L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

“A dirigere mettiamo un regista dalla mano non troppo forte”

Di

wanted-jolie.jpg

Se era sensazionalismo che volevano di certo non si sono voluti moderare. Scegliendo Timur Bekmambetov la produzione di Wanted ha messo una firma che vale esplosioni, ralenti, colpi di scena, velocizzazioni, effetti speciali, musica al massimo volume e trovate ad effetto continue. Tutto in un solo nome.

Basta guardare il lavoro che l’ha reso famoso e l’ha fatto conoscere nel mondo ovvero la trilogia iniziata con I Guardiani Della Notte, una serie di film prodotti e girati in Russia a partire da romanzi fantasy moderni russi che raccontano della lotta nella Mosca moderna tra forze del bene e forze del male, all’insaputa della popolazione nonostante le enormi deflagrazioni portate.

Non ha il senso della misura Bekmambetov, o meglio non sembra volerlo avere, il suo cinema è esagerato sempre, fondato sulle figure fondamentali della drammaturgia (che nel cinema moderno finiscono per essere quelle dell’estetica noir: personaggi perduti che non riescono ad amare come vorrebbero) e che si nutre di un ritmo indiavolato quasi temesse di perdere gli spettatori al primo momento di riflessione.

Il pubblico non si può dire non abbia premiato questo suo approccio. I Guardiani Della Notte è stato di gran lunga il più grande incasso della storia del cinema russo e il seguito, I Guardiani Del Giorno ha surclassato questo record, andando di gran lunga oltre qualsiasi possibile incasso di blockbuster statunitensi. Cinema barocco e forsennato che piace in Russia e un po’ meno nel resto del mondo dove i film in questione non hanno avuto la medesima fortuna.

Tuttavia è innegabile come da soli questi film abbiano saputo creare un’industria degli effetti speciali russa ora fiorente e impegnata anche all’estero e come siano riusciti a riportare gran parte della popolazione nei cinema rivitalizzando anche il settore delle sale. Normale quindi che un simile talento formatosi al 100% con il modo di far cinema di Hollywood sia stato chiamato a Los Angeles a lavorare per gli Stati Uniti.

Cosa ci si deve allora aspettare dall’esordio americano? Come spesso accade per i registi che trovano successo in patria e poi sono chiamati in America c’è da aspettarsi un campionario del già visto, una sorta di opera di presentazione nella quale viene reiterato tutto ciò che si è stati in grado di fare in patria e che ha dato notorietà. Del resto non sfuggì a questa regola nemmeno Brother di Takeshi Kitano.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Women’s Stories: Cara Delevingne, Eva Longoria e Margherita Buy nel cast del film antologico 25 Gennaio 2021 - 21:30

Un film a episodi prodotto in Italia ma diretto e interpretato da un gruppo internazionale di registe e attrici

Tiger King: Joe Exotic ora punta su Biden per avere la grazia 25 Gennaio 2021 - 20:45

Dopo aver tentato invano di ricevere la grazia da Donald Trump, Joe Exotic ha messo gli occhi sul nuovo presidente

AFI Awards – Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 25 Gennaio 2021 - 20:42

Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 dell'AFI Awards, Hamilton ha ottenuto un premio speciale

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.