L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

IRON MAN CONTRO L’INVASIONE ROSSA!

Di

Iron Man, dunque, esordisce nelle pagine del n° 39 della rivista antologica Tales of Suspense. Come ho già detto nel mio precedente intervento, siamo all’inizio degli anni ’60 e i fumetti risentono del clima di Guerra Fredda verso i paesi che erano al di là della Cortina di Ferro; le prime storie di Iron Man, non a caso, sono profondamente intrise di propaganda anti-comunista già dal primissimo episodio: ferito e fatto prigioniero da un gruppo di guerriglieri in Corea, Tony Stark per una volta deve mettere da parte il suo fascino e sfoderare tutto il suo genio per togliersi d’impiccio; sarà questa situazione estrema a provocare la nascita di Iron Man e a segnare per sempre il destino di Tony, che da quell’episodio in poi deve perennemente indossare il corpetto elettrico dell’armatura se vuole rimanere in vita. Se mi è consentita una battuta, sarà per questo forse che negli anni è sempre rimasto un personaggio molto “conservatore” e, per certi versi, molto più “patriottico” del supereroe a stelle e strisce per eccellenza, Capitan America!

Da allora avrà più di un’occasione per pareggiare i conti: Tales of Suspence n. 42: arriva Red Barbarian!su Tales of Suspense42 darà il benservito ad un improbabile criminale di un non meglio precisato paese dell’Est, tale Red Barbarian (red, come “Rosso”, e non per la capigliatura, ve l’assicuro!); qualche mese più tardi, nel n° 46, viene coinvolto niente meno che il Presidente russo in persona che, carico d’odio nei confronti dell’America, invia un temibile (?) emulo di Iron Man, tinto di rosso dalla testa in giù, oggi ben noto ai fan con l’evocativo nome di Dinamo Cremisi! Se all’inizio della storia il cattivone sembra avere la meglio (con una serie di riprovevoli sabotaggi che mettono quasi in ginocchio le industrie Stark), in seguito subirà la sconfitta per mano di Iron Man e, con una mossa che avrà inorgoglito molti lettori, deciderà di collaborare col governo degli Stati Uniti, tradendo il suo Paese!!!

Su Tales of Suspense 50 invece è la volta dei cinesi; l’episodio è degno di nota per essere la prima apparizione del singolare Mandarino, che in seguito diventerà uno dei nemici più acerrimi di Iron Man: esperto (manco a dirlo) di arti marziali, dotato di una serie di dieci anelli cosmici che gli conferiscono straordinari poteri, il Mandarino colpisce da subito la fantasia dei lettori per il suo aspetto esotico (indossa abiti tradizionali cinesi e porta lunghi baffi alla Fu-Manchu) e l’aria altezzosa: darà il primo a dare veramente del filo da torcere all’eroe, che al termine dell’episodio sarà costretto ad una fuga!

Passa un numero e i riflettori si spostano sui cubani: in Tales of Suspense n° 51 sono loro ad assoldare Scarecrow, (in italiano lo Spaventapasseri), un inquietante personaggio – chiaramente ispirato al suo omonimo DC – che sottrae dalla cassaforte di Tony importanti progetti di armi; l’intervento di Iron Man permetterà il recupero dei progetti ma non potrà impedire la fuga del criminale a bordo di una nave portante bandiera cubana!

Nel n° 52, infine, tornano i russi alla grande: assistiamo infatti al debutto della femme fatale per eccellenza del Marvel Universe: Natasha Romanoff, la Vedova Nera! La sexy-spia viene inviata sotto falso nome negli Stati Uniti con la doppia missione di punire il professor Vanko, il traditore Dinamo Cremisi, e di sistemare una volta per tutte Stark. A questo scopo si finge una visitatrice delle Stark Industries; ad accompagnarla c’è un certo Boris, il quale, mentre lei “distrae” Tony, si impossessa dell’armatura della Dinamo, cominciando a danneggiare le preziose apparecchiature intorno! Costretto ad indossare l’armatura di Iron Man e ad intervenire, Tony in un primo momento ha la peggio, forse per lo shock di essere stato giocato così. Tramortito, viene condotto a bordo di un sottomarino sovietico (!) ma poi, una volta ripresosi, riesce a scappare e a sconfiggere questa seconda incarnazione della Dinamo, sebbene non possa impedire la fuga della bella e famigerata Natasha….

Questi primissimi episodi di Iron Man, curati dal duo Stan LeeDon Heck, non si distinguono solo per la loro forte connotazione anti-sovietica; si tratta di storie memorabili in quanto segnano il debutto di tutta una serie di personaggi – buoni e cattivi – che di lì a poco diventeranno comprimari fissi delle avventure di Iron Man, entrando a pieno titolo nel calderone del Marvel Universe. E’ il caso ad esempio del valoroso Harry “Happy” Hogan, autista e guardia del corpo personale di Tony, e della bella Pepper Pots, sua affezionata segretaria; entrambi esordiscono nel n° 45 di Tales of Suspence. Arrivano anche numerosi supercriminali, quali ad esempio il gelido Jack Frost (poi ribattezzato Blizzard), e l’eccentrico Melter (nel n° 47)! A partire dal n° 59, poi, la testata comincia a presentare, accanto alle avventure di Iron Man, quelle del leggendario Capitan America, ritrovato ibernato jn un blocco di ghiaccio dallo stesso Iron Man e dalla prima storica formazione dei potenti Vendicatori. Ma questa è un’altra storia…..

Alla prossima settimana!!!

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Women’s Stories: Cara Delevingne, Eva Longoria e Margherita Buy nel cast del film antologico 25 Gennaio 2021 - 21:30

Un film a episodi prodotto in Italia ma diretto e interpretato da un gruppo internazionale di registe e attrici

Tiger King: Joe Exotic ora punta su Biden per avere la grazia 25 Gennaio 2021 - 20:45

Dopo aver tentato invano di ricevere la grazia da Donald Trump, Joe Exotic ha messo gli occhi sul nuovo presidente

AFI Awards – Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 25 Gennaio 2021 - 20:42

Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 dell'AFI Awards, Hamilton ha ottenuto un premio speciale

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.