’incisione dell’arma diventi un tutt’uno con il disegno della mano di chi la impugna. L’artista dei capelli e del trucco Hannon, afferma: “Doveva essere l’elemento caratterizzante dei membri della Confraternita ma alla fine abbiamo pensato che sarebbe stato meglio riservare questo effetto così particolare a un’unica persona: Fox”.
La maggiore preoccupazione di qualsiasi specialista di armi, è la sicurezza nei confronti degli attori e della troupe. Gli attori devono imparare a usare i loro fucili in modo veritiero e al contempo devono prestare la massima attenzione nei confronti di chi li circonda, quando maneggiano le armi. Infatti non solo gli attori principali, ma anche i figuranti, sono stati addestrati alle armi. Hooper commenta: “Abbiamo lavorato molto per essere certi che qualsiasi extra fosse preparato a ogni sequenza, ogni ripresa, ogni scena d’azione. Hanno provato e riprovato, e alla fine tutti sapevano esattamente cosa fare”.
Esiste un reale fondamento sulla possibilità di modernizzare le armi antiche o la traiettoria dei proiettili che si piegano intorno agli angoli? Ride Hooper: “Ci stiamo solo divertendo! Si tratta di pura fantasia e di puro intrattenimento”.

To Be Continued…

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: chi interpreta Kathryn Hahn nella serie? Forse [SPOILER] 17 Gennaio 2021 - 14:00

Il suo personaggio potrebbe essere noto ai fan dei fumetti Marvel

Spider-Man 3 – Tom Holland con il costume di Far From Home nelle foto dal set 17 Gennaio 2021 - 13:00

Dal set di Atlanta giungono nuovi scatti di Spider-Man 3 che ritraggono Tom Holland con il costume di Far From Home, impegnato a girare una scena.

Star Wars: le foto del set della serie di Obi-Wan Kenobi (o si tratta di Cassian Andor?) 17 Gennaio 2021 - 12:00

Nel Regno Unito sono da poco iniziate le riprese di una serie live-action di Star Wars e nel web sono arrivate le prime foto del set, si tratta di Andor o di Obi-Wan Kenobi?

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.