L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Sono io a dare l’ultimatum a Jason Bourne

Di Francesco

thebourneultimatum.jpg

Vi prego basta! Poniamo la parola fine a questa trilogia inaspettata. Ebbene sì, il primo capitolo era più che autoconclusivo, ma forse gli ottimi risultati ai botteghini hanno fatto ben pensare alla produzione di aprire e sviscerare meglio un’idea non malvagia, dopo tutto, del super agente smemorato, ammazzasette ma non cristiani, sulle tracce del proprio io, passato e identità, non per forza in quest’ordine…

Paul Greengrass dirige, Matt Damon dispone. Vi sono altri interpreti? Sì. O meglio, sicuramente. Ma chi se li ricorda… Per carità, non me ne voglia nessuno di loro, sono attori bravi, che hanno anche un bel background alle spalle. Ma è come guardare un ritratto e voler parlare a tutti i costi della cornice.

Matt Damon, che recentemente e quasi sicuramente anche grazie a questo film, ha indossato la corona del più fico, stando alla speciale classifica redatta da People, è assolutamente perfetto per la parte, tanto da chiedersi se oltre che smemorato e un poco ebete, in alcuni momenti, sia seriamente in grado di fare tutte quelle acrobazie degne del miglior atleta di parkour.

Sarà che ormai siamo così abituati a vederlo nella parte, che non possiamo pensare a lui se non identificandolo in Linus Caldwell, ops no scusate, errore mio, è che non pensavo fosse già caduto nella trappola ma miè tornata subito in mente la sua esperienza con il ciclone dei vari Ocean’s

Jason Bourne, ecco, sì proprio lui. L’agente smemorato, ma che ormai ha continui flash, ritaglia sempre più spazio per il suo passato appropriandosi così di cose che forse, era meglio non ricordare. Con quel faccino che sembra sempre voler dire, chi io? Non posso essere stato io….! E nel frattempo esplode colpi d’arma da fuoco saltando da una finestra all’altra e rotolando su pavimenti pieni di vetri in uno stretto corpo a corpo… tutto macho e poco sessuale. O forse erotico proprio per quello…

Consapevole di quel che mi potessi aspettare da una simile pellicola, riuscitissima negli aspetti adrenalinici senza concedere mai una tregua al filo narrante e conduttore, ho il sentore che ci sia, purtroppo, spazio per un ritorno. L’ennesimo. Di troppo!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office USA: Primo Wrath of Man con $8M, seguito da Demon Slayer 9 Maggio 2021 - 22:58

Wrath of Man, il film di Guy Ritchie interpretato da Jason Statham apre al primo posto con $8M al Box Office USA, seguito da Demon Slayer

The Falcon and the Winter Soldier – Un video svela i segreti del braccio di Bucky 9 Maggio 2021 - 20:00

Uno speciale di Marvel Entertainment ci porta alla scoperta del braccio bionico di Bucky in The Falcon and the Winter Soldier, con Lorraine Cink e il supervisore agli effetti visivi Eric Leven.

Pam and Tommy – Nuove foto di Sebastian Stan e Seth Rogen nella serie 9 Maggio 2021 - 19:00

Sebastian Stan e Seth Rogen sono Tommy Lee e Rand Gauthier nelle nuove foto di Pam and Tommy, miniserie con Lily James nel ruolo di Pamela Anderson.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.