L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Secretary (2002). Quel torbido lavoro d’ufficio.

Di Roberto

Secretary (id., Usa 2002 – Drammatico; 104) di Steven Shainberg con James Spader, Maggie Gyllenhaal, Jeremy Davies, Lesley Ann Warren, Stephen McHattie, Patrick Bauchau, Jessica Tuck, Oz Perkins, Amy Locane, Mary Joy.

Uscita da poco da un istituto psichiatrico, la giovane Lee Holloway si mette alla ricerca di un lavoro per calmare le sue tensioni: la assume un dimesso avvocato, tanto incline alla sottomissione dei suoi sottoposti quanto lei, silenziosa masochista, ami essere la schiava di altri. E, alla fine, si troveranno perfettamente l’uno nelle braccia dell’altra.

Una folgorante storia d’amore e di passioni tabù, tanto più bizzarra in quanto calata profondamente in una realtà grigia e anonima: la sceneggiatura di Erin Cressida Wilson gioca sulle sfumature e gli impercettibili cambiamenti d’umore, mentre la regia di Shainberg (il cui primo lungometraggio è inedito in Italia) si dimostra assai acuta e raffinata nel sondare due psicologie fragili e conflittuali. Di tanto in tanto compare la voce narrante della protagonista, come in una sorta di fiaba perversa e per questo ancora più amabile, mentre la colonna sonora di Angelo Badalamenti diffonde allegria, malinconia e tragedia con noncuranza: ma di bello c’è che nessuno si permette di dare giudizi netti sulle persone, visto che ogni atto umano – anche quello che sembra più abietto e turpe – nasconde in realtà un passato (o una logica) che merita rispetto e comprensione. Tocchi da commedia gentile, ritmo lento ma clima di opprimente morbosità, svagati inserti da potenziale melodramma in un vago cocktail che ha fatto parlare variamente di Burton, Lynch, Cronenberg e Haneke: ma Shainberg dimostra, invece, di avere una sensibilità tutta personale, tenera e crudele, ludica e lucida. Spader sembra proseguire il suo personaggio di Crash, mentre il finale stupendamente erotico butta all’aria molte convenzioni/pregiudizi e spezza una lancia in favore della totale libertà esistenziale: dolore e piacere possono assolutamente equivalersi, tanto che si può essere pienamente appagati anche nella sofferenza comune. “Finalmente un film dove quello che siamo – quella scatolina piena di cose belle e terribili, struggenti e ripugnanti – viene accettato dall’altro come un dono, senza condizioni e senza compromessi”. (Silvia Colombo). Pur di premiarlo al Sundance, il presidente della giuria John Waters si è inventato “il premio al film più bizzarro”.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il trailer di Willy’s Wonderland: Nicolas Cage contro gli animatronics indemoniati! 15 Gennaio 2021 - 21:00

Arriverà il 12 febbraio in USA, sia al cinema che on demand, l'horror diretto da Kevin Lewis

Providence: su Peacock una nuova serie dagli autori di You 15 Gennaio 2021 - 20:15

Tratta da un romanzo di Caroline Kepnes, la serie sarà sviluppata da Sera Gamble per la piattaforma di NBCUniversal

Heart of Stone: Netflix compra l’action con Gal Gadot 15 Gennaio 2021 - 19:30

Il film mira a lanciare un nuovo franchise di spionaggio ed è scritto dallo sceneggiatore di The Old Guard

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.