L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Racconti Da Stoccolma, la recensione in anteprima

Racconti Da Stoccolma, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

racconti-da-stoccolma-locandina.jpgRegia: Anders Nilsson
Cast: Oldoz Javidi, Lia Boysen, Reuben Sallmander, Per Graffman, Bibi Andersson, Bahar Pars, Mina Azarian, Cesar Sarachu, Peter Engman, Annika Hallin, Nisti Stêrk
Durata: 133 minuti
Anno: 2006

Solitamente quando i film si propongono di trattare argomenti umanitari o sociali molto precisi e si ispirano troppo ai fatti di cronaca perdono in narrazione, risultando paradossalmente più fasulli perchè cedono nella forma dell’intreccio. Sono in sostanza film peggiori. Anche un grande sostenitore dello spunto di cronaca come Truffaut infatti era convinto che solo una piccola parte del film dovesse venire da lì.
Racconti Da Stoccolma nasce per parlare della difficile condizione della donna e dei rapporti familiari in paesi europei, luoghi in cui tali problemi dovrebbero essere superati.

Sono tre storie narrate contemporaneamente passando da una all’altra senza troppa regolarità e non è regolare nemmeno la qualità del narrato. Se infatti due tronconi narrativi corrispondono in pieno allo stereotipo del film che si preoccupa unicamente di raccontare la cronaca rendendo giustizia alla realtà e finendo per essere anti-cinematografici (nel senso che l’intreccio si sviluppa in maniera anticonvenzionale senza che però ci sia una struttura alternativa a giustificare tutto questo) uno invece è vero cinema.

Si tratta di quello centrale, quello che (non a caso) ha stimolato il regista a realizzare l’opera e che costituisce anche l’atto di denuncia più forte. Nonostante sia come gli altri tratto da un fatto di cronaca la narrazione è di tutt’altra pasta, probabilmente c’è stato più impegno o anche più semplicemente la storia casualmente di suo si adattava meglio ad un racconto filmico.

E’ fenomenale però come quando riesce bene la narrazione riesca bene tutto. Il segmento della ragazza medio orientale che risiede in Svezia con la sua famiglia la quale la perseguita dandole letteralmente la caccia per eliminarla fisicamente poichè solo sospettata di essere andata una volta con un uomo riesce a fare tutto quello che il resto del film si propone e manca inesorabilmente: stupire, far arrabbiare, intrattenere, raccontare per immagini.
Peccato che sia solo uno di tre frammenti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Doctor Strange nel Multiverso della Follia: Strange, Christine e Pizza Poppa in due scene eliminate 26 Giugno 2022 - 18:00

Doctor Strange nel Multiverso della Follia è ora disponibile su su Disney+, per l'occasione sono state diffuse due scene eliminate dal montaggio finale.

I 40 anni de La cosa: nel capolavoro di John Carpenter, il nemico siamo noi 26 Giugno 2022 - 16:00

Sono passati quarant'anni dall'uscita di uno dei film chiave nell'opera di Carpenter. Un flop che oggi è considerato un capolavoro

Cha Cha Real Smooth è la commedia che non ti aspetti
, la recensione 26 Giugno 2022 - 15:00

Su Apple TV+ arriva il nuovo film del giovane e promettente Cooper Raiff, un’opera orgogliosamente diversa dalla norma.

The Boys: com’è l’Herogasm dei fumetti 25 Giugno 2022 - 8:19

Com'è nata l'orgia di super-eroi di The Boys e cosa c'era di diverso nella sua versione originale a fumetti.

Ms. Marvel, episodio 3: guarda un po’ chi c’è… [SPOILER] 22 Giugno 2022 - 14:51

Qualche risposta, nuove domande e alcuni nomi conosciuti nel terzo episodio di Ms. Marvel.

Predator, i 35 anni dell’altro mostro alieno Fox… creato da Rocky Balboa (FantaDoc) 12 Giugno 2022 - 15:36

Com'è nato e cosa resta, trentacinque anni dopo, del primo film di Predator con Arnold Schwarzenegger.