L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Intervista a Kevin Shortt, scriptwriter di Lost The Videogame

Di Redazione

Kevin Shortt

Kevin Shortt non è proprio l’ultimo arrivato in fatto di sceneggiature ed esperienze cinematografiche, basta vedere il suo curriculuum in IMDB. Ringraziamo quindi Fabrizio Tropeano di Dada.Net Console & PC Games per averci permesso di pubblicare anche qui l’intervista che ha fatto allo sceneggiatore.

Qual’era la vostra “missione” per il Videogame di Lost? Pensate di essere riusciti nell’intento?
Il nostro scopo era quello di ricreare la “Lost Experience” in un videogame e credo proprio che ci siamo riusciti. Graficamente, l’isola è stata ricreata fedelmente anche nei più piccoli dettagli e la storia ti tiene incollato al monitor come una puntata di Lost in TV.

Cosa ne pensi di Lost? E della “Lost Mania”?
Amo Lost! Sarà una delle serie di cui si continuerà a parlare più a lungo anche dopo che sarà terminato. Riguardo la Lost Mania è bellissimo che dopo ogni episodio le persone nei continuino a discutere per giorni e giorni!

Che tipo di collaborazione è nata con gli scriptwriters della serie?
Abbiamo lavorato a stretto contatto con uno di loro, Dawn Kelly. Parlavamo frequentemente e ci confrontavamo su quanto scritto. Ci siamo anche incontrati con Damon Lindelof, Carlton Cuse ed i produttori di Lost per discutere della storia. Ed a volte capitava di essere al telefono per 4,5 ore senza soste! C’è stata quindi una stretta collaborazione con il team della serie TV.

Come definiresti la relazione tra il Videogame di Lost e la Serie TV?
Quando abbiamo iniziato a lavorare sul gioco, abbiamo voluto essere sicuri di non dare le chiavi di lettura fondamentali per la serie TV. Le “grandi risposte” le dà e le darà il telefilm. Quello che dà il videogame a Lost sono dei dettagli aggiuntivi ed inediti per la serie TV: ad esempio nel videogame si scopre cosa c’è dietro il muro magnetico di Swan, un ambiente mai visto in TV. Ovviamente, come detto prima, il videogame è nato con una grande collaborazione dei produttori della serie TV e quindi i “Lost fan” possono certamente utilizzare vari dettagli del videogame per creare nuove teorie riguardo l’isola….

Come è nato il personaggio di Elliot Maslow?
Noi volevamo creare un personaggio portato naturalmente all’esplorazione, qualcuno che ci potesse portare nel lato inesplorato dell’isola. Un fotografo di guerra era sicuramente su misura per questo ruolo e la macchina fotografica stessa era un elemento molto adatto per lo script del videogame. Il nome Elliot Maslow invece deriva da quello dello psicologo americano Abraham Maslow, che rese popolare il concetto di auto-realizzazione. Elliot deve riuscire a ritrovarsi e a realizzarsi da solo se vuole avere una speranza di fuggire dall’isola.

Chi è il tuo personaggio preferito di Lost e… perchè?
Il mio personaggio preferito è Ben Linus. E’ un personaggio veramente difficile da capire, difficile comprendere se sia buono o cattivo visto che ogni cosa che fa è così calcolata tanto che sembra sempre due gradini avanti rispetto a tutti gli altri. Inoltre, ad oggi, le sue motivazioni sono ancora non chiare.

Vogliamo parlare della conclusione del Videogame? E’ aperto per un sequel? C’è un collegamento con la quarta serie TV?
La fine del videogame è nata da un’idea di Damon Lindelof. E’ una conclusione che dovrebbe rendere frementi i fans di Lost (confermo! NDFT). E’ una conclusione che probabilmente metterà in crisi tutte le loro teorie fatte precedentemente sull’isola! Riguardo un sequel del videogame, beh, penso che l’isola sia il tipo di luogo ideale per un sequel. E’ un mondo così grande con così tante storie da raccontare!

Tu sai come finirà la serie TV di Lost o quanto meno, come pensi che finirà?
Mi dispiace ma non ho le risposte segrete sulla fine della serie TV! Penso che ce le abbiano solo Damon e Carlton. Ma se dovessi indovinare, credo che finirà con i titoli di coda (che spiritosone!!! NDFT).

Siamo arrivati all’ultima domanda. Se pensi che abbiamo “perso” qualcosa nel corso dell’intervista… questo è il momento giusto di dirlo!
Come lo show TV… siamo aperti ad interpretazione!

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Le avventure di Snoopy: un nuovo trailer per la serie animata targata Apple TV+ 25 Gennaio 2021 - 19:08

Apple TV+ ha diffuso un nuovo trailer de Le avventure di Snoopy (The Snoopy Show), nuova serie animata che ha per protagonista il personaggio creato negli anni ’50 da Charles M. Schulz.

The Christmas Show: Ornella Muti e Raoul Bova nel nuovo film di Alberto Ferrari 25 Gennaio 2021 - 18:30

Dal regista di Un figlio di nome Erasmus, una commedia natalizia tra Frank Capra e The Truman Show

Harry Potter: in arrivo una serie tv destinata a HBO Max! 25 Gennaio 2021 - 18:00

Il magico mondo di Harry Potter potrebbe trovare nuova vita sul grande schermo. Una serie tv ispirata alle avventure del maghetto creato da J.K. Rowling destinata a HBO Max è nelle prime fasi di sviluppo.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.