L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Dal Giappone: il box office del weekend

Di Redazione

sad.JPG
Nessun grande scossone nel weekend cinematografico giapponese dove troviamo al primo posto ancora Death Note: the last name.
Regge bene anche Flags of our fathers che scende dal terzo al quarto posto, mentre l’unica nuova entrata nei primi dieci è Sad Movie, un atteso film sudcoreano che racconta 4 storie di vita che si sviluppano nella Corea del Sud al giorno d’oggi.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Articolo Precedente

Articolo Succesivo

LEGGI ANCHE

Box Office Italia: The Conjuring e Crudelia guidano ancora la classifica 14 Giugno 2021 - 10:01

The Conjuring – Per ordine del Diavolo, il terzo capitolo della saga horror creata da James Wan, si aggiudica un altro weekend.

Black Widow – Natasha ha degli affari in sospeso nel nuovo spot 14 Giugno 2021 - 10:00

Natasha e la sua famiglia combattono Taskmaster nel nuovo spot di Black Widow, in arrivo il prossimo 7 luglio nelle sale italiane.

È morto Ned Beatty, attore di Superman e Un tranquillo weekend di paura 14 Giugno 2021 - 8:50

Ned Beatty, grande attore caratterista apparso in Un tranquillo weekend di paura, Quinto potere, Superman e molti altri film, si è spento a 83 anni.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.