L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Lodi a Lucchetti per il suo Mio Fratello è figlio unico

Di Smeerch

Miofratello-conf_stampa.jpg
Mio fratello è figlio unico
di Daniele Lucchetti (Italia, 2007)
con Riccardo Scamarcio, Elio Germano, Diane Fleri, Angela Finocchiaro, Luca Zingaretti, Anna Bonaiuto, Massimo Popolizio, Ascanio Celestini, Alba Rohrwacher, Claudio Botosso e Ninni Bruschetta
Finalmente un bel film italiano. I miei più sinceri complimenti a Daniele Lucchetti, che tra l’altro io apprezzo sin dai tempi de “Il portaborse“. A dirla tutta mi sono piaciuti tanto anche i suoi Arriva la bufera, La scuola e La settimana della sfinge.
Un film semplice, lineare ma che fa grande presa nello spettatore. Non si ha nessuna difficoltà a riconoscersi in qualcuno dei personaggi rappresentati. C’è subito empatia. Ma non solo. La storia appassiona anche e soprattutto perché è la storia di un po’ tutti noi. L’infanzia in un seminario, la gioventù trascorsa ad bruciarsi di passione politica, i primi amori (e bollori), ecc. Sono cose queste che possono benissimo esserci capitate in prima persona o ad un nostro amico, fratello, cugino, ecc. L’Italia rappresentata da Lucchetti è una Italia vera. L’Italia degli anni ’60, semplice. L’Italia dei sacrifici per chi non era proprio benestante.
Per non rovinarvi la sorpresa, qualora non aveste ancora visto il film, vi dico solo…


che si tratta della storia di un ragazzo di Latina e della sua formazione politica, delle sue vicende familiari e personali, dell’eterno odio/amore verso suo fratello (da cui il titolo del film).
A completare la riuscita del film ci sono le buonissime recitazioni di tutto il cast.
Partiamo da Elio Germano: protagonista assoluto. Nonostante il film venga venduto come “bi-protagonistico” (passatemi il termine), devo dire che al centro della scena c’è solo Elio Germano. Il quale recita magnificamente. Il ragazzo è cresciuto. Non è mai stato tra i miei attori preferiti. Anzi. Questa volta, però, devo ammettere che ho apprezzato tantissimo la profondità che è riuscita a dare al personaggio di Accio. Promosso a grandi voti: 9+
Anche se – si sa – le donne vanno a vedere questo film perché ci recita anche lui, Riccardo Scamarcio è solo “a latere”. Intendiamoci: recita bene, molto meglio che non in passato. Però non si avvicina nemmeno alla ricchezza del personaggio e dell’interpretazione di Germano. Lo so: è brutto fare paragoni ma tant’è. Non lo si può nascondere. E’ evidente. Bravo ma viene un po’ offuscato dalla presenza di Germano che – lo ripeto – promozionalmente è stato ‘venduto’ meno del suo compare.
9 anche per Angela Finocchiaro che veste il ruolo della madre dei fue fratelli. Avvincenti i duetti con Elio Germano, commovente il realismo della scena di pianto finale.
Ottima prova poi per Luca Zingaretti nella parte dell’amico adulto che fa un po’ anche da padre a Accio (Elio). Un fascista di quelli apparentemente bonari, pater familiae, ecc. Uno che però, alla lunga, si rivela non diverso dagli altri ‘camerata’ più giovani. (Al plurale si dirà ‘camerati’ o ‘camerata’?)
Diane Fleri è caruccia, fa tenerezza. E’ una bella ragazza, resa ancor più interessante dal suo accento francese (con la cosiddetta ‘R’ moscia). Ma avrà davvero origini francesi? Ad ogni modo l’ho trovata adeguata. Cioè un volto giusto al posto giusto. Non bellona, non strafiga, nè svampita o invadente. Carina al punto giusto e anche simpatica. Una di cui ci si innamora in 3 secondi netti. Brava e bella.
Mi spiace che ad Anna Bonaiuto diano parti sempre moralmente molto riprovevoli. Sarà per questo suo misterioso fascino latino? Non saprei dirlo. Qui interpreta la moglie di Mario il fascistone (Zingaretti). Personaggio interessante. Non vi anticipo nulla.
Incredibilmente simile a Germano il ragazzino che ha interpretato il personaggio di Accio da bambino. Un plauso al cast e un plauso all’attore stesso che, nonostante la giovane età, ha mostrato di non essere secondo agli altri attori presenti nella pellicola.
Simpaticissimo il cameo di Ascanio Celestini nei panni di un prete indulgente. Attore da rivalutare. Ma piano piano, senza fretta.
Poche scene per Alba Rohrwacher. Fa la sorella dei due protagonisti. Niente da dichiarare.
2 piccolissime apparizioni anche per Claudio Botosso. Ricordate il commesso del film “Grandi magazzini” innamorato di Ornella Muti? Beh, è lui. Qui fa la parte di un capopolo barbuto. Simpatico.
Molto belli i brani di musica pop – rigorosamente italiani – che si sentono nelle battute finali del film. Sono sicuro che riescono a dare grandi sensazioni a chi è stato giovane durante gli anni ’60. Stupenda la versione acustica di Amore disperato di Nada che si sente durante i titoli di coda.
Nota: i parenti di Rino Gaetano, autore del pezzo Mio fratello è figlio unico, hanno concesso l’utilizzo del titolo per realizzare il film che, però, non ha alcun legame con la canzone stessa.

Mirror da smeerchblog – Foto di Cinemotore.net.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Jungle Cruise – Tutto ciò che c’è da sapere sul film Disney con The Rock e Emily Blunt 30 Luglio 2021 - 20:00

Jungle Cruise è arrivato dopo le sale anche su Disney+: ecco tutto ciò che c'è da sapere sul film!

Love, Victor rinnovato per una terza stagione 30 Luglio 2021 - 18:57

Hulu ha annunciato il rinnovo per una terza stagione di Love, Victor! Verrà svelato chi c'è dietro la porta nel cliffhanger dell'episodio finale della seconda stagione

The Crown: prima foto di Imelda Staunton nei panni della Regina Elisabetta 30 Luglio 2021 - 17:41

Ecco come apparirà l'attrice nell'attesa quinta stagione di The Crown, in arrivo su Netflix nel 2022

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.