L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Hunting Party, la recensione in anteprima

The Hunting Party, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

hunting-party-locandina.jpgRegia: Richard Shepard
Cast: Richard Gere, Terrence Howard, Jesse Eisenberg, James Brolin, Ljubomir Kerekeš, Kristina Krepela, Diane Kruger
Durata: 103 minuti
Anno: 2007

Ha i contorni del film di protesta sociale The Hunting Party, una protesta all’americana, categoria tutta particolare che identifica quel cinema che combatte la semplificazione dei fatti di cronaca operata dai media e dal governo con una semplificazione ancor più radicale solo di segno opposto.

E se si può discutere se l’operazione possa avere un senso dal punto di vista della spiegazione o dell’illustrazione di fatti e situazioni critiche, è invece certo che dal punto di vista cinematografico la semplificazione non paghi mai. Specialmente se la storia narrata è dichiaratamente tratta da fatti realmente accaduti come in questo caso.

Si racconta di tre reporter (di diversi background ed esperienze) che uniti riescono a trovare colui che è definito come “introvabile” uno dei principali ricercati e accusati di crimini e atrocità nel conflitto bosniaco. Una ricerca che si rivela fruttuosa in pochissimo tempo, dimostrando quindi come in realtà chi dice di cercarlo non lo stia veramente cercando. Ma fin qui la storia.

Il cinema invece dovrebbe essere costituito dal racconto di passioni, idee e valori dei personaggi coinvolti, se non fosse che il cattivo (“la volpe”) è una sagoma bidimensionale, personificazione di un male assoluto privo di motivazioni o ragioni che si aggira in attesa di compiere malefatte, i protagonisti (Richard Gere e Terrence Howard) sono le due facce del reporter di guerra, chi lo fa per necessità e chi per vocazione e infine il terzo reporter è mostrato come il classico personaggio-macchietta che stempera le situazioni più drammatiche. E se il racconto del mondo dei reportage di guerra riesce ad essere un minimo coinvolgente lo stesso non si può dire per il lungo processo di ricerca del cattivo, cosa che dovrebbe costituire il cuore del film e che invece è un noioso ripetersi di situazioni note.

La vicenda viene americanizzata il più possibile. A Gere è affidato il classico tema della seconda occasione, della possibilità di riscatto di chi una volta era grande, a Terrence Howard quello dell’eterno legame dell’amicizia virile, al giovane Jesse Eisenberg quello della ricerca di una figura paterna che sostituisca quella più traballante che si ritrova e infine al cattivo è affidata la controparte, il sistema di valori opposto contro il quale battersi, rendendo la parabola dei 3 reporter sintomatica della buona America (quando quella cattiva è quella dei media omertosi e del governo complice), scanzonata, affettuosa, caciarona ma in fondo efficace. Un po’ poco per chi voleva denunciare una situazione reale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

In She-Hulk esploreremo il lato più soft di Daredevil 14 Agosto 2022 - 19:00

In She-Hulk, la serie Marvel in arrivo su Disney+ il 18 agosto, vedremo una versione più soft del Daredevil interpretato da Charlie Cox.

Three Thousand Years of Longing: nuovo, breve trailer per il film di George Miller 14 Agosto 2022 - 17:00

Il regista di Mad Max: Fury Road torna al cinema con una storia fantastica interpretata da Tilda Swinton e Idris Elba

District 10: Sharlto Copley promette le riprese tra un anno 14 Agosto 2022 - 15:00

Le riprese del sequel di District 9 potrebbero partire tra un anno, un anno e mezzo: lo rivela la star - e co-sceneggiatore - Sharlto Copley

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.