L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Tigerland: l’ingannevole anonimato registico di Joel Schumacher.

Di Roberto

Poster Tigerland

Tigerland (id., Usa 2000; Drammatico – 100′) di Joel Schumacher con Colin Farrell, Matthew Davis, Clifton Collins jr., Tom Guiry, Afemo Omilami, Stephen Fulton, Arian (Waring) Ash.

Fort Polk (Louisiana), settembre 1971: un gruppo di reclute, tra cui l’intemperante Roland Bozz e il suo amico intellettuale Jim Paxton che si è arruolato come volontario e che vorrebbe scrivere un libro di memorie, viene spedito a Tigerland, campo di simulazione della guerra del Vietnam situato a dieci miglia dalla base. L’addestramento sarà così duro da far impazzire un marine, che inizia a sparare con proiettili veri, mentre Bozz metterà la testa a posto e, scopertosi abile leader, deciderà di prendere il posto del compagno, ferendolo appositamente a un occhio.

Il film più personale – ma non per questo riuscito – di un regista commerciale che non ha, per fortuna, rinnegato la Hollywood cui appartiene per stile e mentalità: con una prospettiva scontata e pseudo-realistica, che gli è valso comunque l’inaspettato plauso generale di una critica solitamente ostile, l’anonimo Schumacher (che nel 1971 combatteva la sua guerra contro la tossicodipendenza, stato per cui fu riformato) sembra aspirare al film definitivo sulla sporca guerra nel Vietnam e sulle colpe dell’America, ma alla fine realizza un bigino di temi e situazioni già viste con più efficacia in altri film (i più saccheggiati sono l’ovvio Full metal jacket – per quanto riguarda il turpiloquio e la violenza dell’addestramento, con tanto di scena madre in bagno e finale tra la follia e la nostalgia – e I guerrieri della palude silenziosa – l’esercitazione che si trasforma in un vero massacro addirittura tra stessi compagni, a testimonianza che la vera guerra è prima di tutto dentro ognuno di noi; ma vengono presi a modello anche Hamburger hill, Platoon, La sottile linea rossa e molti altri). L’interessante lavoro fatto col digitale – cinepresa 16mm, camera sovente a mano, primi piani stretti e grana grossa a rievocare il documentarismo di quegli anni – ha una sua semplice dignità e una sua coerenza, e la conclusione è comunque dotata di una certa forza, ma anche il lato anarchico come riflessione di un’insicurezza nazionale non convince: e con tanti stereotipi in giro, non sarà certo una bandiera americana rovesciata a far parlare di simbolismo e di genialità. Appropriata fotografia di Matthew Libatique ma alcuni attori sono adeguatamente fuori parte – a cominciare proprio dal protagonista Farrell, che da qui ha cominciato pure a farsi notare.

Oggi, Domenica 17 Febbraio, Rete4, Ore 23,25.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hellraiser: Clive Barker sarà produttore esecutivo della serie HBO 31 Ottobre 2020 - 19:00

L'autore del film originale è ufficialmente a bordo della serie diretta da David Gordon Green

The Black Phone: Scott Derrickson adatterà il racconto di Joe Hill per Blumhouse 31 Ottobre 2020 - 18:00

Il telefono nero, contenuto nella raccolta Ghosts, diventerà un film del regista di Sinister e Doctor Strange

Suburra: la terza e ultima stagione presentata a Lucca Changes, ecco il video 31 Ottobre 2020 - 17:40

Tra i grandi protagonisti di Lucca Changes, troviamo Suburra. La terza e ultima stagione della serie Netflix è stata presentata durante l’edizione virtuale della manifestazione.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).