L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Bettini passa il testimone a Rondi: “Sono stato io a convincerlo ad accettare”

Di Gabriele Niola

Conferenza stampa speciale oggi all’Auditorium di Roma che ha riunito Goffredo Bettini e Gianluigi Rondi, rispettivamente passato e futuro della Festa Del Cinema, presenti anche i partner di Regione (Marrazzo), Provincia (Zingaretti), Camera di Commercio (Mondello), Auditorium (Fuortes) e Comune (Alemanno).

Oggi dovevano venire fuori le linee direttive per il futuro della manifestazione ma ciò che si è visto è stato un commiato a Bettini e un benvenuto a Rondi il quale ammette in prima persona che non sarà in grado di dare la sua impronta alla manifestazione del 2008, troppo stretti i tempi, e che lavrorerà sui cambiamenti che ha in mente dal 2009 in poi.

Ma quali sono questi cambiamenti?

Rondi qualche cosa ci tiene ad anticiparla: “Ho una vera passione per il cinema italiano, l’ho sempre difeso e voglio che sempre di più la Festa gli dia spazio e questo attraverso un miglior collegamento tra produttori e distributori per creare sinergia tra il festival e il comparto cinematografico. Dobbiamo partire da lì con in mente un’altra metà cioè il mercato del film. Quando ero direttore del festival di Venezia ideai un piccolo mercato del cinema ma all’epoca c’era il MIF di Milano a fare questo lavoro e dovetti rinunciare alla mia idea ma ora il MIF non c’è più e inoltre qualcosa di simile alla Festa già c’è [Business Street ndr], ha un titolo inglese e spero che possa essere trasformato in italiano“.

Quanto alla concorrenza con Venezia non ci sono dubbi: “Penso che Roma dovrebbe lasciare l’arte a Venezia e sostenere quel cinema che è spettacolo e ha il consenso dello spettatore. La Festa di Roma nella selezione ufficiale dovrebbe unire spettacolo e cultura ricordando le prime idee esposte da Renè Clair. Vorrei anche delle sezioni per la cultura o una per i film per ragazzi o una per l’arte dell’attore [le ultime due già esistono ndr]”.

E nemmeno sul versante Red Carpet Rondi intende essere vago: “Il divismo è una cosa che esiste da quando il cinema è nato e questa cosa non la si può combattere, ma i divi vanno accolti solo se protagonisti di film importanti, scelti nella sezione principale e poi se per mostrarli meglio servono i tappeti rossi vanno bene ma ci deve essere una bilancia dove predomini la cultura perchè è fondamentale“.

A Bettini il compito di spiegare le motivazioni del cambio: “Ho sentito una contraddizione moto forte che covava da tempo dentro di me, l’avere un ruolo politico importante in una fase politicamente complessa e avere questa carica. Mi sembrava una mancanza di stile o un’imposizione non rimettere un mandato in riferimento da un compito istituzionale che mi impegnava come presidente di una grande fondazione culturale perchè un politico che lo fa a tempo pieno può avere un incarico simile solo per una felice eccezione che non può durare a lungo e non può essere imposta ad un mutato quadro politico“.

Nessun riferimento al precedente sindaco, Veltroni non è nominato nemmeno una volta nonostante molto si parli dei fasti delle passate edizioni e della bontà dell’idea di avere una manifestazione simile a Roma.

A chiudere è il sindaco Alemanno che esprime la sua visione della Festa: “La scelta del nuovo presidente è molto tecnica, di un’autorevolezza indiscussa e largamente condivisa tanto che anche Bettini è stato daccordo. E’ un messaggio di centralità del cinema e della produzione italiana, una scelta netta e penso anche ad un’allenza strettissima con i David da fare nel futuro, che sia netta, forte e ben codificata e Rondi è la persona migliore per fare questo“.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Articolo Precedente

LEGGI ANCHE

Al nuovo gusto di ciliegia: nuovo trailer per la serie Netflix con Rosa Salazar 30 Luglio 2021 - 21:15

Creata da Nick Antosca (Antlers), la serie sarà incentrata su una vendetta soprannaturale dagli effetti allucinogeni nella Hollywood anni '90

The Menu: Nicholas Hoult reciterà nella commedia con Anya Taylor-Joy 30 Luglio 2021 - 20:30

Nicholas Hoult reciterà nella commedia thriller The Menu con Anya Taylor-Joy, Ralph Fiennes e Hong Chau.

Jungle Cruise – Tutto ciò che c’è da sapere sul film Disney con The Rock e Emily Blunt 30 Luglio 2021 - 20:00

Jungle Cruise è arrivato dopo le sale anche su Disney+: ecco tutto ciò che c'è da sapere sul film!

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.