L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Creatività e magia: La nuova strada di Alan Moore

Di Redazione

In seguito all’uscita di Watchmen, Moore entra a pieno titolo tra i più grandi autori di Comics viventi; l’interesse suscitato dalla serie è tale che persino la stampa “ufficiale” e la televisione dedicano numerosi speciali a quello che viene immediatamente definito, stavolta senza remore, come un “romanzo per immagini”. Il più grande merito dell’opera, infatti, oltre ad aver affrontato temi importanti, è proprio quello di aver contribuito in maniera decisiva all’affermazione del medium-fumetto come vera e propria Arte.

Da lì in poi Moore diventa una specie di star, e il suo nome (come spesso accade in questi casi) comincia ad essere sinonimo di assoluta qualità, anche in quei casi in cui i suoi lavori, sempre e comunque sopra la media, rimangono ben lontani dall’essere un capolavoro (vedi League of Extraordinary Gentlemen o la più recente ABC). Ad ogni modo, Watchmen non è certo rimasto l’ultimo “miracolo” dello sceneggiatore britannico, così come i Comics non sono rimasti la sua forma d’espressione esclusiva. A partire dalla fine degli anni ’80, infatti, ciò che più preme a Moore è lo sviluppo della Creatività, che egli intende come forza primordiale all’origine di tutte le cose; comincia così ad interessarsi di magia (o meglio, di Arte Magica) e a studiare le pratiche magiche fino ad autoproclamarsi – il giorno del suo 40° compleanno – Sciamano! Dopo quasi due mesi, per la precisione il 7 gennaio del 1994, pare abbia evocato il suo primo “spirito”, una divinità-serpente romana di nome Glycon, divenuta da allora suo nume tutelare!

L’influenza di tale Glycon, in effetti, non tarda a dare i suoi frutti e Moore comincia a sperimentare, attraverso particolarissime performance teatrali a sfondo mistico, nuovi stadi di percezione e creatività; i suoi spettacoli, preparati sempre nei minimi particolari (dai testi da recitare alle musiche da utilizzare, dalla data e dal luogo di rappresentazione al numero di spettatori) sono eventi unici che prevedono un coinvolgimento diretto del pubblico in quello che, a tutti gli effetti, è un rito magico in diretta: attraverso l’uso di musiche, immagini e parole, Moore tenta di ricostruire un paesaggio mentale e poetico, volto a far raggiungere una maggiore consapevolezza allo spettatore. Insomma, dev’essere senz’altro molto più semplice assistervi che spiegarlo! Se non fosse che tali performances sono, lo ripeto, eventi unici, che “vanno in scena” una volta e una soltanto, visto che, proprio per la loro valenza mistica, necessitano di lunghi mesi di preparazione e – naturalmente – di un particolare momento per essere messi in pratica. Esistono comunque delle registrazioni su CD che, sebbene in maniera parziale, riescono a catturare parte della magia della rappresentazione.

E’ il caso ad esempio dello straniante “The Moon and the Serpent Gran Egyptian Theatre of Marvels”, che riproduce la PRIMA performance di Moore (coadiuviato dai musicisti David J – ex-Love & Rockets – e Tim Perkins – ex-Emperors of ice cream) rappresentata il 16 luglio 1994 Birdewell Theatre durante il festival Disobey. Nel 1995 è la volta di The Birth Caul, cui segue, nel 1996, il romanzo La voce del fuoco (Voice of the fire, pubblicato in Italia da Edizioni BD), un’opera lunga e complessa che narra le origini della natia Northampton: per chiarire di che libro particolare si tratti, basti citare il fatto che il primo capitolo è scritto interamente in un dialetto preistorico appositamente ideato dall’autore!

Il ritorno alle preformances magiche avviene nel 1997 con The Highbury Working alla quale segue, nel 1999, Snakes and Ladders, andata in scena nella Red Lion Square a Holborn. La sua ultima rappresentazione è del 2 febbraio 2001 e si intitola Angel Passage; non ci è dato sapere quando sarà pronta la prossima…Moore ha recentemente dichiarato di star lavorando ad una improbabuile commistione tra la musica Dance e la tradizione della Cabala (…)!

Riguardo ai fumetti, Promethea è senza dubbio l’opera di moore che contiene più riferimenti alla magia e ai riti occulti. mentre la monumentale From Hell, dove lo sceneggiatore dà la sua interpretazione del mito di Jack lo Squartatore, è l’ultimo grande capolavoro. L’ultimo lavoro, invece, è la sconvolgente Graphic-Novel “LOST GIRLS” (letteralmente, Ragazze perdute), realizzata in coppia con l’illustratrice Melinda Gebbie (sua attuale compagna). Definita dallo stesso Moore come pornografia post-femminista, la storia, che ha dovuto fare i conti con la mannaia della censura, narra dell’incontro di tre celebri e candidi personaggi letterari femminili, Alice (di Alice nel paese delle meraviglie), Dorothy (de Il Meraviglioso Mago Di Oz) e Wendy (di Peter Pan), le quali si raccontano le proprie esperienze erotiche….

Ma dove andrà a pescarle, dico io……


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Dead for a Dollar: Christoph Waltz e Willem Dafoe nel western di Walter Hill 21 Giugno 2021 - 14:45

Christoph Waltz tornerà a interpretare un cacciatore di taglie nel vecchio West dopo Django Unchained

L’uomo delle castagne – Il teaser della serie danese, su Netflix il prossimo autunno 21 Giugno 2021 - 14:00

L'uomo delle castagne, serie thriller danese basata sull'omonimo romanzo di Søren Sveistrup, arriverà su Netflix in autunno: ecco il primo teaser.

Festa del Cinema di Roma 2021: Premio alla Carriera per Tim Burton e Quentin Tarantino 21 Giugno 2021 - 13:06

Tim Burton e Quentin Tarantino riceveranno il premio alla carriera durante l'edizione 2021 della Festa del Cinema di Roma.

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)

Luca, la recensione (senza spoiler) del nuovo film Pixar 16 Giugno 2021 - 18:00

Luca e la vacanza di Pixar in Italia: un'estate al mare, in compagnia di amici, nemici e di una grande speranza per tutti.