L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

UNA, DIECI, CENTO ARMATURE!/2

Di

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta delle più famose e potenti armature indossate da Iron Man nel corso di oltre quarant’anni di pubblicazioni! Nel mio precedente intervento mi ero fermato al 1985 con la celebre “Silver Centurion”. Oggi ripartiamo dal 1992 e precisamente dal n° 281 di “The invincible Iron Man”, dove fa il suo esordio l’armatura denominata “War Machine” (model XVI, Mark I). Niente eufemismi, signori, Il modello fa fede al suo nome: progettata per vere e proprie azioni di guerra, questa micidiale “macchina da guerra” ha una potenza di fuoco davvero troppo elevata…Per essere posta in mano ad un bevitore! E’ infatti il fedele amico e pilota personale James Rhodes ad indossare questa potentissima suite durante una delle ricadute di Tony Stark nell’alcool.

Già in precedenza (n° 170) James aveva sostituito il “capo” e indossato per un certo periodo l’armatura di Iron Man; la sua carriera di supereroe fu breve ma intensa: nei panni del vendicatore affrontò supercriminali del calibro di Thunderbolt, Vibro, il gruppo dello Zodiaco al gran completo e persino l’esotico Mandarino. Ma gli elementi cibernetici del casco, calibrati per funzionare sul cervello di Tony, provocarono a James delle tremende emicranie portandolo quasi sull’orlo di una crisi nervosa! Per fortuna Tony riprese i panni di Iron Man nel n° 200 vestendo, per l’appunto, la “Silver Centurion” (descrittavi nella Parte I).

In seguito, durante un periodo nel quale Tony viene creduto morto, Rhodes viene nominato responsabile della Stark Enterprises e riprende a vestire i panni di Iron Man; quando l’amico torna a reclamare azienda e identità metallica, James se la prende non poco e decide di rimanere nel “mestiere” come War Machine. Veniamo subito alle specifiche tecniche dell’armatura: dal design “grave” e minaccioso, War Machine è quasi interamente colorata di nero ed ha un modulatore di voce che produce un suono più cupo e aggressivo; è fatta di una maglia d’acciaio praticamente indistruttibile ed è dotata di un vero e proprio arsenale, mai visto prima in un’armatura di Stark: laser, repulsori, lanciamissili, mitragliatrice, lanciafiamme, gas e tanto altro! Il casco funziona col “solito” pannello a discesa ed elabora traiettorie e strategie d’attacco nel giro di pochissimi secondi, proiettando realistiche immagini sulla retina del suo ospite. Concludono l’armamentario un sistema di infrarossi, un sensore di movimento ed uno di rilevazione termica per l’individualizzazione dei nemici; davvero una bomba!

Sul n°300 (1994) è la volta della “Modular Armor” (Model XVIII, Mark I), con un design totalmente rinnovato basato – anziché su un unico seme integrato – su un sistema di componenti modulari, da cui il nome; questa armatura può dunque essere modificata con diverse parti ausiliarie di guanti, stivali, elmetti e armi in base all’occasione.

Nel n° 48 (volume II) si assiste ad un incredibile sviluppo: l’armatura di Iron Man diventa senziente! “posseduta” dalla coscienza dell’androide Jocasta, che come una sorta di virus tecnologico ne infetta il sistema, l’armatura prende vita e si macchia di alcuni riprovevoli omicidi. Tony, inorridito dalla piega che hanno preso gli eventi, ingaggia uno scontro all’ultimo sangue con l’armatura ma durante la battaglia viene sopraffatto dall’ennesimo attacco di cuore. In quell’occasione avviene l’impensabile: per salvare il suo creatore l’armatura vivente decide di sacrificarsi ed installa parte dei suoi componenti all’interno del petto di Stark, dotandolo così di un nuovo cuore artificiale. Tony dunque sopravviverà, ma l’incidente dell’armatura autosufficiente lo segnerà così tanto da provocargli una sorta di Technofobia.

E’ in questo contesto che progetta La “SKIN Armor” (Model XXV), apparsa per la prima volta sul n° 42 (Volume III): questo inusuale modello ha la caratteristica di essere realizzato con una sorta di metallo liquido che si dispone in modo da formare un rivestimento attorno al corpo di Tony; rimangono nella tradizionale lega metallica solo il casco, i guanti e la piastra pettorale. Pur essendo Estremamente “leggera” la SKIN è in grado di assorbire alte percentuali di energia, possiede stivali-jet persino più potenti del modello precedente e accresce incredibilmente la forza del suo ospite.

L’attuale modello adottato dal vendicatore rosso-oro (Model XXVI) è comparso per la prima volta nel 2005 durante il primo story-arc della sua quarta serie (Iron Man n° 1-6). Ma il cambiamento più grande avviene un anno dopo sulle pagine della bella miniserie “Extremis” – scritta da Warren Ellis ed illustrata dall’ottimo Adi Granov – che segna la nuova concezione del personaggio all’alba del terzo millennio e ne ridefinisce lo status preparandolo agli eventi del mega-crossover Civil War uscito l’anno seguente (ne riparleremo, ne riparleremo!). La storia in questione rappresenta forse il più grande cambiamento nella carriera di Tony, che per la prima volta – dopo anni trascorsi a modificare e potenziare le armature – decide di potenziare sé stesso, cioè l’uomo sotto l’armatura, iniettandosi un virus nano-tecnologico (chiamato per l’appunto “Extremis”) che va ad innestarsi nelle ossa e nel cervello rendendolo parte integrante dell’armatura! Ora Tony ha la capacità di controllare telepaticamente i sistemi dell’armatura, con una conseguente miglioria nei riflessi e nella velocità d’azione! Davvero un miscuglio letale di volontà umana e tecnologia, un “valore aggiunto” che ancora una volta fa di Iron Man uno degli eroi più potenti dell’Universo Marvel!

Prossimamente però torniamo a fare un salto indietro, e precisamente negli anni ’70…Per farci una bella bevuta con Mr. Stark!

Siateci!

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Spider-Man 3 – Tom Holland con il costume di Far From Home nelle foto dal set 17 Gennaio 2021 - 13:00

Dal set di Atlanta giungono nuovi scatti di Spider-Man 3 che ritraggono Tom Holland con il costume di Far From Home, impegnato a girare una scena.

Star Wars: le foto del set della serie di Obi-Wan Kenobi (o si tratta di Cassian Andor?) 17 Gennaio 2021 - 12:00

Nel Regno Unito sono da poco iniziate le riprese di una serie live-action di Star Wars e nel web sono arrivate le prime foto del set, si tratta di Andor o di Obi-Wan Kenobi?

Young Rock: il teaser trailer della serie sulla vita di Dwayne Johnson 17 Gennaio 2021 - 11:00

Young Rock, la serie NBC che racconterà la vita di Dwayne “The Rock” Johnson, debutterà negli Stati Uniti il 16 febbraio. Ecco il teaser trailer.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.