L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Mulholland Drive di David Lynch: non perdetelo, per perdervi.

Di Roberto

Locandina film

Mulholland Drive (id., Francia-Usa 2001; Thriller – 145′) di David Lynch con Justin Theroux, Naomi Watts, Laura Elena Harring, Ann Miller, Scott Wulff, Robert Forster, Brent Briscoe, Maya Bond, Dan Hedaya, Michael J.Anderson, Richard Mead.

Betty arriva dall’Ontario a Los Angeles, ospite di una zia attrice che le ha lasciato la villetta, per sfondare a Hollywood: ma in casa trova una ragazza, amnesiaca in seguito a un incidente stradale avvenuto su Mulholland Drive; e per risalire alla sua identità, si infila in una vertigine che forse la condurrà a scoprire chi è lei stessa veramente.

Lynch scrive e dirige una sorta di cocktail composto da ¾ di Velluto blu e dal quarto finale proveniente da Strade perdute: straordinaria la parte più corposa in cui la storia, lineare e coerente come in un classico di Hitchcock (con tanto di eroina bionda svampita, vittima del Caso), si snoda tra una tensione metafisica a tratti insostenibile, un amabile retrogusto ironico e un controcanto satirico sferzante nei confronti del sogno americano e dello star system hollywoodiano in particolare; più rischiosa e complessa, ma assolutamente necessaria e complementare, la seconda parte, che corrisponde alla squallida realtà della “città degli angeli” (per cui tutta la parte precedente potrebbe non essere altro che una rosea e falsa “ipotesi hollywoodiana” della storia – d’amore e di carriera – dell’attricetta Diane). La scena chiave che riassume il senso del film è l’esecuzione in playback – finta, quindi – di una sfiorita cantante spagnola al club Silencio: pirandellianamente, ciò che sembra vero non lo è, e, per Lynch, sul palcoscenico della vita non sembra esistere la felicità o la speranza; anzi, oltre alla disperazione e alla morte, tutto il resto è, come l’ultima frase del film afferma, silenzio. Lynch ha sempre dichiarato – talvolta marciandoci sopra – che i suoi film sono quadri astratti e che, come gli incubi, non vanno spiegati, ma vissuti: sarà proprio questa seconda parte a sconcertare più di uno spettatore non smaliziato e a richiedere più di una visione per essere compresa a fondo e apprezzata per quel che vale. Certo non è per tutti i gusti, ma ce ne fossero di registi con questa visionaria lucidità e con questa abilità registica: tra le righe, Mulholland Drive è anche, e forse soprattutto, un film sul cinema, su come si dirige un film e un’attrice, un film su Los Angeles e il suo fascino contraddittorio (i vari episodi danno l’impressione di snodarsi in senso orizzontale, a riprendere l’estesa topografia urbana di L.A.) e su quanto possa essere amata/odiata una città che offre sogni e, in cambio però, cede anche incubi. La strada, nel frattempo, è diventata non più percorso iniziatico di un vecchietto, come in Una storia vera, ma MacGuffin di un percorso tortuoso con luci e ombre, per un’analisi in cui diventano centrali i temi post-moderni  dello spaesamento esistenziale e della perdita di senso e della memoria, convergenti poi nel definitivo cambio di identità. Nato come puntata pilota per uno sceneggiato televisivo e allungato a film singolo quando il progetto non è andato in porto per motivi censori della rete americana ABC.

Oggi, 2 Marzo 2008, Rete4, ore 23,35.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Christmas Show: Ornella Muti e Raoul Bova nel nuovo film di Alberto Ferrari 25 Gennaio 2021 - 18:30

Dal regista di Un figlio di nome Erasmus, una commedia natalizia tra Frank Capra e The Truman Show

Harry Potter: in arrivo una serie tv destinata a HBO Max! 25 Gennaio 2021 - 18:00

Il magico mondo di Harry Potter potrebbe trovare nuova vita sul grande schermo. Una serie tv ispirata alle avventure del maghetto creato da J.K. Rowling destinata a HBO Max è nelle prime fasi di sviluppo.

Con tutto il cuore: iniziate le riprese del nuovo film di Vincenzo Salemme 25 Gennaio 2021 - 17:30

Sono iniziate le riprese di Con tutto il cuore, il nuovo film diretto e interpretato da Vincenzo Salemme, tratto dalla sua omonima opera teatrale.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.