L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

IL DEMONE PERSONALE DI TONY STARK

Di

Secondo il mito, il più grande eroe greco dei suoi tempi, il leggendario Achille, quand’era bambino fu immerso dalla madre Teti nelle acque del fiume Stige, che lo resero invincibile; ma per immergerlo la madre dovette tenerlo per il tallone, che rimase così l’unica parte del corpo vulnerabile. In seguito, durante la famigerata guerra di Troia, l’astuto Paride – che era venuto a conoscenza del segreto dell’eroe – lo uccise con una freccia colpendolo proprio nel tallone. Da allora, come sapete, per indicare il punto debole nascosto di una persona si usa dire Tallone di Achille. Ogni eroe mitico ne ha uno e i relativi nemici, giustamente, si affaccendano per scoprirlo.

Ebbene, gli eroi dei fumetti, nonostante siano “super”, non fanno eccezione a questa regola: persino l’inarrestabile Superman – come ben sa la sua nemesi storica Lex Luthor – diventa impotente al cospetto della Kryptonite. nel caso di Iron Man, il concetto di “punto debole” va ben oltre l’intollerabilità fisica a qualsivoglia sostanza; anzi, tutto il contrario, perché si tratta invece di una dipendenza psicologica nei confronti di una sostanza, e cioè l’alcool. Stiamo parlando infatti di un ciclo di storie immortali di Testa di Ferro intitolato molto evocativamente “Demon in a bottle (Il demone nella bottiglia)” e scritte dallo sceneggiatore statunitense David Michelinie, classe 1948, l’autore che più di ogni altro ha saputo caratterizzare il personaggio andando a sviscerare le debolezze e le contraddizioni dell’uomo sotto l’armatura, Tony Stark!

Uscite tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli ’80 su “The invincible Iron Man” n°120-128, queste storie raccontano di come il governo americano, tramite lo S.H.I.E.L.D. (l’agenzia governativa di controspionaggio della Marvel) tenti di impadronirsi della Stark International in maniera da assicurarsi una fornitura continua (e a buon mercato) di armi. Con lo scopo di destabilizzare l’immagine dell’azienda, qualcuno incastrerà Iron Man – che ne è il simbolo – facendolo apparire colpevole dell’omicidio di un diplomatico, mentre il rivale Justin Hammer approfitterà di questo momento di crisi dell’eroe per scagliargli contro un numero impressionamene di supercriminali.

Accusato di un delitto che non ha commesso, terrorizzato dall’idea di poter perdere l’azienda e continuamente pressato dall’attacco di nemici sempre più risoluti, Tony subisce un crollo emotivo e non trova di meglio che rifugiarsi nell’alcool: ben presto, bere diventa per lui – come purtroppo avviene in questi casi – l’unica via di fuga ad una realtà troppo complessa e schiacciante che sembra voglia sopraffarlo. L’immagine più emblematica e celebre dell’intera saga è senz’altro quella utilizzata per la cover del n° 128, e segna il più alto punto di lirismo nella gestione del personaggio: Tony si guarda allo specchio in evidente stato confusionale, ha i capelli arruffati e la fronte imperlata da gocce di sudore (freddo); un bicchiere appena scolato è riverso sul mobile davanti a lui, una bottiglia di Whisky aperta luccica proprio accanto all’elmetto di Iron Man.

Sono passati più di trent’anni dalla pubblicazione di “Demon in a bottle” e la sua straordinaria modernità sorprende ancora, tanto per l’argomento affrontato, quanto per il contesto nel quale veniva presentato. Certo, Iron Man non è il primo personaggio dei Comics ad avere avuto problemi di tossicodipendenza: come non ricordare Speedy, il partner di Freccia Verde dipendente da eroina, o Harry Osborn, il migliore amico di Peter Parker (alias l’Uomo Ragno) che assume pasticche di LSD. Ma Iron Man è certamente il primo personaggio del suo livello a farlo. Il primo protagonista di una testata supereroistica che, anziché dare l’esempio, si crogiola (e langue) nel vizio. Come è facile immaginare, all’epoca (oltre trent’anni fa) la cosa fece scalpore.

Si era solo all’inizio della grande stagione del Revisionismo del genere supereroistico, una rivoluzione, per intenderci, paragonabile solo a quello che fu il neorealismo al cinema e che lentamente trasformò gli eroi in costume in esseri kafkiani…Fino ad arrivare a grandi capolavori quali Watchmen, Il ritorno del Cavaliere Oscuro, Born Again, e, all’inizio degli anni ’90, alla Morte di Superman.Per chi non ha mai letto Iron Man, “Demon in a bottle” potrebbe essere un bell’inizio. Proprio questo mese la PaniniComics – nell’ambito di una serie di iniziative legate al Kolossal di prossima uscita – ristamperà e pubblicherà in un corposo volume questa essenziale saga.

Ma non è pubblicità; semplicemente, mi piace consigliare i libri.

Alla prossima settimana. Siateci!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Night House – La casa oscura: il trailer dell’horror con Rebecca Hall, dal 16 settembre al cinema 12 Maggio 2021 - 16:45

"La verità verrà a galla" nel thriller psicologico diretto da David Bruckner e distribuito da Walt Disney

Alfredino: il trailer della miniserie sui fatti di Vermicino 12 Maggio 2021 - 16:00

La tragica storia del piccolo Alfredo Rampi, il bambino che nel giugno del 1981 cadde in un pozzo nei pressi di Vermicino, in provincia di Roma, è divetata una una serie tv. Ecco il trailer.

Il drago dei desideri: Trailer del nuovo film della Sony Pictures Animation 12 Maggio 2021 - 15:56

Una teiera magica, tre desideri e un cinico drago: ecco il trailer ufficiale de Il drago dei desideri co-prodotto dalla Sony Pictures Animation. In arrivo su Netflix l'11 giugno

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.