L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Bekmambetov a Roma: “Il fumetto pone una domanda e io dò una risposta”

Di

Vestito con un’improbabile maglietta arancione, bermuda a scacchi e dei calzini corti blu Timur Bekmambetov è pronto a rispondere alle domande dei giornalisti che per primi hanno visto Wanted, e la nostra attenzione è andata tutta sui rapporti tra film e fumetto (per le altre domande qui).

Innanzitutto la fedeltà, il film come è giusto non è la traduzione pedissequa di quanto stampato, eppure il regista ci tiene a sottolineare l’importanza di poter sempre fare riferimento ad esso: “Quando ho ricevuto lo script tratto dal fumetto ho capito che c’era qualcosa di interessante ma anche molte cose che mancavano. E’ stato solo quando il fumetto l’ho letto e incontrato gli autori che ho capito cosa mancava e come fare il film. Infatti durante tutta la produzione abbiamo fatto sempre riferimento al fumetto come fosse la Bibbia, tornavamo a consultarlo ogni volta che c’erano dei problemi“.

Una delle differenze più evidenti poi è l’assenza di costumi, i protagonisti sono vestiti in maniera più o meno normale a questo proposito la posizione è chiara: “Mia moglie ha deciso di non mettergli dei costumi. Sarebbe stato moto cretino fare altrimenti, superassassini che si nascondono dietro un costume, non è professionale!“.

Ma anche il senso finale della storia secondo Bekmambetov non è esattamente lo stesso: “La graphic novel pone una domanda [“Chi sono io” ndr] mentre il film dà una risposta. Fumetto e film sono diversi in questo senso. Il primo è libertà e rivolta mentre il secondo non è sulla rivolta ma sul trovare il significato della vita. Quando l’ho letto il fumetto mi ha ricordato molto delitto e castigo, c’è lo stesso argomento: “Chi sono? sono un nessuno? posso uccidere? sono il superuomo?” e alla fine del film è molto chiaro il significato che tutto è nelle nostre mani“.

Infine la domanda di rito sul fatto se legga o meno fumetti e se gli piacciano i film che vengono tratti: “Non sono proprio pazzo per questi film ma mi è piaciuto Matrix, i personaggi di Spiderman (che è più per ragazzi) e Hellboy, inoltre mi piacciono i big show come X-Men ma ogni film è un caso a sè“.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Netflix ha superato i 200 milioni di abbonati 20 Gennaio 2021 - 13:24

Netflix ha superato le previsioni riguardanti la crescita e degli abbonati e i ricavi totali del quarto trimestre, concludendo il 2020 nel migliore dei modi, con oltre 200 milioni di abbonati.

Shotgun Wedding: Josh Duhamel pronto a sostituire Armie Hammer 20 Gennaio 2021 - 13:00

L'action-comedy con Jennifer Lopez sarà distribuita da Amazon Prime Video

Last Night in Soho – Thomasin McKenzie nella nuova foto 20 Gennaio 2021 - 12:15

Eloise (Thomasin McKenzie) non se la passa bene nella nuova foto di Last Night in Soho, l'atteso film horror di Edgar Wright.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.