L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Nacho Vigalondo è il vincitore di Science+Fiction 07

Di Smeerch

cronocrimenes.jpg

E’ Los Cronocrimenes, dello spagnolo Nacho Vigalondo, il vincitore del Premio Asteroide. Lo ha deciso la Giuria di Science+Fiction 07, presieduta da Alfredo Castelli, il creatore di Martin Mystère, ospite del festival proprio nell’anno del venticinquennale del suo celebre fumetto. Con lui una giuria d’eccezione, composta da grandi esperti e studiosi degli universi fantastici: Anaïs Emery, storico del cinema e tra i fondatori del Neuchâtel International Fantastic Film Festival (NIFFF), uno dei festival…… più importanti della Svizzera; Jean-Francois Ranger, direttore di programmazione della Cinémathèque française e critico del quotidiano Le Monde; Fritz Herzog, curatore della collezione della Cineteca alla Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS); e Alla Verlotsky, fondatrice e presidente della Seagull Films, società con sede a New York costituita nel 1999 per fornire una programmazione ed una distribuzione di alta qualità al cinema d’essai, indipendente ed innovativo proveniente dall’ex Unione Sovietica e dalla Russia contemporanea.
A detta della giuria, Los Cronocrimes ha pienamente meritato il Premio Asteroide assegnato al Miglior film lungometraggio ” per la sua capacità di dimostrare che anche con un piccolo budget si possono raccontare delle storie incredibili e straordinarie. Il protagonista della pellicola rivela che per rimanere uomini comuni talvolta bisogna essere simili a dei mostri.
La giuria ha parlato di un grande esordio cinematografico.
Nella sezione European Fantastic Short, la selezione di cortometraggi fantastici europei – in collaborazione con l’EFFFF – è stato premiato il cortometraggio Absence del regista Kevin Lecomte.
Il cortometraggio francese ha ricevuto la Nomination per il Miglior cortometraggio fantastico europeo, che gli permetterà di concorrere nel 2007 al Méliès d’Or della Federazione Europea dei festival di cinema fantastico (EFFFFwww.melies.org) – per l’eccellenza nella realizzazione di una storia commovente e insieme universale.
Menzione speciale al cortometraggio The Reptile Day, proveniente dal Regno Unito, di Tom Hickmore. La giuria ha deciso di premiare con questa menzione il film inglese per l’espressione sorprendentemente originale di un film di genere.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Articolo Precedente

Articolo Succesivo

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.