L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Servi l’apocalisse alla prossima generazione

Di Francesco

children_of_men_poster.jpg

Londra, 2027. Lunghi piano-sequenza hanno la forza del racconto, del reportage di guerra, cui purtroppo, siamo stati ormai abituati dai cine giornali quotidiani. Il mondo è minacciato e il male peggiore è sempre lo stesso: l’uomo.

Questa volta è la nostra fertilità messa in pericolo, la nostra stessa sopravvivenza, l’idea base di una discendenza, di un futuro… tutto viene meno. Il genere umano non è più in grado di autorigenerarsi e quando a 18 anni muore il più giovane dei terrestri, tutto precipita nel caos e nelle tenebre.


Il film di Alfonso Cuaron è una pellicola cupa, pregna di un pesante fardello. L’annuncio di un’Apocalisse non così lontana, il 2027 è ormai dietro l’angolo è piuttosto credibile, forse post datando la fine di tutto, ma non sono così assurde le tesi illustrate e lo svolgersi delle vicende.

Theo (Clive Owen) ex attivista e ormai stanco e pigro burocrate fagocitato dal sistema, viene trascinato in qualcosa più grande di lui: una profuga è rimasta incinta e in lei vive la speranza dell’umanità.

Clive Owen è bravissimo nella sua parte di anti-eroe, posato e alle volte snervante nella sua più completa passività, quasi inattività, chiamato a prendere decisioni che vorrebbe evitare. Apprenderemo i motivi di questo suo comportamento, che ci permetteranno di non giudicarlo.

Tutto ci viene narrato come se un inviato speciale, seguisse camera in spalla, una qualsiasi incursione delle tante operazioni sparse nei Paesi non occidentali. Lo stesso protagonista è quasi sempre presente, perché è la sua “missione” quella da raccontare, forse ancor più che il messaggio di speranza che cerca ad ogni costo di salvaguardare.

Come se ce ne fosse bisogno, l’unica raccomandazione è quella di non perdere neanche un minuto della pellicola, a rischio di comprendere il senso generale del tutto, ma di perdere spunti fondamentali che forniscono un essenziale background per il prosieguo de I Figli degli Uomini (Children of Men).

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Spider-Man: No Way Home – Jon Favreau tornerà nel ruolo di Happy [RUMOR] 18 Aprile 2021 - 15:00

Gli ultimi rumor sostengono che Jon Favreau tornerà nel ruolo di Happy Hogan in Spider-Man: No Way Home, la cui uscita è attesa per dicembre.

Mortal Kombat: dalla colonna sonora del film, ecco il brano “I Am Scorpion” 18 Aprile 2021 - 14:00

È disponibile un nuovo assaggio della colonna sonora di Mortal Kombat. Dopo il remix di “Techno Syndrome” degli Immortals, è il turno di “I Am Scorpion”, brano composto sempre da Benjamin Wallfisch.

Locked Down: il film concepito, scritto, girato, finito e distribuito durante la pandemia 18 Aprile 2021 - 13:00

Locked Down, il nuovo film diretto da Doug Liman, è da qualche giorno disponibile per l’acquisto e il noleggio digitale. Ecco i primi 10 minuti.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.