L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

PROOF

Di Redazione

Le colpe dei padri ricadono sui figli? I tratti somatici, visibili tracce di comune matrice genetica, sono il solco per gli stessi errori? Per le stesse condanne? E il talento di un padre è il fardello del figlio? E la sua malattia ne è la gabbia? Un film a 4 voci. L’eroina stanca, giovane, bella e già intubata dalla depressione porta a termine i giorni di custodia di un padre, genio della matematica, malato e accartocciato intorno alla propria follia. Il sospetto perverso è che insieme al genio matematico, il dna abbia replicato anche la malattia: la follia. Prova (proof) ne sarebbe quell’atteggiamento borderline, quelle nervrosi che seminano il dubbio, atroce e tuttora irrisolto dalla psicologia, dalla medicina, dall’anatomia: il gene prevale sull’ambiente? La nostra grafia somiglia a quella di nostro padre perché è scritto nei geni, o perché stando con il padre, si impara a zoppicare? L’antagonista di sangue, una sorella maggiore newyorchese e insopportabilmente umana, nel suo radicalismo chiccoso e pratico cerca di essere buona ed aiutare la nostra eroina (che è gwyneth alla prova del nove, voto nove, brava gwyneth, leggera e credibile). Ma c’è qualcosa di piu’ nocivo quando ad aiutarti e’ solo l’unica persona che non puo’? Ma tra padre già morto, fantasma incancellabile, e due sorelle alla resa dei conti si infila l’amore. Arriva l’amore e sembra, per una volta, portare chiarezza, anziché guai e confusione. Il vincolo del sangue traballa, davanti al trasporto di aria pura che un nuovo amore soffia dal profondo della sua genuinità. Troppo gravoso un padre, davanti ad un fidanzato bello e intelligente. Troppo goloso il boccone di un punto di vista finalmente esterno alla famiglia, per non addentarlo, follia nonostante. E così crolla la tenaglia della famiglia e la nostra eroina si libera di essa. E di una follia che si era ricalcata addosso, senza averla. E per scoprire di essere, in fondo, prigioniera dei propri numeri interiori. Del proprio talento. Da un grande potere deriva una grande responsabilità. La nostra eroina arriva a malapena a prenderne coscienza. Film pieno di buchi (una madre c’è? dov’è? troppe vicende taciute per comodità di traccia, ahi ahi ahi), eppure affascinante. I numeri, l’amore, le formule, il sangue, i fantasmi dentro e fuori. E la prova tangibile che non arriva. Perché l’amore sarebbe, secondo questo film, un po’ come una fede. Non saprei.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Articolo Succesivo

LEGGI ANCHE

Star Wars: Galactic Starcruiser, un’esperienza unica al mondo dal 2022 a Walt Disney World 4 Agosto 2021 - 21:30

Due giorni e due notti a bordo di un'astronave da crociera, un'esperienza immersiva come mai prima d'ora per i fan di Star Wars

Annette: il trailer del musical di Leos Carax con Adam Driver e Marion Cotillard 4 Agosto 2021 - 20:45

Il film uscirà in USA su Amazon Prime Video, mentre arriverà in Italia al cinema da I Wonder Pictures, Koch Media e Wise Pictures il 20 agosto

Wednesday: Eva Green sarà Morticia Addams nella serie Netflix di Tim Burton? 4 Agosto 2021 - 20:00

La serie su Mercoledì de La famiglia Addams sarà anche interpretata da Jenna Ortega

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.