L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The All For Nots, stavolta Michael Eisner punta sulle risate

Di Gabriele Niola

afn-album.jpgE’ online da un paio di settimane The All For Nots, il secondo esperimento seriale di Michael Eisner, l’ex direttore dell’epoca d’oro (moderna) della Disney che estromesso dal comitato direttivo si è buttato sulla produzione ad alto profilo per la rete con la sua nuova compagnia, la Vuguru.

Dopo il successo (di pubblico) e l’insuccesso (di critica) di Prom Queen, la sua prima serie per il web tutta incentrata su un gruppo di studenti di una high school americana che con l’approssimarsi del ballo di fine anno vedono venire a galla drammi, misteri e omicidi, ora tocca ad una situation comedy sul mondo delle band emergenti.

The All For Nots è infatti anche il nome del gruppo al centro della serie girata come si trattasse di un documentario. In realtà di vero non c’è dichiaratamente nulla, ma fingere che si tratti di immagini documentaristiche aumenta il divertimento e scatena molte trovate comiche. Un umorismo molto modaiolo opera di Thom Woodley e Kathleene Grace, arrivati all’attenzione della Vuguru di Michael Eisner con il loro primo lavoro indipendente “The Burg“, che fa forza sulle figure stereotipiche delle band giovanili e su meccanismi tipicamente americani.

Come già in Prom Queen la produzione non è assolutamente a basso costo (per gli standard di internet), ogni minuto costa 1.000$ e la cadenza è regolarissima, tre nuovi episodi sono online ogni lunedì in primis sul sito della serie e poi arrivano anche sui diversi siti di condivisione video, sul profilo MySpace del gruppo (fittizio ma dotato di canzoni vere) e sui profili Bebo dei singoli personaggi.

Quella della profilazione per ogni personaggio è infatti diventato un must dopo RoomMates (altra serie, opera di MySpace e AOL, altamente trascurabile per come abbia cercato televisivamente di dare agli utenti ciò che desiderano senza voler proporre qualcosa di nuovo) ed è stato un elemento alla base della buona riuscita di Quarterlife. Ma in questo caso va anche oltre.
La collocazione su MySpace, le vere canzoni e le vere serate che ogni tanto fanno contribuiscono palesemente a spingere la serie ad un pubblico che può essere quello della nicchia di musicisti indipendenti che più di tutti possono identificarsi nei personaggi, nei problemi e nelle disavventure di una band alle prime armi.

L’ispirazione più palese per The All For Nots è This Is Spinal Tap, il fintomentario cult del 1984 di Rob Reiner sull’inesistente gurppo Spinal Tap. Il tipo di riprese, il modo in cui i personaggi sono involontariamente ridicoli e i sistemi con i quali si arriva a far intuire le psicologie dei singoli è praticamente il medesimo. E’ indubbio però che quanto meno rispetto al passato questa serie tenta un minimo di lavoro sul linguaggio di messa in scena (come fanno sempre i migliori esperimenti indipendenti) invece di spezzettare in piccoli bocconi i medesimi contenuti che vanno in televisione.

Di seguito il primo episodio.
[youtube SNQ8nYRS3II]

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Lightning – Il trailer della quarta e ultima stagione 25 Gennaio 2021 - 8:45

The CW ha pubblicato il trailer della quarta stagione di Black Lightning, che sarà anche l'ultima per la serie dell'Arrowverse.

La regina degli scacchi – Magnus Carlsen commenta la finale in un video 24 Gennaio 2021 - 21:00

Netflix ha pubblicato un video in cui il gran maestro norvegese Magnus Carlsen commenta la finale tra Beth e Borgov ne La regina degli scacchi.

Tilda Swinton in The Eternal Daughter della Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle 24 Gennaio 2021 - 20:07

I prossimi progetti di Tilda Swinton sono The Eternal Daughter, già girato da Joanna Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.