L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Sogni e Delitti – La Recensione

Di Gabriele Niola

Sogni e delittiSbandierato come un film medio, o così e così, da chi l’ha visto a Venezia Sogni e Delitti si rivela il pezzo da maestro che doveva essere, confermando come i film di Woody Allen ci mettano sempre di fronte al miglior cinema possibile.Sulla strada di Match Point ma più in là per gusto, abilità e agio nel raccontare una storia drammatica con risvolti thriller il nuovo film di Woody Allen corre sempre sul crinale tra dramma e grottesco, potrebbe sconfinare mille volte nella farsa o nella parodia del genere, alle volte basterebbe anche solo un lume fatto cadere per sbaglio in più, e invece non lo fa.

Scritto con la consueta abilità e complessità Sogni e Delitti racconta per la prima volta nel cinema di Woody Allen una storia di una famiglia umile in maniera seria. Certo c’è uno zio ricco e una fidanzata inserita nel giro che conta che garantiscono ad Allen un bel po’ di scene da upper class (sospiro di sollievo!) ma il cuore della faccenda, i due fratelli, è una storia di scalata sociale (come Match Point) e di criminalità data dalla necessità (come Match Point), di perdizione per la passione torbida provata per una donna attrice (come Match Point), di delitto e castigo (come Match Point), in un mondo dove a dominare è il caos e il caso (come Match Point).
Sogni e Delitti è indubbiamente un film d’altri tempi, c’è tutto il cinema classico, dall’uomo che nasconde in sè sempre un potenziale omicida (Lang), al confronto interiore con il divino (Rossellini, Bresson), fino chiaramente all’ironia anche nel dramma (Hitchcock). Ma dopo la visione di Sogni e Delitti la cosa che più acquista senso è Match Point, ora inscritto in un filone più definito, i cui intenti e la cui visione di mondo sono più chiare perchè reiterate in questo film (a esempio il vestito, i toni e la parlata di Hayley Atwell sono praticamente gli stessi di Scarlett Johansson e sono quindi la cifra della dark lady tutta particolare di Allen).

Se nel film precedente era uno l’elemento del caso che decideva le sorti della storia, qui il caso agisce senza regole e di continuo. Tutti i colpi di scena sono sempre frutto della fortuna o della sfortuna dando l’idea che i protagonisti controllino veramente poco della loro vita nonostante le forti decisioni che prendono.

Con un’attenzione maniacale ma incredibilmente sempre diversa per le immagini, Allen fotografa il suo ultimo film con la solita profondità di campo (incredibili le prospettive che riesce a dare alla città, specialmente per come prende i palazzi sullo sfondo), indugiando più del solito sui protagonisti stretti nelle inquadrature, mirando a connotare i due fratelli prima di tutto esteticamente nelle loro diversità (tuta da meccanico contro camicia e giacca) ma soprattutto nelle loro uguaglianze (incredibile come in certi punti sembrino davvero fratelli!), e raccontando il dramma senza indugiare sui particolari trucidi (la morte avviene sempre fuori campo, per negazione).

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

Scream – I registi hanno girato diverse versioni per evitare spoiler 15 Aprile 2021 - 17:00

Non solo esistono diverse sceneggiature del nuovo Scream, ma i registi hanno effettivamente girato anche molteplici versioni del film per evitare che trapelassero spoiler.

Non mi uccidere: la nostra intervista al regista Andrea De Sica e al Collettivo GRAMS 15 Aprile 2021 - 16:48

Il nostro Filippo Magnifico ha intervistato il regista Andrea De Sica e il Collettivo GRAMS e ha parlato con loro di Non mi uccidere, il teen drama con Alice Pagani e Rocco Fasano.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.