L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Indiana Jones E Il Regno Del Teschio di Cristallo, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Regia: Steven Spielberg
Cast: Harrison Ford, Karen Allen, Cate Blanchett, Shia LaBeouf, John Hurt, Ray Winstone, Jim Broadbent
Durata: 125 minuti
Anno: 2008

Indiana Jones c’è e non è vecchio, è esperto.
Fare spoilering su questo film sarebbe facilissimo, tali e tanti sono i colpi di scena e le trovate tenute abilmente segrete (per quanto è possibile) dal team creativo.
Ma la cosa importante è un’altra, cioè il cinema di Spielberg. Quell’incredibile misto di grandissima tecnica e grandissimi virtuosismi applicati nella maniera più invisibile possibile, tutto a favore del racconto. E una volta tanto (anche se in Spielberg è sempre vero) non è solo una frase detta in un’intervista ma la verità.

Indiana Jones è invecchiato, non lo chiamano quasi più Indiana ma Henry e tutto il film nonostante la tanta azione ha un tono più anziano. Gli altri Indiana Jones potevano essere paragonati ad un ragazzo per l’irruenza, la beffarda arroganza, per il divertimento, l’ironia e la spericolatezza. Questo quarto film nonostante il forte ritmo invece è più paragonabile ad un anziano più ponderato, più divertito e didascalico, più amaro da certi punti di vista e decisamente meno scavezzacollo.

Certo qualche caduta di stile c’è, non è un film totalmente inattaccabile. Spesso si passa quel confine tra l’improbabile e il palesemente fasullo che in precedenza non era mai sorpassato (Shia LaBoeuf che si lancia di liana in liana come Tarzan!), un doppiaggio da cani, qualche trasparenza fatta abbastanza male e un finale da reparto geriatrico.
Ma c’è anche Cate Blanchett, miglior cattivo mai visto rivaleggiare con Indiana (anche se ha avuto una vittoria facile data la pochezza degli altri rivali).

Alla fine però ciò che rende grande cinema ogni episodio di Indiana Jones e anche quest’ultimo è il modo raffinatissimo in cui la trama è raccontata. Non si tratta solo di cinema d’azione ma è vera avventura, colma di richiami alla tradizione del genere. E se per i vecchi episodi il riferimento principale erano i fumetti e il cinema degli anni ’30, ora essendo tutto ambientato nel 1957 è la letteratura e la cultura pop degli anni ’50.

Era tanto tempo che non vedevo scene d’azione così belle. C’è un forsennato inseguimento tra camion e macchine per il possesso del teschio che è un vero inno al cinema, incredibile per come è pianificato. Fateci attenzione se non l’avete ancora visto, si tratta di una vera opera di ingegneria per come è accuratamente diretto e progettato, cambi di fronte, sorprese, duelli di pugni, armi e spada, macchine in corsa, ostacoli e continui sbalzi, tutto con un ritmo e una credibilità mostruosa. Ma questo è Spielberg e lo qui lo si va ripetendo da tanto..

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Videogame News: Speciale E3 e Summer Game Fest 14 Giugno 2021 - 20:30

Una valanga di novità per gli amanti dei videogiochi direttamente dall'E3 e dalla Summer Game Fest (e non solo): ecco l'appuntamento settimanale con le nostre news!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.