L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Annunciate le nomination ai Nastri D’Argento 2008

Di Gabriele Niola

In un anno che in cui moltissimi film italiani e soprattutto moltissime opere prime hanno visto il buio della sala (100 in totale di cui 37 esordi) la manifestazione dei Nastri D’argento arriva a sancirne le novità e le primizie in maniera simile ma complementare a quanto è accaduto con i David di Donatello.
I Nastri infatti sono i premi che il 14 giugno verranno consegnati dal sindacato giornalisti cinematografici, dunque non da un’associazione com’è per i David ma tutto il complesso degli operatori della stampa di settore.

E non mancano sorprese nelle nomination annunciate oggi.
Se Caos Calmo si conferma come il prodotto di punta dell’annata raccimolando anche in questa sede il massimo numero di candidature (7), a pari merito non c’è La Ragazza Del Lago, come per i David, bensì Tutta la Vita Davanti di Virzì. Il film di Andrea Molaioli però li segue a stretto contatto con 6 nomination, accompagnato da I Demoni di San Pietroburgo e Mio Fratello E’ Figlio Unico.
Da segnalare la presenza subito dopo di due film che ad inizio anno nessuno avrebbe potuto prevedere avrebbero raccolto tale successo di pubblico e critica. Si tratta di Non Pensarci e di Riprendimi, entrambi (assieme al più quotato Giorni E Nuvole) in lizza con 5 candidature.

Dalle nomination in questione si scorge un tono molto diverso rispetto ai David. Molto meno blasonato e più attento a considerare tutto il cinema italiano, anche il meno intellettuale. Senza sconfinare nella celebrazione del becero popolare i Nastri scelgono infatti di considerare di più e meglio film di minor valore come Parlami D’Amore di Silvio Muccino, I Vicerè di Faenza e Cemento Armato. Dispiace però notare che non ha trovato invece spazio una grande sorpresa di quest’anno cioè il bellissimo Sonetàula di Mereu.

Curioso che alcuni attori risultino qui nominati come protagonisti mentre ai David erano tra i non protagonisti. E’ il caso di Alba Rohrwacher, in gara ai Nastri come attrice protagonista di Riprendimi (dove se la vedrà con la bravissima Isabella Ragonese) e premiata ai David come non protagonista in Giorni E Nuvole.

Menzione a parte per i premi alla carriera e le onoreficienze. Avranno un nastro speciale Carlo Lizzani, Giuliano Gemma, Piero De Bernardi e il grandissimo Vittorio Storaro, saranno invece premiati come interpreti stranieri coinvolti nel nostro cinema (perchè per regolamento solo gli italiani possono essere candidati ai Nastri D’Argento) Antonia Liskova e Kasia Smutniak attrici rispettivamente in Riparo e Nelle Tue Mani e infine a Giuliano Montaldo (regista quest’anno di I Demoni di San Pietroburgo) andrà il premio Pietro Bianchi da consegnare al Lido di Venezia.

Di seguito la lista completa delle candidature

REGISTA DEL MIGLIOR FILM ITALIANO
– Antonello GRIMALDI – Caos calmo
– Daniele LUCHETTI – Mio fratello è figlio unico
– Silvio SOLDINI – Giorni e nuvole
– Paolo VIRZÌ – Tutta la vita davanti
– Gianni ZANASI – Non pensarci

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE
– Giorgio DIRITTI – Il vento fa il suo giro
– Davide MARENGO – Notturno bus
– Mohsen MELLITI – Io, l’altro
– Andrea MOLAIOLI – La ragazza del lago
– Silvio MUCCINO – Parlami d’amore

MIGLIOR PRODUTTORE
– Domenico PROCACCI (Fandango) per il complesso della produzione dell’annata
– Marco CHIMENZ, Marco STABILINI, Riccardo TOZZI (Cattleya) per il complesso della produzione dell’annata
– Lionello CERRI (Lumière & co) per Giorni e nuvole – Biùtiful càuntri
– Elda FERRI (Jean Vigo) per I Viceré – I demoni di San Pietroburgo
– Francesca CIMA e Nicola GIULIANO (Indigo Film) per La ragazza del lago

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
– Antonio ALBANESE – Giorni e nuvole
– Elio GERMANO – Mio fratello è figlio unico – Nessuna qualità agli eroi
– Valerio MASTANDREA – Non pensarci
– Nanni MORETTI – Caos calmo
– Toni SERVILLO – La ragazza del lago

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA
– Margherita BUY – Giorni e nuvole
– Cristiana CAPOTONDI – Come tu mi vuoi
– Carolina CRESCENTINI – I demoni di San Pietroburgo – Cemento armato
– Isabella RAGONESE – Tutta la vita davanti
– Alba ROHRWACHER – Riprendimi

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
– Giuseppe BATTISTON – La giusta distanza – Non pensarci
– Alessandro GASSMAN – Caos calmo
– Massimo GHINI – Tutta la vita davanti
– Luca LIONELLO – Cover boy
– Sergio RUBINI – Colpo d’occhio

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
– Anna BONAIUTO – La ragazza del lago – Bianco e nero
– Anita CAPRIOLI – Non pensarci
– Marina CONFALONE, Lucia RAGNI, Piera DEGLI ESPOSTI – Tre donne morali
– Sabrina FERILLI – Tutta la vita davanti
– Angela FINOCCHIARO – Mio fratello è figlio unico – Amore, bugie e calcetto

MIGLIOR SOGGETTO
– Fabio BONIFACCI – Lezioni di cioccolato e con Luca LUCINI Amore, bugie e calcetto
– Cristina COMENCINI, Maddalena RAVAGLI, Giulia CALENDA – Bianco e nero
– Wilma LABATE, Francesca MARCIANO, Carla VANGELISTA – Signorina Effe
– Anna NEGRI – Riprendimi
– Marco PETTENELLO, Doriana – LEONDEFF
– Claudio PIERSANTI e Carlo MAZZACURATI – La giusta distanza

MIGLIORE SCENEGGIATURA
– Francesco BRUNI, Paolo VIRZÌ – Tutta la vita davanti
– Peter DEL MONTE, Michele PELLEGRINI – Nelle tue mani
– Federica PONTREMOLI e Silvio SOLDINI, Doriana LEONDEFF, Francesco PICCOLO – Giorni e nuvole
– Michele PELLEGRINI, Gianni ZANASI – Non pensarci
– Sandro PETRAGLIA – La ragazza del lago
con Daniele LUCHETTI e Stefano RULLI – Mio fratello è figlio unico

MIGLIORE FOTOGRAFIA
– Arnaldo CATINARI – I demoni di San Pietroburgo – Parlami d’amore
– Roberto CIMATTI – Il vento fa il suo giro
– Ramiro CIVITA – La ragazza del lago
– Claudio COLLEPICCOLO – Mio fratello è figlio unico
– Nicola PECORINI – Tutta la vita davanti – Tideland

MIGLIORE MONTAGGIO
– Francesca CALVELLI – Signorina Effe
– Giorgio DIRITTI, Eduardo CRESPO – Il vento fa il suo giro
– Ilaria FRAIOLI – Riprendimi – Vogliamo anche le rose
– Mirco GARRONE – Mio fratello è figlio unico
– Angelo NICOLINI – Caos calmo

MIGLIORE SCENOGRAFIA
– Davide BASSAN – Tutta la vita davanti
– Dante FERRETTI, Francesca LO SCHIAVO – Sweeney Todd
– Francesco FRIGERI – I Viceré – I demoni di San Pietroburgo
– Luca GOBBI – Colpo d’occhio
– Tonino ZERA – Hotel Meina – Parlami d’amore

MIGLIORI COSTUMI
– Milena CANONERO – I Viceré
– Catia DOTTORI – Hotel Meina
– Nicoletta ERCOLE – 2061 – Nero bifamiliare
– Elisabetta MONTALDO – I demoni di San Pietroburgo
– Carlo POGGIOLI (con Kazuko Kurosawa ) – Seta

MIGLIOR SONORO IN PRESA DIRETTA
– Stefano CAMPUS, Valentino GIANNI – Sonetàula
– Gaetano CARITO – Caos calmo
– Mauro LAZZARO – Riprendimi – Jimmy della collina
– Carlo MISSIDENTI – Il vento fa il suo giro
– Bruno PUPPARO – Bianco e nero – Piano, solo

MIGLIORE COLONNA SONORA
– Paolo BUONVINO – Caos calmo
– TIRO MANCINO – Nero bifamiliare
– Lele MARCHITELLI – Piano, solo
– Ennio MORRICONE – I demoni di San Pietroburgo
– Nicola PIOVANI – Lezioni di felicità (Odette Toutlemonde)

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE
– Pino DANIELE ‘O munn va’ (La seconda volta non si scorda mai)
– Ivano FOSSATI L’amore trasparente (Caos calmo)
– Daniele SILVESTRI Mi persi (Notturno bus) Il mondo stretto in una stanza (Questa notte è ancora nostra)
– Gianna NANNINI – PACIFICO Pazienza (Riprendimi)
– Mario VENUTI – KABALLA’ (Giuseppe Rinaldi) Un altro posto nel mondo (Agente matrimoniale)
– Massimo ZAMBONI (per NADA) La mia patria attuale (Il mio paese)

MIGLIOR FILM EUROPEO
– Across the universe – Julie Taymor (Sony)
– Elizabeth: the golden age – Shekar Kapur (Universal)
– Espiazione – Joe Wright (Universal)
– La vie en rose – Olivier Dahan (Mikado)
– Irina Palm – Sam Garbarski (Teodora Film)
– Cous cous – Abdellatif Kechiche (Lucky Red)
– Persepolis – Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud (Bim)
– 4 settimane, 3 mesi, 2 giorni – Cristian Mungiu (Lucky Red)
– Quattro minuti – Chris Kraus (Lady film)
– Lo scafandro e la farfalla – Julian Schnabel (Bim)

MIGLIOR FILM EXTRAEUROPEO
– I Simpson: il film – Daniel Silverman (20th Century Fox)
– Io non sono qui – Todd Haynes (Bim)
– Ratatouille – Brad Bird (Disney)
– Non è un paese per vecchi – Ethan & Joel Coen (Universal)
– Lussuria – Ang Lee (Bim)
– Onora il padre e la madre – Sidney Lumet (Medusa)
– Juno – Jason Reitman (20th Century Fox)
– Il petroliere – Paul Thomas Anderson (Disney)
– Into the wild – Sean Penn (Bim)
– Sweeney Todd – Tim Burton (Warner Bros)

DOCUMENTARI ITALIANI USCITI IN SALA
– Biùtiful càuntri – Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio, Peppe Ruggiero
– Civico Zero – Francesco Maselli
– Le ferie di Licu – Vittorio Moroni
– Il mio paese – Daniele Vicari
– Vogliamo anche le rose – Alina Marazzi

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Spider-Man: No Way Home – Un indizio sul multiverso nel nuovo title card? 15 Giugno 2021 - 8:45

Un video che svela il titolo di Spider-Man: No Way Home per il mercato sudamericano di lingua spagnola contiene un glitch che sembra rimandare a Spider-Man: Un nuovo universo.

Star Trek: Prodigy – Il cast e le prime immagini della nuova serie animata 14 Giugno 2021 - 20:46

Paramount+ e Nickelodeon hanno diffuso le prime immagini dei protagonisti di Star Trek: Prodigy, la nuova serie animata creata dagli sceneggiatori di Trollhunters.

The Holdovers: Paul Giamatti e Alexander Payne di nuovo insieme dopo Sideways 14 Giugno 2021 - 20:45

Attore e regista lavoreranno a una commedia ambientata in una scuola secondaria privata del New England durante le Feste natalizie del 1970

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.