L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Steve Carell con Agente Smart batte l’Incredibile Hulk al boxoffice Usa

Di Federico

Ottimo esordio per Steve Carell e il suo Agente Smart al botteghino americano.

La commedia, che si rifà ad una serie tv degli anni 70, conquista immediatamente la vetta del boxoffice statunitense, sfiorando i 40 milioni di dollari d’incasso in appena 3 giorni. 10,000 euro la media per sala, per quello che si può definire uno splendido risultato, capace di riprendere metà del budget in appena 72 ore.

Al secondo posto resiste magnificamente Kung Fu Panda. La pellicola della Dreamworks, al 3° weekend di programmazione, perde solo il 35% degli incassi rispetto alla settimana scorsa, si porta a casa altri 22 milioni di dollari e tocca quota 156 milioni di dollari, per un totale che ben presto supererà i 200 milioni.

Chi cala pericolosamente, e inaspettatamente, è l’Hulk di Laterrier. L’uomo verde perde il 61% degli incassi rispetto al weekend scorso, fermandosi a quota 96 milioni di dollari. Un totale sotto le aspettative, e sotto anche l’Hulk di Ang Lee, difficilmente spiegabile, viste le buone critiche e l’ottimo passaparola partorito dai fans. A questo punto il traguardo dei 150 milioni di dollari è quanto si possano augurare in casa Marvel.

Il crollo maggiore, com’era prevedibile, l’ha invece fatto registrare E venne il Giorno. Il film di Shyamalan sfiora il meno 70%, toccando i 50 milioni di dollari. Arriverà probabilmente ai 65, dopo esserne costati 60, dando sempre più l’impressione che per il regista indiano la ‘pacchia’, negli Usa, sia davvero finita.

Pessimo l’esordio per Mike Myers e il suo The love Guru. Il film, costato 62 milioni di dollari, si deve accontentare di appena 14 milioni di dollari, con una prospettiva finale che a questo punto difficilmente potrà superare i 35/40 milioni di dollari.

Chi incredibilmente ancora non ha toccato quota 300 milioni di dollari è Indiana Jones e il Regno del Teschio di cristallo, che perde un altro 42%, arrivando ai 290 milioni. I 300 verranno sicuramente superati, ma è facile che il risultato finale non si scosterà poi di molto da quel risultato…

Perde pochissimo, solo il 34%, Sex and the City, che supera ogni più rosea aspettativa, arrivando ai 132 milioni di dollari, con il sogno dei 150 a questo punto realizzabile, mentre Iron Man arriva ai 305 e Zohan agli 84.

Ma attenzione al prossimo weekend, ci saranno due W pronte a scannarsi… Wall-E e Wanted!


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Only Murders in the Building: nuovo trailer per la serie Star con Steven Martin e Martin Short 27 Luglio 2021 - 20:30

Insieme a Selena Gomez, interpreteranno tre podcaster che decidono di risolvere un delitto. dal 31 agosto su Disney+ Star

Nuove aggiunte al film autobiografico di Spielberg, tra cui Judd Hirsch 27 Luglio 2021 - 19:30

Il cast di The Fabelmans si arricchisce di quattro nuovi interpreti veterani

Batman Unburied: Winston Duke e Jason Isaacs saranno Bruce Wayne e Alfred nel podcast 27 Luglio 2021 - 18:45

Il podcast nasce da un'idea di David Goyer e vedrà Bruce Wayne nell'insolito ruolo di patologo forense. In arrivo su Spotify

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.